[Cc-it] Re: scarichiamoli

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Dom 16 Gen 2005 14:50:26 EST


Non so se avete letto bene la risposta di Zammataro, a me sembra che abbia 
capito perfettamente cosa vogliamo (meglio: visto che al momento è il nostro 
unico interlocutore): 

"La normativa sul diritto d'autore ha visto un'espansione
e un' estensione he io giudico  abnorme, per durata e profondità. E credo
altresi', nonostante il mio desiderio, che modificare il sistema degli
accordi internazionali che regolano tale diritto sia un impegno di lunga
durata che accompagnerà il nostro lavoro per alcuni anni. Questo è il
primo punto all'ordine del giorno della nostra riflessione." 

Punto primo: agire per cambiare il diritto d'autore in profondità (nelle 
sedi europee e nazionali); che poi è la proposta di Zammataro e la prima 
parte del nostro comunicato. Avere un diritto d'autore più "giusto". 


"Il secondo è la funzione che noi immaginiamo per le Creative Commons, che
come la GPL a suo tempo io reputo "rivoluzionaria" nel senso letterale e
non demagogico del termine, perchè banalmente consentono la nascita di un
doppio sistema di accesso al sapere, fondato da un lato sulla
distribuzione commerciale e dall'altro sul libero accesso al sapere
culturale immateriale, concetto già esplicitato da Lessig stesso in varie
occasioni. Se cosi' e', io sento la necessita' di allargare la quantita'
di contentuti che utilizzano tali licenze e di sostenere quella economia." 


Secondo punto: quello di cui stiamo parlando io, Lorenzo, Tom e Ciurcina.
Imporre l'utilizzo di una licenza open content: tema delicatissimo, che 
prima di essere introdotto necessita di un'analisi molto attenta. 

 

"Infine si pone il problema dei beni di Pubblico Dominio e della
disponibilita' delle riproduzioni di beni finanziati dallo Stato, che voi
sostenete con forza." 

Terzo punto: "Scarichiamoli!", la nostra proposta. 

 

"Credo che sulla base di queste diverse opzioni, senza escludere nessuno
degli strumenti che, grazie anche al vostro sforzo, abbiamo a
disposizione, sia possibile arrivare ad una proposta legislativa che
consenta di ottenere questo:
ciò che è finanziato con soldi pubblici deve essere LIBERAMENTE
DISPONIBILE AI CITTADINI". 


Speriamo: sono certo che dopo l'incontro in Senato il nostro comunicato 
dovrà inevitabilmente essere modificato. Una sola cosa è certa: la nostra 
proposta non si tocca. 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

Tutti pensano a cambiare l'umanità, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. 

Lev Tolstoj 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it