[Cc-it] L'utilizzo obbligatorio delle licenze open content

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Lun 17 Gen 2005 05:20:50 EST


> obbligare a rilasciare con licenza open content un'opera
> non significa affatto dare la possibilità *concreta* alle persone di
potere
> fruire liberamene di quell'opera.

Penso che una soluzione per le opere a finanziamento pubblico potrebbe
essere:
- obbligare la pubblicazione in almeno un formato aperto. Un formato aperto
garantisce 1. accessibilità (anche con software liberi) e 2. la possibilità
di modifica (che potrebbe però essere limitata con i diritti d'autore).
- obbligare gli autori alla rinuncia dell'esercizio esclusivo di alcuni
diritti per contribuire alla diffusione della cultura e della conoscenza. A
mio parere al fruitore dovrebbero essere garantite come minimo le libertà di
1. copia, 2. ridistribuzione, 3. esecuzione e 4. modifica *a fini non
commerciali*. L'attribuzione agli autori sarebbe obbligata in quanto diritto
morale inalienabile.
- obbligare la pubblicazione su una banca dati pubblica liberamente
accessibile (il deposito legale obbligatorio? come ricordato da Danilo).
- garantire l'accesso gratuito alla banca dati pubblica almeno da ogni
biblioteca pubblica sul territorio nazionale.
- per queste opere ridurre la durata massima del diritto d'autore a 14 anni
eventualmente estendibili a 28 (è un esempio - da valutare) - obbligando
l'entrata nel publblico dominio.
- come proposto tempo fa da Lessig, obbligare i detentori dei diritti
patrimoniali sull'opera al pagamento di una microtassa annuale simbolica (1
euro?). Dopo tre anni che non viene pagata questa tassa l'entrata dell'opera
nel pubblico dominio sarebbe automatica.

Cosa ne pensate?




Maggiori informazioni sulla lista cc-it