[Cc-it] Re: Alcuni temi da affrontare il 1° febbraio

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Sab 29 Gen 2005 16:48:51 EST


Thomas Scrive: 

> Nicola Alcide Grossi wrote: 
> 
>> Thomas Scrive: 
>> 
>>> Su questo se ne potrebbe discutere. Che senso ha dire che non prevediamo 
>>> alcuna licenza ma solo dei diritti da far salvi, se poi quando ci 
>>> troviamo in presenza di licenze preesistenti allora le ne riconosciamo 
>>> la validità?
>>  
>> 
>> Ha molto senso: ne riconosci la validità in base al fatto che non fanno 
>> salvi determinati diritti esclusivi. 
>> 
> E allora in questo caso non capisco quale sia l'esatta utilità del 
> pubblico dominio

E' la condizione "di copertura", la regola generale... se non c'è licenza 
persistente (non: preesistente! :D), la condizione per il finanziamento è la 
rinuncia all'esercizio esclusivo di tutti i diritti patrimoniali e connessi. 
E' la condizione base. Non mi sembra nulla di difficile da capire. 

 

>> E' un problema diverso: riguarda le licenze persistenti con cui l'opera 
>> *già* sia rilasciata. O accetti la licenza (sulla base del fatto che essa 
>> non fa salvi determinati diritti esclusivi) o non vi è luogo a procedere. 
>> 
> Non capisco, potresti chiarire meglio il punto, per favore?
 

Se la licenza è p e r s i s t e n t e (esempio: Share-Alike), non può 
esservi rinuncia all'esercizio esclusivo di tutti i diritti patrimoniali e 
connessi (PD), perché l'opera e le opere da essa derivate devono essere 
rilasciate sotto licenza uguale.
Allora bisogna vedere se la licenza persistente è compatibile con la legge.
E' semplice il meccanismo e soprattutto è forzato. Le CCPL fanno salvi i 
diritti connessi: dunque la Share-Alike ai sensi di legge non sarebbe una 
licenza ammissibile. E questo è un bel problema. 

 

 

>>> Se il discorso è "a noi non importa della licenza ma dei diritti che 
>>> riserva. Stabilito che alcuni devono essere garantiti, le ulteriori 
>>> previsioni aggiuntive compatibili sono lecite" allora inizio a essere 
>>> d'accordo. Ma allora che senso ha sostenere il Pubblico Dominio come 
>>> regola quando le eccezioni saranno più numerose e importanti?
>>  
>> 
>> Ha senso invece: là dove l'autore non intenda avvalersi di una licenza 
>> compatibile (caso specifico), opera la regola generale (PD). 
>> 
> 
> Che in molti casi è meno "garantista" della possibile licenza. Il pd così 
> com'è è una categoria "pericolosa", che può essere molto vantaggiosa se 
> usata a opportunamente, ma essere un troiano se non se ne prevedono tutte 
> le possibili deviazioni.

Ma allora anche le licenze libere non copyleft sono pericolosi "troiani"?
Copyleft obbligatorio? Calma... molta calma... le soluzioni univoche si 
adattano poco ai casi storici: quelle sì che sono pericolose.
L'autore deve essere libero di scegliere se rilasciare l'opera sotto licenza 
idonea o sotto pubblico dominio: perché obbligarlo ad utilizzare una certa 
formula? Se limiti la libertà di scelta dell'autore, allora l'autore 
potrebbe, ad esempio, non essere disposto a creare l'opera commissionata. 
Obbligare alla libertà non è affatto un principio di libertà. 

 


>>> Dovremmo riflettere a fondo sulla categoria giuridica Pubblico Dominio, 
>>> sulle sue implicazioni e sulla sua opportunità, anche alla luce di ciò 
>>> che dicono Assoli.
>>  
>> 
>> 
>> Anche quelli di AsSoLi sono spaccati sul punto: chi ha capito meglio il 
>> significato di ***PD + accesso pubblico***, ha espresso un parere 
>> favorevole al PD.
>  
> 
> Visto che riconosci la spaccatura, riconoscerai anche la necesstià di 
> giungere ad una soluzione che soddisfagga i vari dubbi espressi

Se riusciamo a soddifargisciela, soddisfargiscigliegliamogliela. :) 

 


> Beh, il comunicato stampa è il biglietto col quale ci siamo presentati a 
> tutte quelle realtà che non frequentano cc quotidianamente. Se il 
> contenuto del comunicato è equivoco, allora va rivisto.
 

Va bene, ma di questo dovresti parlarne con Danilo, perchè l'ha scritto lui.
Io ho solo aggiunto una riga. 

 

>> 1. non è solo Nicola che non condivide, ma tutti i sottoscrittori che non 
>> hanno manifestato parere contrario nei confronti di ciò che hanno 
>> sottoscritto;
> 
> ???
> I sottoscrittori non sono poi così tanti. 
 

Sì sì, ma sono ben più di 2. :) 

 

E ti ripeto: ho come
> l'impressione che, giudicando dai contributi concreti, molti appoggiano 
> passivamente. Sarei contento di essere smentito.
 

Ah, già sono succubi... mancano di spirito critico... oppure hanno paura di 
esprimere la loro opinione... già... :) 

 

>> 2. Nicola non è stato categorico, ma ha detto che per correttezza 
>> bisognerebbe aspettare fino al 1° febbraio;
> 
> Ed io infatti non ho detto categorico, ho detto che non sei d'accordo, 
> come molte altre persone, e a differenza di altre. 
 

Ma chi sono ste *molte* persone? A me risultano solo *2 persone* (te e 
Lorenzo). 

 

Il dato numerico, come
> ho sempre sostenuto, rappresenta una extrema ratio.
> Siccome è una specia di dittatura della maggioranza (e mi capite, che non 
> venga fuori nessuno con  plemiche sulla questione) quella di portare 
> avanti una scelta perchè molti la sostengono, sappiamo bene che 
> l'alterrnativa è il consenso. Procedere solo quando tutti sono convinti o 
> almeno concordi. 

Allora all'oggi "Scarichiamoli!" non esisterebbe. :)
Se mi dici cosa si dovrebbe scrivere per essere d'accordo *tutti*, lo scrivo 
subito. Sono in ascolto. 

 

Non ho problemi a retorcedere dalle mie posizioni, ma non
> posso esimermi dal sollevare i dubbi che mi attanagliano. Confortato dal 
> fatto che l'appoggio di molti è passivo non potrei mai accettare io 
> passivamente. Se poi è necessario decidere in tempi brevi, allora "la 
> democrazia è la peggior forma di governo dopo tutte le altre".
 

Appoggio passivo? Ma quando una persona sottoscrive una documento secondo te 
lo fa passivamente? Dai, non insultiamo l'intelligenza delle persone. 

 

>> 3. 1 sola associazione (su quante? dimmelo tu) si è espressa in tal senso 
>> e probabilmente non ha nemmeno capito che il "ciò" si riferisce 
>> esclusivamente alle opere dell'ingegno.
> 
> Erano un paio, ma non è questo che conta. 

Due? A me risulta una. Sai, meglio specificare perché "alcune" potrebbero 
essere 5, 10, 20... ;) 

 

Entriamo nel merito, perchè
> altrimenti doveremmo considerare anche quante di quelle che hanno 
> appoggiato l'iniziativa incondizionatamente hanno le specifiche competenze 
> giuridiche che tale riflessione pretende. Molte l'avranno? Lo spero. 
> Sicurmante non tutte.
 

E allora dovrebbero aderire solo le persone con competenze specifiche? :)
Dai... :D 


> In ogni caso, accessibilità e ecumenismo culturale oltre che tecnologico 
> volgiono che noi diamo ascolto e importanza a tutte le critiche, non solo 
> a quelle maggioritarie. E se ricordi Socrate allora a maggior ragione 
> dovremmo ascoltare quelle minoritarie.
 

Se non dessi importanza alle critiche minoritarie (nella fattispecie di 2 
persone) perché mai parlerei con te? ;)
Perché mai avrei postato in lista un messaggio dal titolo "per la tutela 
delle minoranze" (messaggio, tra l'altro, dalle minoranze, ossia da te e 
Lorenzo, molto ben accetto)? 

Ribadisco il concetto: se mi dici cosa si dovrebbe scrivere per essere 
d'accordo *tutti*, lo scrivo subito (lo scrivo... lo scriviamo... lo 
scrivete... ). 

 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

Tutti pensano a cambiare l'umanità, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. 

Lev Tolstoj 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it