[Cc-it] Consiglio sul codice html e rdf

Giampaolo Mancini giampaolo.mancini a polito.it
Ven 8 Lug 2005 10:06:05 EDT


Ciao,

Emanuele Quinto wrote:
> Scusate ma la domanda aveva, forse, un altro aspetto.

Sono daccordo con te, la mia risposta non era delle migliori (un po' del
tipo che noi tecnici siamo soliti dare [1]), ma permettimi di dire che
era sicuramente corretta.

L'aspetto che io colgo nella mail di Enrico  che lui sta cercando di
capire dove inserire il codice RDF delle CCPL per proteggere lo stile e
la grafica del sito.
Per me non deve essere inserito da nessuna parte:  semplicemente
sbagliato, perch, di nuovo, le CCPL-in-HTML riguardano i contenuti.

Se si vuole tutelare la grafica, IMHO, si devono "appiccicare" in
qualche modo le CCPL *alla grafica*, non al sito che la ospita.

Cerco di spiegarmi meglio, con l'intento di delineare una strategia
generale con cui affrontare in futuro questo tipo di problemi.

Quello che io farei sarebbe aggiungere i metadati CCPL (Commons Deed,
RDF o il semplice disclaimer) nei commenti delle varie JPG (o PNG) che
compongono la grafica.

In aggiunta, in una sezione/pagina del sito dedicata, specificherei che
il layout della pagina  protetto da diritto d'autore (ammesso che sia
possibile farlo [2]) secondo gli estremi delle CCPL.

Potrei pensare, delirando, di incollare un RDF *specfico per ogni
elemento*, sia esso grafico o di stile, subito dopo la parte di codice
HTML che include/usa quel determinato elemento.
Pi semplicemente, potrei aggiungerei un RDF nell'HTML dedicato al
layout (avrebbe senso? boh...)


La mia visione  che nel futuro esisteranno una serie di plugin per i
vari browser in grado di leggere le licenze CCPL di tutti i diversi
elementi che compongono una pagina di un sito.


A questo punto deciderei se aggiungere metadati & co. alle pagine del
sito ma solo ed esclusivamente per dichiarare le licenze relative ai
contenuti. Infatti, potrei decidere di licenziare "il layout" con CCPL e
i contenuti con un altro tipo di licenza.

Il rationale  che le licenze CC devono essere diffuse "incastrate" alle
opere a cui sono associate. Ovvero, icona e metadati nell'HTML per i
contenuti del sito, disclaimer e metadati nei tag EXIF o nei commenti
per le grafiche, e cos via.

> Dove diamine e' meglio mettere l'RDF? Nelle intestazioni o comunque non
> e' un problema metterlo nel corpo dell'html?

Tornando al caso delle CCPL per i conenuti di un sito.

Qui [3] c' una piccola introduzione ed alcun suggerimenti su come
risolvere il problema dell'embedding RDF in HTML.
Fra le soluzioni proposte, la prima (RDF nell'header HTML)  quella che,
semanticamente, mi sembra un po' pi pulita.

In ogni caso io ho sempre inserito l'RDF nel body HTML, subito dopo la
parte di codice relativa all'icona CC e al disclaimer: in fondo 
incapsulato in un commento HTML, quindi va bene metterlo dove si vuole.

> Questa domanda, almeno nel mio caso, deriva dal fatto che il CMS che
> uso quando controlla la licenza ha gia' preparata gli header di pagina
> e quindi l'RDF finisce in-line con il disclaimer.
> Personalmente ho vagato un po' nella rete ma non ho trovato indicazioni
> precise. Alcuni siti lo mettono in-line, altri nell'header. Mah.

Una soluzione che mi sembra ragionevole  quella di inserire disclaimer
e RDF in una parte del codice che viene "ripetuta" pi o meno
automaticamente su tutto il sito: in una testatina, in un pi di pagina,
perfino in un men. Solo per non dover inserire lo stesso codice in ogni
pagina (i programmatori sono pigri).

> Al di la' delle sempre possibili guerre di religione (evitabili
> licenziando il coice e i contenuti contemporaneamente con 2 licenze, il
> codice GPL, i contenuti CC), queta era una domanda tecnica. Mi pare.

Bene. Questa risposta pu andare?

> 
> ema
> 

Buon lavoro a tutti.
Anzi, buon week-end!
mancho.

--
[1] Si racconta (Hackers. Gli eroi della rivoluzione informatica, Steven
Levy, 2002, Shake Edizioni Underground, ISBN 8886926979) che uno degli
hacker del MIT avesse dei particolari problemi di relazione con il mondo
esterno. Era uno dei pochi hacker del laboratorio di AI che era riuscito
a sposarsi ed un giorno alla domanda della moglie: "Caro, avresti voglia
di aiutarmi a portare in casa la spesa?" rispose: "Si." ma rimase
esattamente nel posto in cui era, senza far niente. La risposta alla
domana , chiaramente, l'unica corretta. Ma ammetto che la reazione, per
chi non  abituato ad avere pi relazioni con le macchine che con le
persone, pu risultare un po' strana. :-D

[2] E sono daccordo con Peppe <tricks a email.it> quando dice che
aggiungere una licenza al CSS non ha molto senso.

[3] http://infomesh.net/2002/rdfinhtml/

-- 
Giampaolo "mancho" Mancini
Open Media Streaming Project
  Internet Media Group
    Politecnico di Torino
mailto:giampaolo.mancini a polito.it
phone:(+39)0112276518
http://streaming.polito.it

-------------- parte successiva --------------
Un allegato non testuale  stato rimosso....
Nome:        signature.asc
Tipo:        application/pgp-signature
Dimensione:  256 bytes
Descrizione: OpenPGP digital signature
Url:         http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20050708/e77627c3/attachment.bin 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it