[Cc-it] Re: L'utilizzo obbligatorio delle licenze open content

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Lun 17 Gen 2005 10:49:22 EST


Thomas Margoni Scrive: 


>> "Scarichiamoli!" è invece *una proposta di disegno di legge sul libero 
>> download da portate di Stato*.
>> Questa è la *nostra* proposta: ed è una proposta molto ben circoscritta. 
>> 
> ok, lui ha avanzato una porposta, anche a noi, noi abbiamo avanzato la 
> nostra che è scarichiamoli. Ma per poter liberamente scaricare da portale 
> di stato le opere devono avere termini di distribuzione (per licenza o 
> legge) di tipo "open", corretto?
> Pertanto scarichiamli è una nostra propsta che nasce e si sviluppa da una 
> istanza fattaci da Zammarato
 

"Scarichiamoli!" parla attualmente di pubblico dominio, non di obbligo di 
utilizzo di licenze open content. Non ha la pretesa di obbligare lo Stato a 
mettere a disposizione tutto ciò che è di pubblico dominio o finanziato 
pubblicamente (sarebbe un obbligo ben difficile da adempiere), ma a fare un 
sito in cui siano liberamente disponibili opere di pubblico dominio (quante 
più opere possibili e un numero di opere sempre maggiore: l'equivalente 
culturale di "norme in rete"... potrebbero chiamarlo "opere in rete").
Dunque, si tratta di una proposta circoscritta, *fattibile*, *altamente 
condivisibile*. *Una proposta che cammina benissimo con le proprie gambe*.
Che poi questa proposta possa essere complementare a quella dei Verdi (e 
viceversa) e che le due proposte possano trovare trattazione nello stesso 
disegno di legge, è un altro discorso. Dobbiamo discuterne con i Verdi e 
vedere cosa conviene fare. 

 

>> Il resto è ancora tutto da definire: ho l'impressione, lo ripeto, che 
>> Zammataro quando ha parlato di *pubblico dominio* volesse in realtà 
>> riferirsi alla *disponibilità al pubblico*, che è cosa ben diversa dal 
>> pubblico dominio.
>> In questo caso, dovremmo riformulare la proposta di Zammataro così:
>> *ciò che è finanziato con soldi pubblici deve essere disponibile al 
>> pubblico* (evidentemente con licenza open content).
> 
> Se è di Zammarato perchè la dobbiamo riformulare noi?
> L'unico motivo che vedo è che essa rappresenti logicamente un passaggio 
> essenziale per arrivare alla disponibilità da protale di stato.

Ma infatti noi non la tocchiamo: quando i Verdi ci chiariranno cosa 
intendono fare, allora avremo il dovere di comunicare (se del caso) al 
popolo della rete (e non) di cosa parlerà il disegno di legge x. 

 

>> Questo approccio pone, però, quei *4 problemoni* di cui ho parlato più 
>> volte. 
>> 
>> Non esiste uno "Scarichiamoli! 1" e uno "Scarichiamoli! 2":
>> c'è la nostra proposta, "Scarichiamoli!", e poi c'è la proposta di 
>> Zammataro.
> 
> Scarichiamoli 1 e 2 sono termini che ho utilizzato per distinguere due 
> proposte differenti attorno alle quali si sta discutendo. Siamo 
> all'interno del progetto scarichiamoli, per forza, ma ci sono visioni 
> differenti che vanno discusse.

Queste due proproste differenti non riguardano esattamente "Scarichiamoli!" 
(la nostra proposta), ma la proposta dei Verdi (non so come i Verdi vogliano 
pubblicizzarla: "legge sul pubblico dominio"... boh). 


>> Queste due proposte potrebbero essere presentate, a seconda dei casi, 
>> nelle stesse sedi, o in sedi diverse, nello stesso disegno di legge o in 
>> disegni di legge diversi.
>> A mio parere, ciò che deve essere ancora chiarito è il contenuto della 
>> proposta dei Verdi.
> 
> I verdi facciano quello che vogliono, noi abbiamo la proposta 
> scarichiamoli, giusto?

Sì, noi abbiamo quella proposta (che ai Verdi credo piaccia), ma i Verdi ci 
hanno chiesto di aiutarli nell'elaborare al meglio la loro proposta, 
valutando tutte le opzioni in gioco. I problemi che ho sollevato verranno 
certamente fatti presente: e si cercherà insieme di superarli nel modo 
migliore. 

 

>> Si possono fare entrambe le cose, per carità: ma la seconda cosa deve 
>> essere valutata con *molta attenzione*.
> 
> Per capirci: questo passaggio non è necessario perchè poi le opere siano 
> disponibili su portale di stato?
> Ossia: 1.Vogliamo che le opere prodotte con soldi pubblici siano 
> libermante scaricabili da un portale di stato. 2. Perchè ciò accada dette 
> opere devono avere particolari termini di distribuzione, giusto? 
> 
> 1 +2 da come risultato il successo del progetto scarichiamoli, giusto?
 

Attualmente "Scarichiamoli!" parla esclusivamente di opere *già* di pubblico 
dominio. 

***Se*** superiamo i *4 problemoni* non vedo perché non potrebbe parlare 
anche di licenze open content. 

A me non dispiace affatto l'idea (proprio per questo ho invitato a parlarne 
sin d'ora), ma, per serietà e logica, prima bisogna risolvere i problemi. 

 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

Tutti pensano a cambiare l'umanità, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. 

Lev Tolstoj 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it