[Cc-it] "Libero accesso: sė, no, NIH..."

pinna pinna a autistici.org
Lun 24 Gen 2005 04:37:42 EST


aggiornamenti su un progetto statunitense che presenta alcune analogie
con "Scarichiamoli!"

ciao
pinna




Libero accesso: sė, no, NIH...
di LASER

http://www.e-laser.org/hbin/news.asp?idNews=452

Il principale ente di ricerca americano in campo biomedico aveva deciso
di sostenere il libero accesso all'informazione scientifica. Nonostante
il generale plauso alla proposta, l'annuncio ufficiale e' stato
rimandato sine die. La liberta' dell'informazione si scontra con troppi
interessi.

Il National Institutes of Health (NIH, l'istituto superiore di sanita'
americano) aveva proposto nei mesi scorsi che le ricerche finanziate dai
soldi pubblici fossero messe a disposizione gratuita, appoggiando la
filosofia dell'open access (dando alle riviste un'esclusiva di sei mesi
sulle pubblicazioni). Trattandosi di uno dei piu' importanti enti di
ricerca al mondo, e' una notizia di primaria importanza: anche se finora
si trattava solo di un'ipotesi, le promesse del NIH erano finite in ogni
dibattito sull'open access. Per prendere una decisione, il NIH ha
invitato il pubblico a esprimere la propria opinione: la proposta e'
stata accolta con grande favore, secondo i risultati del sondaggio
pubblicati dallo stesso NIH. Le dichiarazioni contrarie alla proposta,
nettamente minoritarie (solo l'8%), hanno difeso per lo piu' le ragioni
economiche della lobby degli editori, mostrando con ingenuo candore
quale fosse il terreno del dibattito: le ragioni di malati, ricercatori
e contribuenti contro quelle dei monopoli del copyright.

Il dado e' tratto, si penserebbe; e invece no. L'annuncio ufficiale di
questa nuova politica del NIH era previsto per lunedi 11 gennaio. Ma
senza spiegazioni, e rifiutando di rilasciare alcuna dichiarazione alla
stampa, il NIH ha deciso all'ultimo momento di rimandare l'annuncio a
data da destinarsi.

Sulle ragioni del rinvio rimangono solo le indiscrezioni paventate dal
sito Washington Fax. La proposta non era gradita agli editori privati, e
si e' sovrapposta alla nomina di Michael Leavitt come ministro della
Sanita' americano, che deve essere approvata dal Senato. Michael Leavitt
e' il candidato di Bush, e il ministero della sanita' e' responsabile
delle politiche di enti come il NIH. Percio', secondo le indiscrezioni,
l'annuncio da parte del NIH sarebbe stato posticipato per non mettere in
discussione la nomina di Leavitt.

L'intrigo politico che ne e' nato mette a rischio la promessa liberta'
dell'informazione scientifica. Il paradosso rimarra', dunque: i
cittadini US dovranno pagare per accedere a ricerche finanziate con i
loro soldi (pubblici). Proprio questa situazione ha fatto muovere non
solo le associazioni per i diritti digitali. Una sessantina di
associazioni di bibliotecari, di attivisti per l'accesso alla cura, di
malati e di ricercatori hanno scritto una lettera aperta al direttore
del NIH, Elias Zerhouni, per chiedere spiegazioni del mancato annuncio.
Per ora, nessuna risposta. 



Maggiori informazioni sulla lista cc-it