[Cc-it] Dialogo con De Martin: collaborazione Ai-Lista

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Sab 22 Gen 2005 09:22:03 EST


Come anticipato qualche giorno fa ho contattato De Martin riguardo alla
conferenza che si terrà sabato a Roma (saremo entrambi relatori).
E' stata l'occasione per una chiacchierata su iCommons Italy.

Per entrambi è fondamentale che si inizi una collaborazione proficua tra
lista e Ai finalizzata al raggiungimento degli obiettivi del progetto
Creative Commons Italia.
Come proposto e auspicato da Lessig, Christiane e Ricolfi a Torino, si
avvierà una seconda fase del progetto in cui sarà fondamentale il
coinvolgimento attivo e democratico della comunità italiana (community
building).

Sarà scelta una AI per questa fase. Il Dipartimento di Scienze Giuridiche
dell'Università di Torino, come detto dal prof. Ricolfi al convegno del
16.12,  preferirebbe focalizzarsi sulle questioni strettamente giuridiche,
con un ruolo essenzialmente consultivo.
E' stato quindi chiesto al CNR-Politecnico di diventare l'istituzione di
riferimento, soluzione accolta con particolare favore da Lessig, che vede
l'ambito tecnico come ideale per rafforzare e diffondere le idee alla base
di Creative Commons.

Cc.org sta scrivendo delle linee guida internazionali a riguardo.

Personalmente mi auguro che in futuro qualsiasi ente voglia affiancarsi al
progetto possa farlo liberamente, anche in qualità di Affilate Institution.

Ho notevolmente apprezzato il fatto che le Ai abbiano dichiarato
pubblicamente i propri errori.
Personalmente riconosco che la scelta di pubblicare il sito web nonostante i
dubbi inizialmente sollevati dalle Ai non sia stata la migliore possibile,
poiché ha creato una situazione di momentaneo conflitto tra le Ai e alcuni
membri della lista che si è rivelato controproducente.
E' innegabile che abbia contribuito a mettere in luce determinati problemi e
a cercarne una soluzione, che ci abbia portati a riflettere sulle nostre
azioni e a riconoscere i nostri errori, che abbia portato a ottimi risultati
concreti in tempi relativamente brevi...

Riconosco però che un maggiore dialogo avrebbe sicuramente portato a
risultati migliori, che avremmo dovuto moderare maggiormente il tono di
numerosi "attacchi" o critiche, che una maggiore "prudenza" (in particolare
per le pubblicazioni) è - come più volte invocato da Danilo e ora
riconosciuto da molti membri della lista - fondamentale stabilire delle
regole.

Avrei dovuto riflettere maggiormente sulla scelta di by-passare le Ai: è
stata una presa di posizione radicale che ha reso più difficile una
collaborazione proficua, che ha comportato un taglio netto dei rapporti. In
particolare non abbiamo avuto una supervisione legale ai contenuti del sito.

Probabilmente esistevano altre vie da percorrere che avrebbero portato a
risultati migliori, che ci avrebbero permesso di collaborare TUTTI insieme.
Cercare di rimediare a questo taglio ha comportato un grosso investimento di
tempo e risorse che avremmo potuto utilizzare a favore del progetto.
Penso che in futuro tutti noi dovremmo preferire il confronto finalizzato
alla ricerca di un consenso generale. Dovremmo cercare di agire uniti,
piuttosto che percorrere strade proprie perché confrontarsi con visioni
differenti è faticoso. Dovremmo almeno provarci e, se ciò non fosse
possibile, cercare sempre di evitare una rottura.

De Martin e' convinto che con la Fase II la situazione sara' finalmente
tale da permettere alle AI di partecipare pienamente alle attivita'
del sito.

Ho chiesto che questa collaborazione sia aperta e condivisa in modo tale
che tutti gli interessati possano dare un proprio contributo al progetto sia
pur rispettando regole certe.

La lista e il wiki potrebbero essere due degli strumenti con cui
perseguiremo questo obiettivo: la lista come luogo di confronto e il wiki
come memoria scritta del percorso e punto di riferimento per rintracciare le
conclusioni (sempre aggiornabili e modificabili) a cui si giungerà.
Riprendendo un recente messaggio di Simone Aliprandi, il wiki dovrebbe
riassumere in apposite sezioni le conclusioni raggiunte in lista, dare forma
di documento aggiornato ai più importanti messaggi della lista. (Ne parlai
anche con Christiane che condivise).
Per questo occorre un lavoro redazionale non da poco, ma credo sia
fondamentale. Chi ha un attimo di tempo dovrebbe contribuire in questo
senso.

Con questo importante chiarimento mi sembra che si siano poste, almeno per
quello che mi riguarda, le basi per un inizio forte e concorde della Fase II
di CC Italia, inizio che dovrebbe avvenire nelle prossime settimane.

Un saluto a tutti,
Lorenzo




Maggiori informazioni sulla lista cc-it