[Cc-it] Re: L'utilizzo obbligatorio delle licenze open content

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Lun 17 Gen 2005 08:33:55 EST


Thomas Margoni Scrive: 

> Per rispondere a Bedini aggiungerei: per evitare di mettere tutto subito 
> in pubblico dominio (proposta scarichiamoli n.1) per determinati casi 
> definiti "misti" è sorta la necessità, secondo alcuni, di creare strumenti 
> intermedi (proposta scarichiamoli n.2): non chiediamo il pd immediato per 
> ddeterminate opere per permettere ad alcuni soggetti di finanziarsi **a 
> determinate condizioni**. Ma dopo un periodo, ritenuto sufficiente di 14 o 
> 28 anni dalla pubblicazione (non di 70 dalla morte dell'autore) allora 
> alcuni ritengono che il tutto debba confluire nella più libera categoria 
> di pd.
 

Mi viene il dubbio che nel comunicato non sia molto chiaro quale sia *la 
proposta di Zammataro* (che noi appoggiamo: pur con le doverose precisazioni 
espresse dal sottoscritto e dal prof. Ricolfi circa il concetto di pubblico 
dominio e le sedi istituzionali idonee alla discussione di determinati temi) 
e quale sia la *nostra proposta*. 

Cercherò di dirlo nel modo più semplice possibile. 

Zammataro dice: ciò che è finanziato con soldi pubblici deve essere di 
dominio pubblico; o forse dice (ma è solo una mia interpretazione): ciò che 
è finanziato con soldi pubblici deve essere *disponibile al pubblico* e 
dunque rilasciato obbligatoriamente con licenza open content). 


"Scarichiamoli!" è invece *una proposta di disegno di legge sul libero 
download da portate di Stato*. 

Questa è la *nostra* proposta: ed è una proposta molto ben circoscritta. 


Il resto è ancora tutto da definire: ho l'impressione, lo ripeto, che 
Zammataro quando ha parlato di *pubblico dominio* volesse in realtà 
riferirsi alla *disponibilità al pubblico*, che è cosa ben diversa dal 
pubblico dominio. 

In questo caso, dovremmo riformulare la proposta di Zammataro così:
*ciò che è finanziato con soldi pubblici deve essere disponibile al 
pubblico* (evidentemente con licenza open content). 

Questo approccio pone, però, quei *4 problemoni* di cui ho parlato più 
volte. 


Non esiste uno "Scarichiamoli! 1" e uno "Scarichiamoli! 2":
c'è la nostra proposta, "Scarichiamoli!", e poi c'è la proposta di 
Zammataro.
Queste due proposte potrebbero essere presentate, a seconda dei casi, nelle 
stesse sedi, o in sedi diverse, nello stesso disegno di legge o in disegni 
di legge diversi. 

A mio parere, ciò che deve essere ancora chiarito è il contenuto della 
proposta dei Verdi. Meglio intraprendere (insieme ai nostri "fratelli") una 
auspicabile battaglia sovranazionale sulla riforma del diritto d'autore (e 
il finanziamento pubblico può essere un cavallo di battaglia) o introdurre a 
livello nazionale un problematico obbligo di disponibilità pubblica delle 
opere finanziate con soldi pubblici? 

Si possono fare entrambe le cose, per carità: ma la seconda cosa deve essere 
valutata con *molta attenzione*. Il rischio è quello di legiferare peggio di 
Urbani. :) Io, a livello nazionale, mi accontenterei di "poco": di avere 
quello che già dovrei avere ma che non ho. 

 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

Tutti pensano a cambiare l'umanità, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. 

Lev Tolstoj 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it