Re: [Cc-it] Re: Alcuni temi da affrontare il 1° febbraio

Thomas thomas.margoni a creativecommons.it
Dom 30 Gen 2005 10:44:27 EST


>
>
> Se la licenza è p e r s i s t e n t e (esempio: Share-Alike), non può 
> esservi rinuncia all'esercizio esclusivo di tutti i diritti 
> patrimoniali e connessi (PD), perché l'opera e le opere da essa 
> derivate devono essere rilasciate sotto licenza uguale.
> Allora bisogna vedere se la licenza persistente è compatibile con la 
> legge.
> E' semplice il meccanismo e soprattutto è forzato. Le CCPL fanno salvi 
> i diritti connessi: dunque la Share-Alike ai sensi di legge non 
> sarebbe una licenza ammissibile. E questo è un bel problema.
>
>
Ed è esattamente a questo tipo di considerazioni che faccio riferimento 
quando dubito sull'utilità del pd.
Invece di proporre il pd che è una categoria "prefabbricata" potremmo 
proporre uno status "ad hoc" così da risolvere a monte il problema.



>
>
>>
>> Che in molti casi è meno "garantista" della possibile licenza. Il pd 
>> così com'è è una categoria "pericolosa", che può essere molto 
>> vantaggiosa se usata a opportunamente, ma essere un troiano se non se 
>> ne prevedono tutte le possibili deviazioni.
>
>
> Ma allora anche le licenze libere non copyleft sono pericolosi "troiani"?

No, esattamente per la differenza che intercorre tra licenza libera (?) 
non copyleft e pd


> Copyleft obbligatorio? Calma... molta calma... le soluzioni univoche 
> si adattano poco ai casi storici: quelle sì che sono pericolose.

E chi a mai parlato di copyleft obbligatorio?

> L'autore deve essere libero di scegliere se rilasciare l'opera sotto 
> licenza idonea o sotto pubblico dominio: perché obbligarlo ad 
> utilizzare una certa formula? Se limiti la libertà di scelta 
> dell'autore, allora l'autore potrebbe, ad esempio, non essere disposto 
> a creare l'opera commissionata. Obbligare alla libertà non è affatto 
> un principio di libertà.
>
Ma questa ipotesi io la identifico con la falsa alternativa tra pd e 
licenza persistenti. O accetto la licenza che già esiste sull'opera 
originaria, oppure accetto il pd, che scelta è?

>
> Se riusciamo a soddifargisciela, soddisfargiscigliegliamogliela. :)
>
mi soddisfacce :-)

>
>
>> Beh, il comunicato stampa è il biglietto col quale ci siamo 
>> presentati a tutte quelle realtà che non frequentano cc 
>> quotidianamente. Se il contenuto del comunicato è equivoco, allora va 
>> rivisto.
>
>
>
> Va bene, ma di questo dovresti parlarne con Danilo, perchè l'ha 
> scritto lui.
> Io ho solo aggiunto una riga.

Ne parlo in lista perchè a prescindere da chi è stato materialmente 
redatto, è sottoscritto da altre persone, e per modificare ciò che hanno 
sottoscritto serve prima il loro parere.
E senza che queste altre persone me ne vogliano, quella passività che io 
pavento, e che non è un insulto è semplicemente riconoscere che molti di 
noi non sostengono il ritmo incalzante della lista, non vorrei fosse il 
motivo per il quale si accetta un comunicato **buono e condiviso** ma 
non per questo imperfettibile.

>
> Sì sì, ma sono ben più di 2. :)
>
E infatti io sto cercando di smuovere le acque perchè si pronuncino al 
riguardo.
Ripeto che il silenzio non mi pare una risposta


>
> E ti ripeto: ho come
>
>> l'impressione che, giudicando dai contributi concreti, molti 
>> appoggiano passivamente. Sarei contento di essere smentito.
>
>
>
> Ah, già sono succubi... mancano di spirito critico... oppure hanno 
> paura di esprimere la loro opinione... già... :)
>
Non so se questa è la tua visione. Non è la mia. Ho già detto qual'è il 
motivo secondo me: il non stare dietro ai ritmo della ml

[...]

>
> Ma chi sono ste *molte* persone? A me risultano solo *2 persone* (te e 
> Lorenzo).

Rileggi la frase molte è riferito a chi la sostiene, altre a me e Lorenzo.

>
> Allora all'oggi "Scarichiamoli!" non esisterebbe. :)
> Se mi dici cosa si dovrebbe scrivere per essere d'accordo *tutti*, lo 
> scrivo subito. Sono in ascolto.
>
>
Oppure esisterebbe come risultato del dibattito attuale....

>
>
> Appoggio passivo? Ma quando una persona sottoscrive una documento 
> secondo te lo fa passivamente? Dai, non insultiamo l'intelligenza 
> delle persone.
>
Ho già risposto sopra.

>
>>> 3. 1 sola associazione (su quante? dimmelo tu) si è espressa in tal 
>>> senso e probabilmente non ha nemmeno capito che il "ciò" si 
>>> riferisce esclusivamente alle opere dell'ingegno.
>>
>>
>> Erano un paio, ma non è questo che conta. 
>
>
> Due? A me risulta una. Sai, meglio specificare perché "alcune" 
> potrebbero essere 5, 10, 20... ;)
>
e un paio significa 2 ;-)


>




Maggiori informazioni sulla lista cc-it