[Cc-it] Re: Domande sul futuro di cc.it

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Lun 24 Gen 2005 05:36:24 EST


----- Original Message -----
From: "Nicola Alcide Grossi" <copernico a larivoluzione.it>
To: <cc-it a lists.ibiblio.org>
Sent: Saturday, January 22, 2005 5:59 PM
Subject: [Cc-it] Re: Domande sul futuro di cc.it


> Lorenzo De Tomasi Scrive:
>
> > Alcune delle domande...
> Sono domande che ci siamo posti tutti: cerchiamo di aiutarci a vicenda.

Definire insieme le risposte è proprio il motivo per cui le ho inviate :-)

> > 1. Di cosa deve occuparsi il sito creativecommons.it? ovvero cosa va
> > sicuramente pubblicato e cosa no?
>
> IMHO, ogni cosa che riguarda CC.org le AI e la comunità CC.ita.
> Possiamo pubblicizzare anche iniziative che non partono né da CC.org, né
> dalle AI, né CC.ita, ma a cui CC.ita intende aderire o a cui CC.ita
intende
> dare menzione.

Ad esempio,
1. Una conferenza a cui partecipano membri della lista o delle Ai, andrebbe
sicuramente pubblicata.
2. ma l'iniziativa delle Biblioteche Comunali sul "balzello" o "giusto
compenso per gli autori" (a seconda del punto di vista) sul prestito dei
libri?
3. E una confetrenza generale sulla condivisione della conoscenza in cui non
è coinvolta CC?
4. E un articolo ad hoc che affronta un tema legato alle cc, ma come punto
di vista personale? Un'intervista realizzata ad hoc?

> > 2. Se cc.it si occuperà esclusivamente delle tematiche strettamente
legate a
> > CC e alle licenze (come accade ora), potrebbe essere necessario un
secondo
> > sito (o una rete di siti) a tematica allargata?
>
> Non vedo perché la comunità dovrebbe occuparsi esclusivamente delle
> tematiche strettamente legate a CC e alle licenze.

Provo a chiarire la mia domanda.
Nel caso in cui alcuni degli esempi appena fatti (1.) non venisse
considerato adatto alla pubblicazione su cc.it, un membro della comunità
dovrebbe - a mio parere - avere un altro punto di riferimento per la
pubblicazione. Il secondo sito citato potrebbe già esistere o potrebbe
essere creato ex novo, non importa, non lo so :-). Probabilmente avrebbe
problemi di visibilità rispetto a cc.it che sta vivendo un periodo molto
fortunato (i frequenti articoli su importanti quotidiani e riviste nazionali
lo dimostrano).
Varrebbe la pena sfruttare questa visibilità di cc.it per segnalare un
portale in cui aggregare i differenti punti di vista dei membri della
comunità?

> > 3. E' indubbio che per la riuscita del progetto è necessaria la
> > collaborazione di persone con competenze differenti (legali, storiche e
> > filosofiche, comunicative, grafiche ecc.). E' necessaria
un'organizzazione
> > dei ruoli? stabilire delle aree/progetti con relativi coordinatori? Una
> > sorta di comitato scientifico?
>
> IMHO, il comitato scientifico dovrebbe impostare le cose dal punto di
vista
> meramente tecnico, ossia offrire una rosa di valide soluzioni (anche molto
> diverse le une dalle altre) su cui la comunità possa esprimersi ed avere
> l'ultima parola.

Concordo pienamente.

> > 3b. E' necessario un coordinatore editoriale o un piccolo comitato
> > redazionale per il sito, che dia coerenza a grafica e contenuti?
>
> Potrebbero esserlo le "persone": che stanno a fare lì?

Beh, abbiamo visto che i problemi tra le persone ci sono comunque. Mi auguro
che le regole che dovremo stabilire li risolvano.

> A proposito: chi non
> partecipa più o non ha mai partecipato, perché continua ad essere indicato
> in "persone"? A scopo promozionale? :)

Penso che chi ha contribuito, anche minimamente, debba comunque rimanere tra
i nomi. Per una questione legata al riconoscimento dell'attribuzione.
Potremmo dividere le persone in "chi sta collaborando" e "chi ha
collaborato", specificando il lavoro svolto?
Chi non ha mai contribuito andrebbe, a mio parere, tolto.




Maggiori informazioni sulla lista cc-it