[Cc-it] Re: scarichiamoli

tom thomas.margoni a creativecommons.it
Dom 16 Gen 2005 15:06:58 EST


Mi permetto di aggiungere:

Sia la FSF sia paesi in via di sviluppo come Brasile hanno fatto le loro 
proposte in sedi come ONU che mirano a rediscutere appunto a livello 
internazionale l'attuale assetto dei diritti di PI.

Io credo che proprio dato il momento sia il caso di non accettare su 
questo punto nessun addolcimento. Sappiamo bene come un ente che non fa 
parte dell'onu, che non gode di nessuna legittimazione democratica, etc, 
etc (wto per chi non l'avesse capito) abbia deciso di espandere le 
proprie competenze oltre il suo mandato fino a coinvolgere i PI (ricordo 
che dei morti di AIDS in Africa se ne è deciso in questa sede e non 
nell'OMS).

Il fatto che la WIPO (facente parte dell'ONU) abbia visto con maggior 
apertura la possibilità di rediscutere degli obiettivi della sua 
attività anche alla luce di fenomeni come gpl e cc dovrebbe 
rappresentare uno stimolo importante per noi tutti.

Per questi motivi penso che la nostra attività, seppur di minor respiro 
rispetto a quelle citate, non debba assolutamente prendere in 
considerazione soluzioni buoniste, ma anzi sfruttare il panorama 
internazionale per porsi al centro dell'attenzione e della opinione 
pubblica.

Detto questo, accolgo con favore la parteciapzione di Ciurcina e tutti 
gli utilissimi consigli che sicuramente ci potrà fornire.

thomas

Nicola Alcide Grossi wrote:

> Marco Ciurcina Scrive:
>
>> Suggerisco, sempre a titolo personale, di riformulare la proposta.
>> Una legge italiana che introduca una causa d'estinzione di diritto
>> d'autore o diritti connessi, infatti, sarebbe illegittima (violerebbe:
>> la Convenzione di Berna, i TRIPS Agreement, la Direttiva 2021/29 etc.).
>> Per domandare l'introduzione di una causa d'estinzione di questo tipo,
>> dovreste proporre una modifica normativa in altre sedi, diverse dal
>> parlamento italiano.
>
>
>
> A Zammataro proprio il 16 dicembre è stato detto da Ricolfi che le 
> sedi per un'iniziativa del genere sono quelle europee.
> Noi, però, abbiamo come interlocutore non Ricolfi (e fino ad oggi 
> nemmeno Ciurcina), ma Zammataro.
> Dunque, siamo partiti dalla proposta di Zammataro e abbiamo tradotto 
> in termini giuridici quello che Zammataro ha proposto.
> Di qui si parte: e si parte chiedendo 10, non 5 o 3.
> Poi, dopo l'incontro in Senato, decideremo su cosa lavorare, in quali 
> sedi lavorarci (Ricolfi stesso ha sottolineato che i verdi sono attivi 
> su tutto lo scacchiere, anche quello europeo: e lo sappiamo bene) e 
> come riformulare la proposta. Tutto chiaro?
>
> Poi c'è la *nostra* proposta: che si chiama "Scarichiamoli!" e che dice:
> Stato, fammi scaricare ciò che è di pubblico dominio.
> E questo, certamente, non viola alcuna convenzione, direttiva... ed è 
> questo il punto fisso: su questo non si transige.
>
>
>> Suggerisco di riformulare la vostra proposta domandando una norma che
>> condizioni l'erogazione dei finanziamenti pubblici a certe condizioni
>> (impegno a rilasciare l'opera finanziata sotto licenza libera, etc.).
>> E (perch no?) anche una norma che obblighi gli enti pubblici a
>> licenziare le loro opere sotto licenza libera.
>
>
>
> Una licenza open content, vorrai dire. Bene: e che cos'è una licenza 
> open content? :) Lo devi stabilire nella legge, non puoi limitarti a 
> parlare nella legge di "licenza libera". Un minimo di certezza nel 
> diritto occorre, no? Allora, ripeto a te quello che ho già detto a 
> Lorenzo e Tom: quali sono i parametri astratti che vogliamo mettere in 
> gioco?
>
> Saluti (cc)opernicani, Nicola.
> ________________________________________
> Tutti pensano a cambiare l'umanità, ma nessuno pensa a cambiare se 
> stesso.
> Lev Tolstoj
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>
>




Maggiori informazioni sulla lista cc-it