[Cc-it] Re: scarichiamoli

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Dom 16 Gen 2005 05:24:35 EST


Rispondo integrando alcune osservazioni e domande a quelle di Nicola.
> > Esempio: fondi destinati ad un progetto di ricerca, risultati del
progetto ottimi.
> > A)     Se tutto finisse nel pubblico dominio i vantaggi sarebbero: tutti
> > ne possono beneficiare grautitamente e liberamente, gli studenti non
> > dovrebbere spendere centinaia di euro per avere i libri che i loro
> > professori (già stipendiati) fanno loro acquistare, etc.

Attento: gli studenti pagherebbero comunque l'acquisto di libri **stampati**
contenenti esclusivamente materiale di pubblico dominio, così come oggi
paghiamo se acquistiamo "la divina commedia" (anche non commentata) in
edizione stampata. Forse pagherebbero meno, ma non è detto. Gli editori sono
furbi :-) Se non sbaglio, un testo di PD con una differente presentazione
grafica e magari con l'aggiunta di nuove illustrazioni è un'opera nuovamente
coperta da diritti d'autore: il testo è di pubblico dominio, ma
l'impaginazione, il carattere tipografico utilizzato, la copertina, le
immagini ecc. sono proprietari. Provate a separarli se ci riuscite :-P

Un altro esempio, se fotografo o scansisco un codice miniato del medioevo,
il codice miniato è di pubblico dominio, ma la sua fotografia/scansione è
proprietaria, a meno che non venga donata anch'essa al PD dall'autore. Le
fotografie/scansioni sono riconoscibili singolarmente, poichè, nonostante
l'oggetto sia lo stesso, la rappresentazione differisce sempre (due foto
consecutive di uno stesso soggetto sono sempre diverse, anche se
impercettibilmente).

Se parliamo invece di libertà di accesso, copia e distribuzione di contenuti
in formato digitale la questione è differente. Chiunque può copiare un testo
digitale di pubblico dominio pubblicato in un formato aperto (ad esempio
html) e nessuno può rivendicare diritti. Non è possibile riconoscere chi lo
ha digitalizzato.

Garantire la copia e la distribuzione almeno per fini non commerciali (e
quindi nonCommerciali-educativi) potrebbe essere la soluzione?
Se distribuisco un'opera sotto licenza ccpl attribuzione-noncommerciale uno
studente può copiarla/fotocopiarla per studio personale, giusto?

> > Svantaggi: un progetto commerciale qualuque sia (da una rivista
> > scientifica commerciale, ad una impresa del settore) può utilizzare
questi
> > risultati gratuitamente, quando invece in altre circostanze ciò avrebbe
> > garantito entrate nelle casse dell'ente pubblico di ricerca.
>
> L'ente pubblico non può guadagnare perché non ha diritti esclusivi sul
> prodotto?

L'ente pubblico può guadagnare pubblicando e vendendo l'opera.
Altri, che non hanno realizzato l'opera investendo su di essa, possono fare
lo stesso.
1. Se l'ente pubblico reinvestisse i guadagni derivanti dall'opera in
ricerca, potrebbe essere un vantaggio per la comunità (?)
2. Se la rivista X pubblicasse l'opera finanziata dall'ente pubblico
guadagnando, questi guadagni non finirebbero nelle casse dell'ente pubblico.
1+2 = Le possibili royalties sull'opera non verrebbero investite in ricerca,
ma incassate dalla rivista X.

> >   B)    Allora per questi casi misti potrebbe essere auspicabile una
sorta
> > di licenza cc non commercial, dove gli studenti, i ricerrcatori, etc

riscriverei così:
Allora per questi casi misti potrebbe essere auspicabile una sorta
di licenza cc non commercial, dove *tutti* (compresi gli studenti, i
ricercatori ecc.)

> > avrebbero libero accesso all'opera, ma se questa fosse usata per scopi
> > commerciali, allora l'ente percepirebbe dei fondi da reinvestire in
> > ricerca.
>
> Stai parlando di un obbligo (ex lege) di utilizzo di una licenza Creative
> Commons?
>
>
> > Si potrebbe adirrittura proporre (come ha fatto notare Lorenzo) un
periodo
> > di protezione breve, magari 14 anni per questo tipo di opere (sempre per
> > quanto riguarda i loro usi commerciali) e poi cessazione diritti
> > patrimoniali e pubblico dominio.
>
> Ti faccio un esempio: il consorzio NETTUNO (università) produce (con soldi
> pubblici) delle cassette. Queste cassette vengono vendute alla RAI e
mandate
> in onda di notte: dunque, gli italiani le pagano 2 volte e magari nemmeno
le
> vedono.
> Secondo il tuo ragionamento è giusto che questo accada perché l'università
> ha bisogno di finanziamenti? E se questo non è giusto, come fai, nella
> fattispecie di legge, a distinguere un caso come questo da altri casi in
cui
> il pagare due volte sarebbe più giusto? Che criterio utilizzi?
>
>
> Nota: ogni università ha un regolamento (che concerne anche il diritto
> d'autore) che disciplina i rapporti tra ricercatori ed università: si
tratta
> di una normativa speciale che deroga a quella generale a cui noi ci
> riferiamo nella nostra attuale proposta.
> Dunque, con la nostra proposta non andiamo ad alterare tali rapporti.
> Anche perché, come abbiamo detto al Dott. Zammataro, che senso ha non
pagare
> due volte le cassette del consorzio NETTUNO se comunque occorre pagare
due,
> tre, quattro volte ciò che di pubblico dominio è già?
>
>
> > Poi sarebbe forse auspicabile una distinzione non solo in base alla
> > natura del finanziamento,
>
> Noi parliamo di finanziamenti a fondo perduto, non di prestiti.
>
>
> ma anche in funzione del prodotto. Come è già
> > stato chiarito, l'essere il software uno strumento per accedere a
> > informazione (oltre che informazione in se stesso, e per alcuni arte) lo
> > rende passibile di differnti strumenti di protezione: gpl. Per altri
> > prodotti (anche se qui le visioni dei differenti progett non collimano)
ci
> > sono esigenze differenti.
>
>
> Stai parlando di indicare espressamente nella legge GPL, CCPL... ?

parlerei di formati digitali aperti liberamente copiabili, distribuibili,
eseguibili, modificabili (è implicito nel concetto di aperto) accessibili a
chiunque tramite pubblici archivi in rete consultabili liberamente (ad
esempio dalle biblioteche pubbliche).

Ciao,
Lorenzo




Maggiori informazioni sulla lista cc-it