[Cc-it] Re: Domande sul futuro di cc.it

Thomas thomas.margoni a creativecommons.it
Dom 23 Gen 2005 10:04:16 EST


Nicola Alcide Grossi wrote:

> Lorenzo De Tomasi Scrive:
>
>> 1. Di cosa deve occuparsi il sito creativecommons.it? ovvero cosa va
>> sicuramente pubblicato e cosa no?
>
>
> IMHO, ogni cosa che riguarda CC.org le AI e la comunità CC.ita.
> Possiamo pubblicizzare anche iniziative che non partono né da CC.org, 
> né dalle AI, né CC.ita, ma a cui CC.ita intende aderire o a cui CC.ita 
> intende dare menzione.
>
Oppure che riguardano gli scopi di cc, ma che li affrontano da altre 
prospettive, ossia senza doverci porre dei paletti assoluti a priori, 
direi che tutto quello che riguarda la cultura della libera conoscienza 
(se mi passate il termine) è candidata per essere presa da noi in 
considerazione.

>> 2. Se cc.it si occuperà esclusivamente delle tematiche strettamente 
>> legate a
>> CC e alle licenze (come accade ora), potrebbe essere necessario un 
>> secondo
>> sito (o una rete di siti) a tematica allargata?
>
>
> Non vedo perché la comunità dovrebbe occuparsi esclusivamente delle 
> tematiche strettamente legate a CC e alle licenze.
>
anche perchè già con un sito c'è abbastanza da fare, se ne dovessimo 
fare un secondo...

>> 3. E' indubbio che per la riuscita del progetto è necessaria la
>> collaborazione di persone con competenze differenti (legali, storiche e
>> filosofiche, comunicative, grafiche ecc.). E' necessaria 
>> un'organizzazione
>> dei ruoli? stabilire delle aree/progetti con relativi coordinatori? Una
>> sorta di comitato scientifico?
>
>
> IMHO, il comitato scientifico dovrebbe impostare le cose dal punto di 
> vista meramente tecnico, ossia offrire una rosa di valide soluzioni 
> (anche molto diverse le une dalle altre) su cui la comunità possa 
> esprimersi ed avere l'ultima parola.
>
Su questo punto bisognerebbe trovare la formula che riuscisse a mediare 
tra la necessità di rigore scientifico o legale o progettuale o quello 
che sia,  e la necessaria  partecipazione  della lista a tutte le decisioni.


>> 3b. E' necessario un coordinatore editoriale o un piccolo comitato
>> redazionale per il sito, che dia coerenza a grafica e contenuti?
>
>
> Potrebbero esserlo le "persone": che stanno a fare lì? A proposito: 
> chi non partecipa più o non ha mai partecipato, perché continua ad 
> essere indicato in "persone"? A scopo promozionale? :)

si, anche perchè le "persone" ma pare abbiano formazioni abbastanza 
differenti per poter dare una opinione sensata su argomenti di natura 
ben diversa.

>
>> Forse le linee guida che Christiane sta preparando risolveranno ogni
>> dubbio.
>> Forse vale la pena aspettare.
>
>
> Se me lo dicevi prima, non stavo a risponderti. :)
>
penso che queste ci possano chiarire le idee. Si sa quando dovrebbero 
essere consultabili?

>
>> 6. E' innegabile che saranno necessari dei fondi per promuovere 
>> iniziative.
>
>
> E' negabile invece: dipende dall'iniziativa e dal modo con cui la 
> porti avanti. Mi preoccuperei dei soldi quando effettivamente serviranno.
> Chiedere soldi alla gente senza un motivo specifico non ha senso: 
> bisogna chiedere soldi e dire "me li dai? mi servono per fare questa 
> cosa" (e deve trattarsi di qualcosa di buono, ma buono davvero). 
> Allora magari qualcuno sgancia qualcosa, altrimenti scordati 
> sovvenzioni. :)
> E poi il conto corrente chi lo paga? Meglio lasciare perdere per il 
> momento. Si rischia di andare in rosso! :)
>

Fondi per uno scopo ben preciso. Questi soldi li chiediamo o li abbiamo 
ottenuti da x per fare y e li gestiamo come vedete sul nostro sito (di 
questa forma di gestione pubblica mi sembra se ne fosse già parlato e 
addirittura, se ricordo bene, si fece l'esempio di altri progetti che 
operano nella stessa direzione).

>> Chi li gestirà? La Public institution? Penso che chiunque sia il 
>> soggetto
>> sia necessaria **assoluta trasparenza***. Forse proprio una sezione del
>> sito dovrebbe essere adibita a mettere in chiaro qualunque transazione
>> economica con aggiornamenti continuii e puntuali.
>
>
> Sarebbe bello potersi porre il problema della trasparenza... vorrebbe 
> dire avere qualcosa da far trasparire! :)
> Eri tu che volevi chiedere di collaborare a Confindustria, giusto? 
> Prova a vedere se Montezemolo ci aiuta. :) Magari mette il logo CC 
> sulla Ferrari e ci paga pure per la sponsorizzazione! :D
>
>
> Saluti (cc)opernicani, Nicola.
> ________________________________________
> Tutti pensano a cambiare l'umanità, ma nessuno pensa a cambiare se 
> stesso.
> Lev Tolstoj
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>
>




Maggiori informazioni sulla lista cc-it