[Cc-it] Re: L'utilizzo obbligatorio delle licenze open content

Thomas Margoni thomas.margoni a creativecommons.it
Lun 17 Gen 2005 09:46:03 EST


Nicola Alcide Grossi wrote:

> Thomas Margoni Scrive:
>
>> Per rispondere a Bedini 
>
> [...]
>
> Mi viene il dubbio che nel comunicato non sia molto chiaro quale sia 
> *la proposta di Zammataro* (che noi appoggiamo: pur con le doverose 
> precisazioni espresse dal sottoscritto e dal prof. Ricolfi circa il 
> concetto di pubblico dominio e le sedi istituzionali idonee alla 
> discussione di determinati temi) e quale sia la *nostra proposta*.
> Cercherò di dirlo nel modo più semplice possibile.
> Zammataro dice: ciò che è finanziato con soldi pubblici deve essere di 
> dominio pubblico; o forse dice (ma è solo una mia interpretazione): 
> ciò che è finanziato con soldi pubblici deve essere *disponibile al 
> pubblico* e dunque rilasciato obbligatoriamente con licenza open 
> content).


ok

>
> "Scarichiamoli!" è invece *una proposta di disegno di legge sul libero 
> download da portate di Stato*.
> Questa è la *nostra* proposta: ed è una proposta molto ben circoscritta.
>
ok, lui ha avanzato una porposta, anche a noi, noi abbiamo avanzato la 
nostra che è scarichiamoli. Ma per poter liberamente scaricare da 
portale di stato le opere devono avere termini di distribuzione (per 
licenza o legge) di tipo "open", corretto?
Pertanto scarichiamli è una nostra propsta che nasce e si sviluppa da 
una istanza fattaci da Zammarato

> Il resto è ancora tutto da definire: ho l'impressione, lo ripeto, che 
> Zammataro quando ha parlato di *pubblico dominio* volesse in realtà 
> riferirsi alla *disponibilità al pubblico*, che è cosa ben diversa dal 
> pubblico dominio.
> In questo caso, dovremmo riformulare la proposta di Zammataro così:
> *ciò che è finanziato con soldi pubblici deve essere disponibile al 
> pubblico* (evidentemente con licenza open content).

Se è di Zammarato perchè la dobbiamo riformulare noi?
L'unico motivo che vedo è che essa rappresenti logicamente un passaggio 
essenziale per arrivare alla disponibilità da protale di stato.

> Questo approccio pone, però, quei *4 problemoni* di cui ho parlato più 
> volte.
>
> Non esiste uno "Scarichiamoli! 1" e uno "Scarichiamoli! 2":
> c'è la nostra proposta, "Scarichiamoli!", e poi c'è la proposta di 
> Zammataro.

Scarichiamoli 1 e 2 sono termini che ho utilizzato per distinguere due 
proposte differenti attorno alle quali si sta discutendo. Siamo 
all'interno del progetto scarichiamoli, per forza, ma ci sono visioni 
differenti che vanno discusse.

> Queste due proposte potrebbero essere presentate, a seconda dei casi, 
> nelle stesse sedi, o in sedi diverse, nello stesso disegno di legge o 
> in disegni di legge diversi.
> A mio parere, ciò che deve essere ancora chiarito è il contenuto della 
> proposta dei Verdi.

I verdi facciano quello che vogliono, noi abbiamo la proposta 
scarichiamoli, giusto?

> Meglio intraprendere (insieme ai nostri "fratelli") una auspicabile 
> battaglia sovranazionale sulla riforma del diritto d'autore (e il 
> finanziamento pubblico può essere un cavallo di battaglia) o 
> introdurre a livello nazionale un problematico obbligo di 
> disponibilità pubblica delle opere finanziate con soldi pubblici?

Anche per i rilievi segnalati da Ciurcina, trovo abbastanza difficile 
modificare a livello nazionale la legge sul diritto d'autore, ma questo 
non significa che il formulare una tale proposta non porti altri vantaggi.
Come quello di rendere la proposta più verosimile a livello 
internazionale o comunitario, se appunto supportata da tante proposte 
nazionali.

> Si possono fare entrambe le cose, per carità: ma la seconda cosa deve 
> essere valutata con *molta attenzione*. 

Per capirci: questo passaggio non è necessario perchè poi le opere siano 
disponibili su portale di stato?
Ossia: 1.Vogliamo che le opere prodotte con soldi pubblici siano 
libermante scaricabili da un portale di stato. 2. Perchè ciò accada 
dette opere devono avere particolari termini di distribuzione, giusto?

1 +2 da come risultato il successo del progetto scarichiamoli, giusto?

> Il rischio è quello di legiferare peggio di Urbani. :) Io, a livello 
> nazionale, mi accontenterei di "poco": di avere quello che già dovrei 
> avere ma che non ho.
>
Thomas




Maggiori informazioni sulla lista cc-it