[Cc-it] Re: scarichiamoli

tom thomas.margoni a creativecommons.it
Dom 16 Gen 2005 13:05:18 EST


Solo ora ho tempo di rispondere, chiedo scusa,....


Nicola Alcide Grossi wrote:

> Lorenzo De Tomasi Scrive:
>
>>> Non ho ancora capito se state parlando di introdurre in relazione a 
>>> tali
>>> casi l'obbligo (ex lege) di utilizzo di una licenza Creative Commons.
>>
Le mie osservazioni si riferiscono a eventuali specificazioini del 
progetto scarichiamoli, non ad un progetto alternativo. Con questo 
voglio dire che non trovo particolarmente utile nè auspicablie imporre 
una licenza cc ex lege.  Il punto di partenza è sempre lo stesso 
finanziamento pubblico----->pubblico dominio. La categoria del pubblico 
dominio è una categoria legale, la quale prevede per l'opera in 
questione uno status particolare: la cessazione di diritti patrimoniali 
sull'opera (mentre quelli morali permangono). Per accedere a questa 
categoria la legge prevede come unica forma il decorso di un termine 
temporale di 70 anni dalla morte dell'autore (più casi particolari).

Quello che io critico è che l'entrata immediata dell'opera in questo 
status (come prevede la prima versione del progetto), soprattutto per 
determinate categorie, è problematica.
Per tanto per queste categorie miste è auspicabile una proposta differente.

E non tanto, per essere puntigliosi, ma per gli stessi motivi di 
esattezza e astrattezza che sono necessari per un progetto di legge serio.

Nicola dice che il progetto deve essere circoscritto, ed infatti (a mio 
modo di vedere) lo stiamo circoscrivendo, essendo doveroso trattare 
differentememte casi dissimili.
Nicola dice anche che deve essere condivisibile. Proprio per questo 
motivo (vedi prima mail di questo thread) ho sostenuto di dover trattare 
con particolare attenzione casi come quello in esame (centri di ricerca 
pubblica) perchè togliere loro possibilità di finanziamento equivarrebbe 
nel perdere il loro appoggio e rendere il progetto meno condivisibile.

    Queste sono le preoccupazioni che mi spingono alla critica (spero 
costruttiva e utile) del progetto.

Quello che dice Nicola è che gli enti universitari hanno dei regolamenti 
a parte che sono considerati legislazione speciale e che pertanto 
derogano alla normativa generale.
La conseguenza di questa affermazione è che anche se la nostra modifica 
fosse accettata, lo status delle opere prodotte degli atenei rimarrebbe 
invariato, e pertanto le mie preoccupazioni sono, per questo caso 
infondate. Ho capito correttamente?

Se così fosse -al riguardo non mi sono ancora documentato 
sufficientemente ma se Nicola me lo conferma posso crederci 
medio-tempore-, possiamo anche pensare ad uno step 2 del progetto, il 
quale prevede, dopo una fase 1( la proposta di legge così come allo 
stato attuale), una prosta ai centri universitari perchè licenzino le 
loro opere in forma differente.

Ma come ho detto i casi "misti" non si limitano a questo.

L'esempio di Nicola sui filamti del consorzio Nettuno: lo pago due volte 
perchè loro lo vendono alla rai, che come sai non posso scegliere di non 
pagara. Questa è una questione differente.
Se per esempio venisse venduta ad una tv commerciale -che io non pago ma 
mi devo sorbire la pubblicità, cosa che con la rai .....- possiamo dire 
che io ho pagato il prodotto solo una volta (con le tasse che finanziano 
la ricerca, giusto? ho capito bene il tuo esempio, Nicola?).

Io mi riferisco proprio a questo. Passa in tv (attività commerciale) 
allora il consorzio Nettuno percepisce dei soldi per finanziarsi. Ma è 
auspicabile che i loro video, documentari, etc fossero, per esempio, 
liberamente consultabili in qualche banca dati.
Il pagare un prezzo che rappresenta i costi di registrazione, o le 
materie prime non mi crea alcun problema. Io non voglio pagare la 
speculazione su di una buona idea avuta **1** volta.

    In una visione ideale non sarei tanto comprensivo, semplicemente 
sarei d'accordo con il progetto come espresso da Nicola. Hic et nunc 
vedo la ricerca pubblica come qualcosa di molto positivo, che fa molta, 
molta fatica (e ogni giorno di più) a sopravvivere. I motivi sono sotto 
gli occhi di tutti. Allora credo che si debba tenere in considerazione 
questo caso speciale.


thomas



Maggiori informazioni sulla lista cc-it