[Cc-it] Re: Alcuni temi da affrontare il 1° febbraio

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Lun 31 Gen 2005 13:18:50 EST


Thomas Scrive: 

> Nicola Alcide Grossi wrote:
>> Thomas Scrive:
> [...]
>> *Uno* "status ad hoc"? Che cos'è?
> 
> Quello di cui discutiamo.

Ah, perfetto. 

 

>> Facciamo così: se hai una proposta alternativa, proponila, argomentala e 
>> poi ne discutiamo.
> Ok? Non è il modo migliore per essere produttivi?
>> Dire "non mi piace", "non mi piace", "non mi piace" e poi non proporre 
>> un'alternativa a che serve? Proponi, argomenta e se la tua proposta sarà 
>> ritenuta valida sarà la proposta di tutti: mi sembra un meccanismo 
>> semplice semplice, no? 
>> 
> Scusa ma è quello che stiamo facendo da più di una settimana,
 

Ah, perfetto. 


>>>> Ma allora anche le licenze libere non copyleft sono pericolosi 
>>>> "troiani"?
>>>  
>>> 
> 
> No per il motivo che il pd è una categoria la quale può permettere la 
> riappropriazione dell'opera, mentre le licenze tipo copyleft no.

Ah, perfetto.
Comunque, rileggi la domanda: ho parlato di licenze libere *non* copyleft. 
:) 

 

> Questa, come tu sai meglio di me, è una prima e importante garanzia che le 
> gpl-like hanno e il pd non ha.
 

Sì, ma io, ti ripeto, ho parlato di licenze libere *non* copyleft. :) 


> Siccome non condivido la opzione di "imporre" la gpl per il software 
> finanziato pubblicamente ma non trovo il pd una categoria abbastanza 
> garantista, il dire "uno status ad hoc" non è un eresia. Semplicemente 
> -come hai detto tu in precedenza- non occorre altro che elencare per legge 
> i diritti che verranno fatti salvi (patrimoniali, connessi, limiti 
> temporali,....)
 

Sì sì. Però, quello che sto cercando di farti capire è che offrire una gamma 
di scelta è meglio che offrire *una* soluzione univoca.
Una gamma di scelta che va dal PD fino a una serie di soluzioni che fanno 
salvi alcuni diritti esclusivi: l'autore, in questo modo, ha libertà di 
scelta. Questa è la filosofia di CC.org: come filosofia, secondo me, è buona 
(poi sulle licenze ci sono dei problemi, ma questo è un altro discorso). 

 

> Trattare alla stessa stregua un film o un software può comportare più 
> svantaggi che vantaggi. Questo è assodato. Un film non ha bisogno del 
> codice sorgente per essere libero, un software si. Eppure la categoria pd 
> non prevede che il software debba essere rilasciato con il sorgente.
> Ora, è evidente che un software liberamente distribuibile ma senza 
> sorgente non rispetta quel requisito dell'accessibilità e fruibilità che è 
> alla base della discussione.
> Questo significa che andrebbe fatta una prima distinzione in base alla 
> natura del bene prodotto con finanziamenti pubblici.
 

Ma quando diciamo "il PB per la fattispecie generale" e "le licenze per le 
fattispecie speciali", cosa stiamo dicendo secondo te?
La fattispecie software (data la sua particolare natura) verrà trattata in 
modo diverso. E' chiaro. Opteremo per una licenza libera copyleft, magari, 
chissà. 

 

> In secondo luogo, essendo l'attuale produzione 
> culturale-scientifica-artistica italiana in una situazione diciamo non 
> "perfetta", molte produzioni commerciali (si pensi alla praticamente 
> totalità dei film) sono almeno coofinanziate. In tal caso il pd avrebbe 
> come esito la mortificazione del coofinanziamento. Per questi casi (i cui 
> parametri andrebbero definiti con cura) uno status che ne preveda la 
> libera diffusione solo per scopi non commerciali potrebbe far combaciare i 
> bisogni di libera disponibilità e di occupazione, entrambe meritevoli.
> Per tanto, un secondo parametro dovrebbe essere la natura del 
> finanziamento.

Vedi: un'altra fattispecie speciale. Vedi che il meccanismo funziona?
Perché utilizzare una soluzione univoca? Occorre un ventaglio e bisogna 
farlo sventolare bene. 

 


> Poi c'è il discorso open content e dichiarazine di Messina sostenuta dal 
> CRI, che tu stesso hai citato.

Eh, perché non fai una raccolta delle fattispecie speciali e per ognuna 
presenti una soluzione adeguata? Non sarebbe una bella proposta? [*] 

 

 

> Mi scuso se tutto ciò (che non è nulla di nuovo ma un semplice riassunto 
> delle ultime due settimane) non rappresenta per te una proposta concreta 
> ma solo critiche non costruttive. La proposta Scarichiamoli! mi trova 
> favorevole, altrimenti non l'avrei firmata. Siccome eravamo tutti 
> d'accordo sul svilupparla assieme, questo è il mio contributo. Mi sono 
> sforzato di essere costruttivo, spero con successo.
 

A me non sembrano nemmeno critiche (figurati se possono sembrarmi non 
costruttive :)); a me sembrano potenziali proposte perfettamente in linea 
con quello che è "Scarichiamoli!". Mi piacerebbe, però, che non rimanessero 
potenziali, ma fossero reali.[*] Ci siamo capiti adesso? :) 

 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

Tutti pensano a cambiare l'umanità, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. 

Lev Tolstoj 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it