Re: [Cc-it] Re: Alcuni temi da affrontare il 1° febbraio

Thomas thomas.margoni a creativecommons.it
Sab 29 Gen 2005 15:27:43 EST


Nicola Alcide Grossi wrote:

> Thomas Scrive:
>
>> Su questo se ne potrebbe discutere. Che senso ha dire che non 
>> prevediamo alcuna licenza ma solo dei diritti da far salvi, se poi 
>> quando ci troviamo in presenza di licenze preesistenti allora le ne 
>> riconosciamo la validità?
>
>
> Ha molto senso: ne riconosci la validità in base al fatto che non 
> fanno salvi determinati diritti esclusivi.
>
E allora in questo caso non capisco quale sia l'esatta utilità del 
pubblico dominio

>> Soprattutto si ripropone la stessa remora relativa al parametro/i in 
>> base al quale alcune licenze si e altre no.
>
>
> E' un problema diverso: riguarda le licenze persistenti con cui 
> l'opera *già* sia rilasciata. O accetti la licenza (sulla base del 
> fatto che essa non fa salvi determinati diritti esclusivi) o non vi è 
> luogo a procedere.
>
Non capisco, potresti chiarire meglio il punto, per favore?

>
>> Se il discorso è "a noi non importa della licenza ma dei diritti che 
>> riserva. Stabilito che alcuni devono essere garantiti, le ulteriori 
>> previsioni aggiuntive compatibili sono lecite" allora inizio a essere 
>> d'accordo. Ma allora che senso ha sostenere il Pubblico Dominio come 
>> regola quando le eccezioni saranno più numerose e importanti?
>
>
> Ha senso invece: là dove l'autore non intenda avvalersi di una licenza 
> compatibile (caso specifico), opera la regola generale (PD).
>

Che in molti casi è meno "garantista" della possibile licenza. Il pd 
così com'è è una categoria "pericolosa", che può essere molto 
vantaggiosa se usata a opportunamente, ma essere un troiano se non se ne 
prevedono tutte le possibili deviazioni.

>
>> Dovremmo riflettere a fondo sulla categoria giuridica Pubblico 
>> Dominio, sulle sue implicazioni e sulla sua opportunità, anche alla 
>> luce di ciò che dicono Assoli.
>
>
>
> Anche quelli di AsSoLi sono spaccati sul punto: chi ha capito meglio 
> il significato di ***PD + accesso pubblico***, ha espresso un parere 
> favorevole al PD.


Visto che riconosci la spaccatura, riconoscerai anche la necesstià di 
giungere ad una soluzione che soddisfagga i vari dubbi espressi

>
>
>> Penso che soprattutto per quanto riguarada sf e pa, la lista dedicata 
>> di Assoli rappresenti un base di partenza per sviluppare un discorso.
>
>
>
> Sì, ma non so quanto abbiano capito di cosa stiamo parlando: stanno 
> basando le loro considerazioni né su quello che diciamo in lista, né 
> sulla pagina del progetto, ma sul comunicato stampa. Anzi, su un una 
> riga... no, un pezzo di riga del comunicato stampa...
>
Beh, il comunicato stampa è il biglietto col quale ci siamo presentati a 
tutte quelle realtà che non frequentano cc quotidianamente. Se il 
contenuto del comunicato è equivoco, allora va rivisto.

>> Quello che io, Lorenzo, e alcune associazioni contattate abbiamo 
>> lamentato  (e che Nicola non condivide) è che dalla pagina 
>> scarichiamoli! non si percepisca bene questa dualità di progetti 
>> (complementari, paralleli, etc) ma due.
>
>
> Uh, quante cose non vere, Tom:
> 1. non è solo Nicola che non condivide, ma tutti i sottoscrittori che 
> non hanno manifestato parere contrario nei confronti di ciò che hanno 
> sottoscritto;

???
I sottoscrittori non sono poi così tanti. E ti ripeto: ho come 
l'impressione che, giudicando dai contributi concreti, molti appoggiano 
passivamente. Sarei contento di essere smentito.

> 2. Nicola non è stato categorico, ma ha detto che per correttezza 
> bisognerebbe aspettare fino al 1° febbraio;

Ed io infatti non ho detto categorico, ho detto che non sei d'accordo, 
come molte altre persone, e a differenza di altre. Il dato numerico, 
come ho sempre sostenuto, rappresenta una extrema ratio.
Siccome è una specia di dittatura della maggioranza (e mi capite, che 
non venga fuori nessuno con  plemiche sulla questione) quella di portare 
avanti una scelta perchè molti la sostengono, sappiamo bene che 
l'alterrnativa è il consenso. Procedere solo quando tutti sono convinti 
o almeno concordi. Non ho problemi a retorcedere dalle mie posizioni, ma 
non posso esimermi dal sollevare i dubbi che mi attanagliano. Confortato 
dal fatto che l'appoggio di molti è passivo non potrei mai accettare io 
passivamente. Se poi è necessario decidere in tempi brevi, allora "la 
democrazia è la peggior forma di governo dopo tutte le altre".

> 3. 1 sola associazione (su quante? dimmelo tu) si è espressa in tal 
> senso e probabilmente non ha nemmeno capito che il "ciò" si riferisce 
> esclusivamente alle opere dell'ingegno.

Erano un paio, ma non è questo che conta. Entriamo nel merito, perchè 
altrimenti doveremmo considerare anche quante di quelle che hanno 
appoggiato l'iniziativa incondizionatamente hanno le specifiche 
competenze giuridiche che tale riflessione pretende. Molte l'avranno? Lo 
spero. Sicurmante non tutte.

In ogni caso, accessibilità e ecumenismo culturale oltre che tecnologico 
volgiono che noi diamo ascolto e importanza a tutte le critiche, non 
solo a quelle maggioritarie. E se ricordi Socrate allora a maggior 
ragione dovremmo ascoltare quelle minoritarie.


Thomas




Maggiori informazioni sulla lista cc-it