[Cc-it] Diritti d'autore - was: Proposta progetto

Michele Mader michele a studiomader.it
Mar 11 Gen 2005 12:10:35 EST


Rispondo alle tue osservazioni in ordine diverso da quello con cui le poni, 
ma spero di essere comprensibile ugualmente.

(3) Il fatto che la firma digitale sia ancora poco diffusa non significa che 
debba esserlo anche in futuro. Potrei obiettare che le licenze CC sono 
ancora meno diffuse della firma digitale. I software per gestire la firma 
digitale sono liberamente disponibili a chiunque e la firma digitale per 
convalidare i diritti d'autore potrebbe essere distribuita anche con canali 
più comodi rispetto a quelli attuali, fermo restando l'identificazione certa 
dell'utente da cui non si può prescindere. Sul nuovo ente, non ritengo che 
sia strettamente necessario, anche se non è detto che sia del tutto inutile.

(1) E perché uno dovrebbe mettersi ad apporre la sua firma ad un mp3 
illegale? Cioé, uno può anche fotocopiare un libro senza sapere che non si 
può farlo, però non si mette a sostituire il suo nome a quello dell'autore.

(2) vedi 1. Ritengo improbabile che uno firmi qualcosa e lo distribuisca con 
leggerezza. Nel caso in cui qualcuno dovesse scaricare quel file, non 
sarebbe responsabile dell'illecito. Se io entro in un negozio di dischi ed 
il negoziante vende CD duplicati, è lui il responsabile, non io.

A questo aggiungo una domanda: Quali sono i punti su cui siamo d'accordo e 
quali quelli che consideri meritevoli di un approfondimento?

Saluti,
Michele Mader
http://www.studiomader.it/new/

----- Original Message ----- 
From: "Nicola Alcide Grossi" <copernico a larivoluzione.it>
To: <cc-it a lists.ibiblio.org>
Sent: Tuesday, January 11, 2005 5:44 PM
Subject: [Cc-it] Re: Diritti d'autore - was: Proposta progetto


> Michele Mader Scrive:
>> Analogamente, una volta che uno sa di essere rintracciabile, per quale 
>> motivo deve rischiare tanto per distribuire del materiale non suo?
>
> Potrebbe farlo senza saperlo. Magari mette a disposizione un mp3 e non sa 
> nemmeno cosa siano i diritti connessi.
>
>> Poi se uno distribuisce un file con la sua firma digitale, sa bene di 
>> essere rintracciabile e ci pensa due volte prima di dover sborsare 
>> migliaia o milioni di euro per una bravata.
>
> Magari ci pensa bene ma se non sa cosa sono i diritti connessi commette in 
> tutta tranquillità un illecito e lo fa commettere a chi scarica il suo 
> mp3.
>
>
>>In questo contesto, il software p2p che volesse garantire la legittimità 
>>di un download, dovrebbe semplicemente controllare che il file sia firmato 
>>con una firma digitale valida.
>
> E dunque non c'è bisogno di un nuovo ente.
> Però si torna al problema di partenza: la firma digitale è ancora poco 
> diffusa.
>
>
>
> Saluti (cc)opernicani, Nicola.
> ________________________________________
> Tutti pensano a cambiare l'umanità, ma nessuno pensa a cambiare se stesso.
> Lev Tolstoj
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it