[Cc-it] Re: Par condicio

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Mer 12 Gen 2005 15:55:31 EST


Andrea Bedini Scrive: 


> conviene cambiare un pò la forma, la nostra mail era in risposta
> all'intervento di Zammataro. forse basterebbe un preambolo oppure
> riorganizzare il contenuto della mail.
 

Già fatto: 

 


All'attenzione dell'Onorevole X 

Gentile Onorevole X,
vorremmo porre alla Sua attenzione un'importante iniziativa che la comunità 
di Creative Commons Italia sta portando avanti grazie anche al contributo 
della classe politica. 

Noi riteniamo che ciò che è finanziato con soldi pubblici dovrebbe essere di 
dominio pubblico. A tal fine, i diritti patrimoniali d'autore e i diritti 
connessi relativi ad un'opera dell'ingegno dovrebbero estinguersi nel 
momento in cui l'opera viene prodotta/riprodotta grazie ad un finanziamento 
pubblico. Per valutare se l'opera è prodotta/riprodotta grazie ad un 
finanziamento pubblico si può utilizzare il criterio della conditio sine qua 
non: un'opera è prodotta/riprodotta grazie ad un finanziamento pubblico se 
non sarebbe stata prodotta/riprodotta senza quel finanziamento. 

Esempi: 

 - se lo Stato sovvenziona la produzione di un filmato, quel filmato sarà di 
pubblico dominio; 

 - se lo Stato paga un esecutore affinché esegua un brano musicale, 
l'esecutore non potrà vantare diritti connessi su quell'esecuzione. 

La nostra proposta è quella di introdurre nella legge sul diritto d_autore 
due nuovi articoli:
a) il primo, relativo ad una causa di estinzione dei diritti patrimoniali 
d'autore;
b) il secondo, relativo ad una causa di estinzione dei diritti connessi. 

La causa di estinzione, lo ripetiamo, è la produzione/riproduzione di 
un'opera grazie ad un finanziamento pubblico. 

Ma se un'opera di pubblico dominio è fruibile solo a pagamento, a che serve 
che sia di pubblico dominio? Chi ci darà ciò che già ci appartiene, la 
cultura, i saperi, le conoscenze che già sono di pubblico dominio? Donare 
cultura, trasmettere liberamente il sapere e la conoscenza: questo è quello 
che la comunità di Internet e la società civile chiedono. E se questi sono 
interessi legittimi, allora lo Stato dovrebbe tutelarli. I mezzi ci sono: da 
Internet al digitale terrestre. Lo Stato può coordinarsi con associazioni, 
fondazioni, università... e realizzare un portale dell'arte, della cultura, 
del sapere di pubblico dominio, un portale in cui la parola d'ordine sia: 
"Scarichiamoli!". Scarichiamo liberamente musica (si pensi allo 
straordinario patrimonio culturale rappresentato dalla musica classica), 
scritti, immagini e qualsiasi altra opera dell'ingegno i cui diritti 
patrimoniali d'autore siano estinti e su cui non vi siano diritti connessi.
Ci auguriamo che Lei condivida i principi che stanno alla base della nostra 
iniziativa e voglia collaborare con noi alla realizzazione della stessa. 

 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

Tutti pensano a cambiare l'umanità, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. 

Lev Tolstoj 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it