[Cc-it] proprio un pagano, ma...

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Dom 16 Gen 2005 10:42:49 EST


Ero presente quando Pagani ha parlato e condivido le impressioni di Simone e
Michele. Con Michele ho anche avuto uno scambio di opinioni concordanti
sulla questione.
Una cosa però bisogna riconoscere a Mauro Pagani, che è disposto al
confronto, che non sembra escludere la "conversione" :-).
Riporto una parte di una mia mail di circa un mese fa:

http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-December/002137.html
- - - - -
Chi vive di royalties sui diritti d'autore, chi è iscritto alla Siae da
anni, chi riceve la rivista "Viva Verdi" e la legge ecc. ha ormai radicati
dei concetti difficlmente sradicabili. Un approccio come quello di CC è
visto come sovversivo, richioso, se non folle.

La sfida è confrontarsi con questi autori, dialogare con loro, provare a
convincerli della validità delle Ccpl, dei vantaggi che potrebbero portar
loro ecc. e ascoltare le loro risposte.
Ho avuto l'occasione di farlo in passato con Bruno Bozzetto (
http://www.bozzetto.com ) e recentemente con Mauro Pagani(
http://www.mauropagani.com/ ). Entrambi sono stati disponibilissimi a
dialogare sull'argomento, con interesse e partecipazione. Sembrerebbe che
vogliano capire ciò che per loro non è semplice comprendere, proprio perché
sono stati abituati a vedere il problema da una prospettiva differente, che
sembrerebbe opposta, ma che in realtà è complementare.
Dimostrare e far comprendere che concedere libertà potrebbe portare più
vantaggi (soprattutto economici) è la sfida.
In particolare, se ascolterete la registrazione dell'intervento di Pagani,
vi renderete conto di come dal suo discorso emergono chiaramente sia le
tipiche esigenze dell'artista che una serie di palesi autocontraddizioni.
Questo è un fatto più che positivo. Dobbiamo imparare sia ad ascoltare
queste esigenze per difenderle che a cogliere le contraddizioni - che altro
non sono che brecce in un muro che da segni di cedimento - per poi
sfruttarle come punto di partenza per l'abbattimento di questo muro di
fragili convinzioni.
Come ha detto giustamente il Sen. Fiorello Cortiana, riuscire a convincere
un artista come Pagani ad adottare una licenza Ccpl significa trovare la
strada per provare a convincere tutti gli altri.

Mauro Pagani mi ha dato la disponibilità a incontrarci per dialogare sulle
Ccpl. Lo faremo, probabilmente a Milano, dopo il 15 Gennaio, passato il
"periodo di riflessione" festivo.
Non so ancora con quali modalità organizzeremo l'incontro, ma vi terrò
informati. Qualsiasi suggerimento è benvenuto.
- - - - -
Lunedì cercherò di contattare Pagani.
Vi farò sapere.

Saluti,
Lorenzo

----- Original Message -----
From: "liver" <liver a barucca.com>
To: <cc-it a lists.ibiblio.org>
Sent: Sunday, January 16, 2005 10:08 AM
Subject: Re: [Cc-it] proprio un pagano


On Saturday 15 January 2005 11:50, iuriswebmaster a libero.it wrote:

>
> concordo pienamente. anche a me l'intervento di Pagano è suonato molto
> fuori luogo. Nel senso che davvero secondo me non aveva molto chiaro dove
> stava parlando. Gli avranno detto: "vieni che si parla un po' delle nuove
> frontiere della comunicazione..." e lui ha colto l'occasione per parlare
> della sua esperienza senza minimamente collegarsi a quanto detto prima e
al
> clima generale dell'evento. qualcuno dovrebbe fargli notare questa cosa,
in
> modo che la prossima volta, prima di accettare un invito, si informi sul
> tipo di evento.
>
> ciao, ALI
>
proprio un pagano. Con rispetto per i pagani, ovviamente




Maggiori informazioni sulla lista cc-it