[Cc-it] INCONTRO 1 FEBBRAIO: BOZZA- CONTRIBUTO

Giovanni Ziccardi g.ziccardi a tin.it
Sab 29 Gen 2005 17:02:43 EST


Ho letto con attenzione l'interessante contributo/proposta postato da Marco 
Marandola.

Sinceramente, però, non ci sto capendo più nulla (e chiedo lumi...) :-)))

La proposta di Marco Marandola verrà portata all'incontro come proposta 
correlata al progetto Creative Commons Italy? O l'invito ad aggiungere 
firme in fondo alla sua mail è per chi vuole aderire alla sua (leggi: che 
proviene unicamente  da lui) proposta?

Lo chiedo perchè, leggendo il contributo di Marco (e seguendo da qualche 
anno l'evoluzione di Creative Commons e i suoi aspetti legali) mi sembra - 
ma vorrei qualche altro parere, ad esempio quello di Nicola o Danilo - che 
siamo in due mondi differenti, e che alcune considerazioni espresse da 
Marco - e condivisibili o meno a seconda dell'idea che uno ha del diritto 
d'autore (e che io sinceramente non mi sento di criticare, e non è lo scopo 
di questa mail, perchè in larga parte le condivido, tranne qualche aspetto 
che delineerò o che non ho capito) sono ben lontane dall'idea di Lessig e 
dai principi alla base di Creative Commons.

Quoto, per semplicità

>Inoltre, in ogni stato democratico e moderno, si sovrappongono esigenze 
>degne di tutela giuridica superiori agli interessi economici dei titolari 
>(autori/editori) quali: sicurezza nazionale, accesso alla Cultura (come 
>stabilito all'art.9 della Costituzione), diffusione della cultura e della 
>conoscenza.

Questo è il primo punto: per Lessig l'interesse economico dell'autore (che 
puoi chiamare anche un "giusto compenso", o comunque che la maggior parte 
del frutto del lavoro arrivi all'autore stesso e non si perda nei meandri 
degli uffici legali e dei rivenditori)-distributori-intermediari è il 
motore alla base di CC.
Mi spiego: Lessig usa l'idea di un copyright "moderato" (ovvero che 
garantisce comunque all'autore, se l'autore vuole, un profitto) per non 
spaventare tutti coloro che, comunque, con la loro attività creativa ci 
campano e magari usano i profitti della loro attività per portare e creare 
altra cultura. Contemporaneamente ( e qui sta la genialità del progetto CC) 
Lessig fornisce all'autore un sistema modulare di licenza che può variare 
il "contributo" che l'autore può dare al mondo della cultura aggiungendo o 
togliendo libertà ai successiui fruitori dell'opera.
Basta che leggi (Marco) le pagine di CC, o le opere di Lessig, per 
comprendere che quelli che lui chiama "private rights" sono al centro del 
suo sistema ma, soprattutto, sono la "leva" per ampliare l'area dei "public 
goods" giocando sui diritti.
Tutta la libertà nella scelta della licenza Lessig la lascia all'autore: 
l'autore potrà quindi contribuire, se sceglierà il massimo grado di libertà 
concesso dalle licenze CC (e dalla loro combinazione), all'espansione delle 
opere che cadono nel pubblico dominio (e, quindi, aumentare i confini del 
pubblico dominio stesso).

>Oggi possiamo dimostrare che la libera circolazione di un'opera non e' un 
>danno per l'autore dell'opera.
>Infatti la diffusione delle sue opere si accompagna alla diffusione del 
>suo nome.

La libera circolazione può non essere un danno. Ma deve sempre essere 
l'autore a poter scegliere come fare circolare l'opera. I Grateful Dead 
sono stati i pionieri (ci sono DVD molto dfivertenti dei concerti dei Dead 
dove fanno dei siparietti con dei fans fingendo di sequestrare loro i 
registratori con cui registravano tutti i concerti), ma non sarei così 
tassativo. Ci sono tante forme mediate o miste di libera circolazione delle 
opere ( e CC è nata proprio in questa prospettiva) che possono essere meno 
pericolose per l'autore e possono ugualmente contribuire alla diffusione 
della cultura.

>Gli introti riscossi da un autore di un libro in media sono risibili.

Anche qui non generalizzerei troppo. Ma non vorrei aprire una discussione 
su perchè sono risibili (e, soprattutto, sul motivo per cui all'autore va 
solo il 5% in media sul prezzo di vendita della sua opera). Piuttosto mi 
preme far notare che l'ipotesi NON COMMERCIAL inventata da Lessig per 
Creative Commons è anche pensata - come si legge chiaramente sul sito - per 
permettere ad un soggetto interessato che voglia usare l'opera licenziata 
sotto CC per fini commerciali (esempio colonna sonora di una pubblicità) di 
contattare direttamente l'autore - senza intermediario alcuno - e di 
contrattare direttamente con lui il costo dello sfruttamento patrimoniale 
dell'opera. Non viene quindi esclusa da Lessig la possibilità di 
circolazione di denaro tra autore e sfruttatore dlel'opera per fini 
commerciali, anzi. La visibilità di CC permette però di contattare 
direttamente l'autore e di evitare intermediari, che portano sovente ad 
aumenti di costi (e, quindi, CC concede all'autore la possibilità di 
fissare il prezzo della sua opera, anche a seconda del contraente che 
gliela chiede, e di gestire direttamente, se vuole, il suo "business").

>Sarebbe quindi utile incentivare la scelta dell'autore di scegliere la 
>rinuncia a tali diritti.

Non ho capito questa frase. La legge dovrebbe spingere "moralmente" ( o ti 
riferisci a incentivi economici) ogni autore a scegliere di rinunciare ad 
alcuni diritti patrimoniali?

>­       Opera finanziata con denaro pubblico, o sovvenzion (a qualsiasi 
>titolo) a parte dello Stato,-Regioni-Comuni-Provincie-Universitaà- 
>Pubblica Amministarzione, deve essere resa liberamente accessibile.

Cosa intendi per liberamente accessibile? Che la legge dovrebbe stabilire 
per tutte queste opere una sorta di tipologia di licenza/contratto con cui 
chi le scarica o le vuole sfruttare per cui uno ci può fare ciò che vuole?

>­       Il riconoscimento del valore della pubblicazione elettronica ai 
>fini di concorsi pubblici.

Non sono già riconosciuti da anni anche in Italia? Nei bandi di concorso 
(io ad esempio conosco bene quelli del mondo dell'università) non è già 
previsto che le pubblicazioni in formato elettronico possano essere 
valutate a discrezione della Commissione come quelle cartacee? la legge 
parla di "discrezione della commissione" per un motivo molto ovvio, e direi 
condivisibile: è molto facile pubblicare in formato elettronico, anche 
auto-pubblicare, e magari si vuole verificare che lo scritto abbia 
quantomeno passato una review (come avviene per le riviste scientifiche). 
Del resto negli USA ci sono fior di pubblicazioni elettroniche che vengono 
valutate, nei concorsi, anche più di quelle cartacee, ma perchè per 
pubblicare sulle riviste c'è una review scientifica seria. Non ho  ben 
capito cosa proporresti di diverso dalla situazione attuale

>­       Riconoscere validita' all'opera pubblicita Open Access sul web 
>attraverso il regolamento sul deposito legale.

Cosa intendi? Che uno può depositare l'opera o che uno DEVE depositare? (la 
normativa sul deposito legale ha sollevato molte polemiche proprio per un 
ventilato obbligo anche per il mondo elettronico. Non mi sembra che sia 
molto "salutare" spingere affinchè altre categorie di opere entrino 
nell'alveo del deposito legale e degli obblighi connessi)

Penso che la proposta di Marco contenga spunti davvero interessanti, ma non 
ho ben capito cosa c'entri con Creative Common e con i suoi principi.

O, meglio, forse non ho seguito bene la lista e non ho compreso che 
l'incontro in Senato è in realtà un incontro con tanti esponenti di tante 
realtà, ognuno con le sue idee (a volte contrastanti tra loro e in 
conflitto con i principi di Creative Commons).

In tal caso le mie osservazioni non contano nulla perchè è giusto che, 
vista l'occasione, vengano ascoltate tutte le esigenze.

Ma non è che poi l'incontro diventa inutile perchè ognuno propone una cosa 
diversa? E, soprattutto, se l'interlocutore non è esperto come voi (noi) 
non è che tempestarlo di tutte queste questioni possa avere un effetto 
devastante sul suo intelletto? :-))

Un caro saluto (e, comunque, di nuovo complimenti per tutto il lavoro che 
state facendo)

giovanni





Maggiori informazioni sulla lista cc-it