[Cc-it] Consiglio sul codice html e rdf

Nicola A. Grossi k2 a larivoluzione.it
Ven 8 Lug 2005 06:31:36 EDT


Giampaolo Mancini Scrive: 

> Ciao, 
> 
> Nicola A. Grossi wrote:
>> 
>> No, no. Enrico ha ragione. :-)
>> Intervengo perché si tratta di un equivoco comune (di cui tratterò presto 
>> nelle ex faq di creativecommons.it, che ora stanno, rivedute e corrette, su 
>> un altro sito, di cui non faccio il nome per non fare pubblicità).  
>> 
>> 1. Enrico non sta cercando di proteggere nulla, sta solo cercando di 
>> rinunciare all'esercizio esclusivo di una serie di diritti di utilizzazione 
>> economica.  
>> 
>> 2. *In fondo* Enrico sta cercando di licenziare un codice sorgente (che è 
>> un'opera dell'ingegno) e può utilizzare la GNU GPL.
>> Ma *"in cima"* Enrico sta cercando di licenziare una certa grafica (che è 
>> *un'altra* opera dell'ingegno) e può utilizzare una CCPL. 
> 
> Puo darsi. 
> 
> Le CCPL andrebbero usate per proteggere i contenuti, IMHO. 
> 
> E direi che la grafica ed il layout del sito non sono per niente i suoi
> contenuti a meno che il sito stesso non sia l'opera d'arte da tutelare.
 

Io rispetto la Sua posizione, ma la verità è che tra i contenuti licenziati 
nelle licenze open content (perdoni il bisticcio) c'è anche la grafica. La 
grafica è un'opera dell'ingegno in tutto e per tutto. 

 

> Voi licenziereste con CCPL l'impaginazione del vostro romanzo o del
> vostro quotidiano? (Ammesso che essa stessa non sia, esplicitamente,
> l'opera di ingegno, come può accadare su certe riviste?) 
> 
> Saluti,
> mancho.
 

Secondo Lei Liber Liber, tanto per fare un nome, cosa rilascia con CCPL?
La grafica è *sempre* un'opera dell'ingegno, su *tutte* le riviste.
Così dicendo, Lei suscita il disappunto dei grafici. :-) 

 

Saluti,
n.a.g. 





Maggiori informazioni sulla lista cc-it