[Cc-it] Re: Alcuni temi da affrontare il 1° febbraio

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Ven 28 Gen 2005 13:17:21 EST


Thomas Scrive: 

> Alla luce delle osservazioni riguardanti il progetto scarichiamoli 
> avvenute sia in lista (le posizioni espresse da me e da Lorenzo, 
> particolarmente) sia fuori (quelle espresse da Assoli e da altri) facciamo 
> un documento unitario nel quale si riassume il tutto, ossia
> il progetto scarichiamoli (portale) e quello della modifica della legge 
> (poi, le obiezioni che non si percepisca bene la differenza sono state 
> sollevate anche da altri, ma questo è meno impellente) alla luce delle 
> proposte e controproposte e suggerimenti vari?

Dunque... 

 - Proposta Cc.it: 

1. Siamo tutti d'accordo sul portale stile "Norme in Rete" (portale-motore 
di ricerca). 

2. Siamo tutti d'accordo sul contenuto *minimo* del portale: opere *già* di 
pubblico dominio. 


 - Proposta Verdi: 


1. Siamo tutti d'accordo sull'opportunità di riferirsi, quanto all'open 
content, non ad una licenza particolare ma ai singoli diritti esclusivi: 
perché è difficile trovare una definizione universalmente condivisa di open 
content e perché sarebbe arduo, all'atto pratico, individuare la licenza 
idonea ai sensi di legge. 

2. Siamo tutti d'accordo sul prevedere una fattispecie generale (-> pubblico 
dominio) e fattispecie speciali (-> licenza).
Se si è in presenza di licenza persistente (GPL, CC Share-Alike...), si 
utilizzerà tale licenza, purché non faccia salvi determinati diritti 
esclusivi (esempio: diritti connessi). 


3. Siamo tutti d'accordo sul distinguere tra open content e free software, 
tuttavia:
alcuni vorrebbero che il software finanziato pubblicamente fosse *sempre* 
rilasciato con licenza libera copyleft, altrimenti, dicono, le imprese 
potrebbero sfruttare il lavoro che la comunità ha finanziato e 
proprietarizzarlo; altri, invece, fanno notare che il software finanziato 
pubblicamente sarebbe anche pubblicamente accessibile e diffondibile 
(scaricabile da Internet e liberamente copiabile, distribuibile... 
rilasciabile sotto copyleft) -> nessuna impresa avrebbe interesse a 
proprietarizzare un bene disponibile a tutti gratuitamente... tuttavia, se 
un'impresa investisse tempo e denaro per sviluppare un software finanziato 
pubblicamente e "valesse la pena" acquistare *quel* software, perché 
impedire agli imprenditori (che pagano le tasse) e a chi *lavora* in quelle 
imprese (che paga le tasse: e come se le paga) di ricevere "indiretti 
benefici"? Non si instaurerebbe un circolo virtuoso? Un DDL aperto anche al 
mercato non sarebbe più condivisibile? Il suo iter non sarebbe meno 
problematico? 


 - Impostazione generale: 

1. Alcuni ritengono che sia opportuno presentare le 2 proposte nello stesso 
DDL, altri ritengono, invece, che sia opportuno presentarle separate:
cambiare il diritto d'autore nelle sedi internazionali ed europee, inserendo 
cause di estinzione dei diritti patrimoniali e dei diritti connessi 

 

 - Questa è una bozza... se mi aiutate a migliorarla... grazie. - 

 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

Tutti pensano a cambiare l'umanità, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. 

Lev Tolstoj 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it