[Cc-it] La risposta del Dott. Zammataro

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Mer 12 Gen 2005 09:40:30 EST


Cari amici,
Sono molto contento della vostra scelta di avviare una riflessione
condivisa su un tema sul quale in tanti ci arrovelliamo da tempo: come,
nella società dell'Informazione (dove il sistema delle relazioni sociali è
positivamente sconvolto dall'accesso al sapere in un modo a mio giudizio
rivoluzionario consentito dalla rete), sia possibile garantire due
aspetto: da un lato il DIRITTO ALLA CONOSCENZA e al suo ACCESSO,
dall'altro la piena esplosione delle potenzialità cognitive e cognitarie
che la rete ci mette a disposizione, senza per questo ridurre la rete
stessa a un grande supermercato. Questi credo che siano i temi che
l'esistenza del software libero prima e la nascita delle Creative Commons
ci consegnano.
Posto che questi obiettivi siano condivisi, vorrei fosse chiaro che
nessuno ha risposte certe sugli strumenti da mettere in campo, tantomeno
io, per cui vi prego di prendere quelle che seguono come un primo
contributo alla riflessione comune, e vi propongo un metodo: discutiamo
per decidere. Per parte mia, e dei Verdi, sono disponibile fin d'ora a
rivedere le mie posizioni, se la nostra comune discussione sara'
convincente.
Permettetemi una puntualizzazione: forse sono stato confuso nel mio
intervento a Torino, ma mi è ben chiara la differenza tra pubblico dominio
e creative commons. E credo che proprio da li', con realismo e attenzione,
dobbiamo partire. La normativa sul diritto d'autore ha visto un'espansione
e un' estensione he io giudico  abnorme, per durata e profondità. E credo
altresi', nonostante il mio desiderio, che modificare il sistema degli
accordi internazionali che regolano tale diritto sia un impegno di lunga
durata che accompagnerà il nostro lavoro per alcuni anni. Questo è il
primo punto all'ordine del giorno della nostra riflessione.
Il secondo è la funzione che noi immaginiamo per le Creative Commons, che
come la GPL a suo tempo io reputo "rivoluzionaria" nel senso letterale e
non demagogico del termine, perchè banalmente consentono la nascita di un
doppio sistema di accesso al sapere, fondato da un lato sulla
distribuzione commerciale e dall'altro sul libero accesso al sapere
culturale immateriale, concetto già esplicitato da Lessig stesso in varie
occasioni. Se cosi' e', io sento la necessita' di allargare la quantita'
di contentuti che utilizzano tali licenze e di sostenere quella economia.
Infine si pone il problema dei beni di Pubblico Dominio e della
disponibilita' delle riproduzioni di beni finanziati dallo Stato, che voi
sostenete con forza.
Credo che sulla base di queste diverse opzioni, senza escludere nessuno
degli strumenti che, grazie anche al vostro sforzo, abbiamo a
disposizione, sia possibile arrivare ad una proposta legislativa che
consenta di ottenere questo:
ciò che è finanziato con soldi pubblici deve essere LIBERAMENTE
DISPONIBILE AI CITTADINI
vorrei che fosse chiaro: non ho nessuna contrarieta' alla vostra proposta,
ma credo che, insieme, dobbiamo ancora esplorare tutte le opzioni a
disposizione per garantire la disponibilità di tali beni.
Come ho gia' detto, credo che questa riflessione non possa essere una
riflessione "di parte" e tantomeno "di partito", per cui mi impegno fin
d'ora a tentare, in una fase piu' avanzata della nostra discussione di
coinvolgere chi è sensibile a questi temi nelle Istituzioni in modo
bipartisan tra le vari sensibilità politiche, e vi confermo che,
ovviamente, questa prima disponibilita' non sia individuale o anche solo
mia e del Senatore Cortiana, ma sostenuta fin d'ora almeno da un'intera,
per quanto piccola, formazione politica come i Verdi.
Tutto cio' premesso, vi chiedo di verificare se sia possibile cominciare
questo lavoro attraverso un incontro aperto e libero, senza preclusioni,
da tenersi presso il Senato nel piu' breve tempo possibile, per poi
lavorare a distanza sulla base di una prima base comune.
In attesa di un vostro riscontro porgo i piu'
Cordiali Saluti
Maurizio Zammataro 

 

 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

Tutti pensano a cambiare l’umanità, ma nessuno pensa a cambiare se stesso. 

Lev Tolstoj



Maggiori informazioni sulla lista cc-it