[Cc-it] Re: scarichiamoli

tom thomas.margoni a creativecommons.it
Sab 15 Gen 2005 12:01:19 EST


    Prima di iniziare a stilare una proposta formale ho voluto 
raccogliere alcune riflessioni, che vi sottopongo così se ve ne fossero 
poi altre, allora potremmo inserirle tutte assieme attraverso twiki.

    Il problema nasce dai cosiddetti "casi misti", ossia quei progetti 
che vedono la partecipazione di fondi pubblici (e bisognerebbe 
discernere se prestiti o a fondo perduto) assieme a quelli privati, nei 
casi nei quali i fondi pubblici non sono spesi all'interno di una 
produzione commerrciale (un film di una qualunque industria 
cinematrografica italiana, per esempio), ma all'interno di un progetto 
di ricerca pubblico.

    La preoccupazione è che vengano sottratte possibili fonti di 
finanziamento alla ricerrca pubblica o a progetti affini. Esempio: fondi 
destinati ad un progetto di ricerca, risultati del progetto ottimi.
  
A)     Se tutto finisse nel pubblico dominio i vantaggi sarebbero: tutti 
ne possono beneficiare grautitamente e liberamente, gli studenti non 
dovrebbere spendere centinaia di euro per avere i libri che i loro 
professori (già stipendiati) fanno loro acquistare, etc.
Svantaggi: un progetto commerciale qualuque sia (da una rivista 
scientifica commerciale, ad una impresa del settore) può utilizzare 
questi risultati gratuitamente, quando invece in altre circostanze ciò 
avrebbe garantito entrate nelle casse dell'ente pubblico di ricerca.
   
B)    Allora per questi casi misti potrebbe essere auspicabile una sorta 
di licenza cc non commercial, dove gli studenti, i ricerrcatori, etc 
avrebbero libero accesso all'opera, ma se questa fosse usata per scopi 
commerciali, allora l'ente percepirebbe dei fondi da reinvestire in ricerca.
Si potrebbe adirrittura proporre (come ha fatto notare Lorenzo) un 
periodo di protezione breve, magari 14 anni per questo tipo di opere 
(sempre per quanto riguarda i loro usi commerciali) e poi cessazione 
diritti patrimoniali e pubblico dominio.

    Poi sarebbe forse auspicabile una distinzione non solo in base alla 
natura del finanziamento, ma anche in funzione del prodotto. Come è già 
stato chiarito, l'essere il software uno strumento per accedere a 
informazione (oltre che informazione in se stesso, e per alcuni arte) lo 
rende passibile di differnti strumenti di protezione: gpl. Per altri 
prodotti (anche se qui le visioni dei differenti progett non collimano) 
ci sono esigenze differenti.


    Credo che la ricerca pubblica sia un bene nell'ottica di tutti, e 
che tutti la vogliamo favorire e non ostacolare (anche se l'impostazione 
di principio di Nicola mi pare più ortodossa).
Io sono un neodottorando, per tanto conosco le tematiche relative alla 
ricerca da vicino ma da molto poco tempo, sarei grato se tra coloro che 
in lista hanno maggiore esperienza venissero consigli e riflessioni al 
riguardo.

    Riassumendo, fin ora sono state individuati due parametri: la 
natrura del finanziamento (o dell'ente finanziato) e la natura del 
prodotto. Questi due parametri suggeriscono delle soluzioni più "soft" 
rispetto al pubblico diminio, le quali sono state individuate in: 
protezione simile a cc-attribuzione-noncommerciale, e riduzione dei 
tempi per l'entrata in pubblico dominio (da 70 dopo morte autore a 14 
dopo creazione o pubblicazione).
   

    Tutti sono invitati a proporre e modificare, in maniera tale da 
poter procedere all'integrazione di queste modifiche nella proposta 
principale. Come detto penso che si potrebbe fare in twiki.

ciao

Thomas




Maggiori informazioni sulla lista cc-it