[Cc-it] Re: Dialogo con De Martin: collaborazione Ai-Lista

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Lun 24 Gen 2005 05:14:33 EST


----- Original Message -----
From: "Nicola Alcide Grossi" <copernico a larivoluzione.it>
To: <cc-it a lists.ibiblio.org>
Sent: Saturday, January 22, 2005 4:11 PM
Subject: [Cc-it] Re: Dialogo con De Martin: collaborazione Ai-Lista


> Lorenzo De Tomasi Scrive:
>> Penso che in futuro tutti noi dovremmo preferire il confronto
>> finalizzato alla ricerca di un consenso generale. Dovremmo cercare
>> di agire uniti, piuttosto che percorrere strade proprie perché
>> confrontarsi con visioni differenti è faticoso. Dovremmo almeno
>> provarci e, se ciò non fosse possibile, cercare sempre di evitare una
>> rottura.
>
> Puoi spiegare meglio questo concetto? Grazie.

Provo a spiegarmi meglio.
Spesso persone diverse hanno visioni differenti su uno stesso argomento.
Confrontarsi con visioni differenti può essere faticoso.
Personalmente credo che imboccare strade diverse invece di cercare di
trovare una soluzione che cerchi di mettere tutti d'accordo sia una scelta
che possa diventare controproducente. Siamo tante persone (e gruppi) che
perseguono obiettivi comuni. Uniti possiamo permetterci di alzare la voce
ottenendo forse qualcosa, se ci dividiamo, se "rompiamo" i nostri rapporti
difficilmente otterremo qualcosa. Lo dimostrano numerose iniziative passate
intraprese da singole persone o associazioni che sono rimaste inascoltate,
che non hanno ottenuto nulla di concreto.
Personalmente credo sia meglio ascoltare le differenti opinioni, accogliere
le singole critiche provando a comprendere perché ci sono state fatte, porsi
come obiettivo il trovare un compromesso che soddisfi tutte le parti in
gioco, essere disposti a rivedere le proprie idee di fronte a critiche
sensate, piuttosto che difendere a spada tratta e con orgoglio ciò che
abbiamo proposto.
Ottenere appunto una proposta comune, *sottoscritta da tutti*, per agire
uniti.

Pensate, ad esempio, all'eterna diatriba autori-fruitori. Tutti noi potremmo
essere contemporaneamente sia autori che fruitori. A seconda del punto di
vista che decidiamo di adottare abbiamo obiettivi differenti, spesso anche
contrastanti. Credo che la soluzione stia nel compromesso, nel cercare di
bilanciare gli obiettivi in modo tale che ci siano accettabili qualunque sia
la "maschera" (di autore o di fruitore) che indossiamo. Penso che la strada
giusta si proprio quella di cercare di adottare il punto di vista di chi
pone una critica con lo scopo di provare a comprenderlo.




Maggiori informazioni sulla lista cc-it