[Cc-it] Alcuni temi da affrontare il 1° febbraio

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Mer 26 Gen 2005 16:02:41 EST


Alcune interessanti osservazioni raccolte sulla lista di AsSoLi
(lista da tenere sempre presente quando si vuol fare del buon debugging... 
tra l'altro conosco Francesco Potortì e, se siete d'accordo, proverei
a proporgli una piccola "collaborazione lato software").
A proposito di collaboratori, apro una piccola parentesi: Pievatolo, c'è 
come c'è Di Donato.
Tra me e Pievatolo c'è reciproca stima e ho motivo di ritenere che non basti 
qualche piccola incomprensione* a far "scappare" una persona come lei. 
Pievatolo non scappa mai. Al limite se ne va: ma è un'altra cosa.
Quanto alle incomprensioni, però, soprattutto quelle che riguardano Moi*, 
vorrei dire una cosa: quando si lavora sodo e _a tempo pieno_ su una cosa,
è umano commettere qualche errore, perché è umano essere stanchi...
francamente trovo disumana la passione che Moi dimostra di avere per questo 
progetto.
Alzi la mano chi ha parlato al telefono con Moi: tanti eh? :) Moi svolge 
quotidianamente una funzione di coordinamento straordinaria: lavoro 
invisibile, certo, ma importantissimo. Passa 10 ore al giorno davanti al 
monitor per sviluppare il sito: lavoro invisibile, certo, ma 
importantissimo.
Se proprio devo dire qualcosa di personale a Moi, allora, gli dico "GRAZIE", 
così come dico "grazie" a Lorenzo e a tutte le persone che
dedicano tempo ed energie a questo progetto. Il mio è un invito a mettere da 
parte i rancori (che spesso nascono per cose futili) e a pensare al futuro: 
un futuro in cui tanto più saremo uniti, tanto più riceveremo soddisfazioni.
Chiusa parentesi. 


> Se io sviluppo software per la pubblica amministrazione partendo da 
> software GPL si porrebbe ad esempio il problema di come faccio a 
> rilasciarlo in pubblico dominio quando la GPL richiede di continuare ad 
> usare la GPL.

Questa osservazione è corretta ma vale anche per la Share-Alike e per tutte 
le licenze persistenti (potrebbe trattarsi anche di licenze proprietarie).
La causa di estinzione supererebbe anche questo problema (anche il copyleft 
muore :D), ma la sede per arrivare ad introdurla nella legge sul diritto 
d'autore, come più volte ricordato, non è quella nazionale (è anche per 
questo che, come ho spiegato, a me piacerebbe operare a più livelli,
insieme ai commoners delle altre nazioni e a CC.org: pensate che FSFE 
collabora con WIPO... perché non potrebbe farlo anche Creative Commons?).
Questo è uno di quegli argomenti che probabilmente verranno trattati 
all'incontro.
Comuqnue, si può pensare a un'eccezione (esempio: se c'è licenza persistente 
vale la licenza purché non siano fatti salvi i diritti esclusivi x, y e z). 

 

Altre osservazioni: 

 


>Inoltre la cosa non mi convince tanto neanche sul piano politico. Se 
>vengono usati soldi pubblici personalmente voglio di piu`, e cioe` anche 
>che mi sia garantito che se si e` sviluppato software libero questo 
>resti tale anche in riutilizzi successivi. E per questo il pubblico 
>dominio non basta, ci vuole anche il copyleft.
 

>Rilasciare il sw prodotto da una realta' pubblica 
>in modo che tutte le imprese possano usarlo, incluse quelle 
>che lo rendono proprietario puo' essere visto come una 
>forma di finanziamento pubblico indiretto.
>Infatti quel software e' stato pagato dalla collettivita' e 
>viene usato dall'impresa per trane profitto senza che 
>questa lo paghi (piu' di quanto lo ha gia' pagato in quanto
>contribuente).
>Ancora piu' significativo e' il fatto che un contribuente, 
>se acquistera' il sw proprietario derivato da quello libero,
>lo paghera' nuovamente. Questo e' palesemente ingiusto.
>Se invece si obbliga la PA a produrre software copyleft si
>obblighera' chi desidera produrre software proprietario
>a non poter usufruire di qualcosa che ha in parte pagato
>per trarne profitto, se non adottando una licenza copyleft
>per i prodotti derivati. 
	 

Questa osservazione sembra non tenere presente il fatto che, nelle nostre 
prospettive, il software prodotto da una realtà pubblica non solo sarebbe di 
pubblico dominio ma sarebbe anche
pubblicamente accessibile (su Internet). Se l'impresa proprietarizza lo 
stesso software, chi lo comprerebbe?
Se invece l'impresa lo sviluppa (investendo tempo e denaro) e fa in modo che 
valga la pena comprare *quel* software, perché quel prodotto dovrebbe essere 
di pubblico dominio?
Soprattutto questa storia (infondata, secondo me) del finanziamento 
indiretto alle imprese potrebbe essere un buon cavallo di troia. :D 

Tuttavia, pensate a quelle imprese che sfruttano il lavoro di perfetti 
sconosciuti (software rilasciato con GPL) e poi ci fanno affari: il sorgente 
è sì a tua disposizione, ma solo se acquisti il prodotto.
Se il sorgente fosse disponibile su Internet, infatti, le persone potrebbero 
scaricarlo, compilarlo e avere il software gratuitamente: addio affari.
Come vedete è difficile parlare di cosa sia giusto e cosa sia ingiusto. :)
Certamente il pubblico dominio è compatibilissimo con il copyleft: la 
libertà, poi, secondo me, dovrebbe essere una scelta e non un'imposizione.
Ma ci addentriamo su temi che non è possibile trattare seriamente in poco 
tempo e poco spazio.
L'importante è che _tutti_ gli stakeholders possano esprimere la propria 
opinione, le proprie idee, la propria filosofia di vita... 

E' anche per questo che è stata mia premura invitare AsSoLi (ho contattato 
Simone Piccardi) a mandare un loro rappresentante per l'incontro in
Senato e spero vivamente che accolgano l'invito.
Avevo invitato anche l'amico Ziccardi (che è un creativo, un chitarrista coi 
fiocchi), tanto per avere un Giurista in più,
ma, proprio il 1° febbraio è in sala di registrazione :) (tra l'altro con 
degli illustrissimi musicisti). 

Peace and love. 

Ah, Cardo? Aggiungo il tuo nome: vedi se riesci a coinvolgere Muti... a 
proposito... un testimonial non sarebbe male: tanto per fare approdare 
l'iniziativa su tutti i media. Non proponete professionisti dell'hard (stile 
radicali) perché sarebbe troppo facile. :) 

 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

Tutti pensano a cambiare l'umanità, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. 

Lev Tolstoj



Maggiori informazioni sulla lista cc-it