[Cc-it] INCONTRO 1 FEBBRAIO: BOZZA- CONTRIBUTO

MARCO MARANDOLA marandol a hotmail.com
Lun 31 Gen 2005 12:30:44 EST


- GIOVANNI WROTE:
Ho letto con attenzione l'interessante contributo/proposta postato da Marco
>Marandola.
>Sinceramente, però, non ci sto capendo più nulla (e chiedo lumi...) :-)))
>La proposta di Marco Marandola verrà portata all'incontro come proposta
>correlata al progetto Creative Commons Italy? O l'invito ad aggiungere
>firme in fondo alla sua mail è per chi vuole aderire alla sua (leggi: che
>proviene unicamente  da lui) proposta?

- La proposta e' mia personale.
Sono un lobbista (anche alla OMPI oltre che al Parlamento Europeo), e sono 
abiotuato a formulare documenti concreti... deformazione personale.
Mi chiedevo solo se tale impostazione e' (o potrebbe essere) condivisibile 
da altri che partecipano domani.
Secondo me dobbiamo presentarci con qualcosa di concreto.
Naturalmente la mia formazione e' un po' diversa dalla vostra, io sono 
favorevole alla libera circolazione delle idee/opere a certe condizioni.
Inoltre sono un avvocato di diritto internazionale "al servizio" delle 
biblioteche ed Universita'.. pertanto, come gia' detto, ho un approccio che 
forse puo' essere un po' differente da quello di altri "copyleft" puri.. :)


>Basta che leggi (Marco) le pagine di CC, o le opere di Lessig, per
>comprendere che quelli che lui chiama "private rights" sono al centro del
>suo sistema ma, soprattutto, sono la "leva" per ampliare l'area dei "public
>goods" giocando sui diritti.
- Le conosco.. le conosco.. pero' attenzione: il cocetto di "public goods", 
ed il sistema delle licenze sono completamente diversi tra gli USA e 
noi..cosi' come diverso e' il sistema editoriale, la diffusione di internet 
ed altro..


> >Oggi possiamo dimostrare che la libera circolazione di un'opera non e' un
> >danno per l'autore dell'opera.
> >Infatti la diffusione delle sue opere si accompagna alla diffusione del
> >suo nome.
>
>La libera circolazione può non essere un danno. Ma deve sempre essere
>l'autore a poter scegliere come fare circolare l'opera.> >Sarebbe quindi 
>utile incentivare la scelta dell'autore di scegliere la rinuncia a tali 
>diritti.
>Non ho capito questa frase. La legge dovrebbe spingere "moralmente" ( o ti
>riferisci a incentivi economici) ogni autore a scegliere di rinunciare ad
>alcuni diritti patrimoniali?

- Sono per gli incentivi, cosi' come li riceve la editoria cartacea (dati 
del dipartimento della editoria parlano di centinaia di milini di euro a 
fondo perduto.. per la stampa solo!).
Agli incentivi fiscali-economici vanno affiancati anche gli altri (secondo 
me).. leggi dopo.


>Cosa intendi per liberamente accessibile? Che la legge dovrebbe stabilire
>per tutte queste opere una sorta di tipologia di licenza/contratto con cui
>chi le scarica o le vuole sfruttare per cui uno ci può fare ciò che vuole?

- Dipende dalla licenza!

> >­       Il riconoscimento del valore della pubblicazione elettronica ai
> >fini di concorsi pubblici.
>Non sono già riconosciuti da anni anche in Italia? Nei bandi di concorso
>(io ad esempio conosco bene quelli del mondo dell'università) non è già
>previsto che le pubblicazioni in formato elettronico possano essere
>valutate a discrezione della Commissione come quelle cartacee?

-No,  la commissione puo' tenere in conto quelle elettroniche, e deve tenere 
in conto quelle cartacee, per cui gli autori pagano per essere pubblictai in 
cartaceo, e fanno dei libri orrendi che nessuno compra. Questa situazione e' 
molto sentita all'interno di TUTTe le Universita al Mondo!
Si chiama "Impact factor".
Se le pubblicazioni Open Acess elettroniche non vengono riconosciute ai fini 
dei concorsi e non ricevo nessuna sovvenzione, perche' l'autore dovrebbe 
permettere l'Open Access?
Sono stato consulente di un importantissimo progetto italiano di editoria 
digitale che (nonostante gli incredibili fondi) ha dovuto chiudere... 
Motivo? Nessuno voleva pubblicare digitale!!
Questo due anni fa, ora il panorama e' cambiato (dopo due anni!).
Conoscete la dichiarazione CRUI (Conferenza Rettori Universita' Italiane) 
sull'Open Access?

> >­       Riconoscere validita' all'opera pubblicita Open Access sul web
> >attraverso il regolamento sul deposito legale.
>Cosa intendi? Che uno può depositare l'opera o che uno DEVE depositare? (la
>normativa sul deposito legale ha sollevato molte polemiche proprio per un
>ventilato obbligo anche per il mondo elettronico. Non mi sembra che sia
>molto "salutare" spingere affinchè altre categorie di opere entrino
>nell'alveo del deposito legale e degli obblighi connessi)

- Tra le altre cose sono in contatto con la commissione sul deposito 
legale..
Le opere elettroniche DEVONO essere depositate (il dubbio e per i siti web).
Il deposito ha dei vantaggi (secondo me. ma sono sicuro che non tutti siamo 
d'accordo) fornisce una "marchio" di garanzia sulla fonte, sull'autore ed 
altro..


>Penso che la proposta di Marco contenga spunti davvero interessanti, ma non
>ho ben capito cosa c'entri con Creative Common e con i suoi principi.

- Bhe concordo... !
Il mio e' stato un tentativo di proporre un documento concreto.. anziche' 
parlare in astratto..
Pertanto (lo vediamo anche domani se volete) la mia era solo una semplice 
proposta-discussione e se non siete favorevoli di certo non la presento.. in 
Fondo Open access e' un movimento democratico.
A domani!


Marco Marandola





Maggiori informazioni sulla lista cc-it