[Cc-it] Re: Proposta progetto

Michele Mader michele a studiomader.it
Mar 11 Gen 2005 07:03:23 EST


Per quanto il "chi può raccogliere le registrazioni delle opere", sarebbe 
sufficiente definire dei requisiti analoghi (magari un po' meno restrittivi) 
a quelli definiti per gli enti che possono rilasciare le firme digitali.

A questo aggiungo che è stato visto che l'MD5 non è sufficientemente 
affidabile per applicazioni che richiedono un alto livello di sicurezza ed 
andrebbe utilizzato SHA1, ma questo è solo un dettaglio tecnico.

Saluti,
Michele Mader
http://www.studiomader.it/new/

----- Original Message ----- 
From: "Nicola Alcide Grossi" <copernico a larivoluzione.it>
To: <cc-it a lists.ibiblio.org>
Sent: Tuesday, January 11, 2005 12:43 PM
Subject: [Cc-it] Re: Proposta progetto


> Fabio Sabatino Scrive:
>> Buonasera a tutti i partecipanti della lista,
>> dopo la piacevole telefonata con Danilo e dopo avergli accennato di
>> una mia idea, la riporto a voi per ottenere qualche parere, magari
>> anche sugli aspetti legali del progetto che ho ideato.
>> Siccome si e' parlato della struttura del sito, ed in genere della
>> diffusione di materiale coperto da CC, avevo pensato ad una possibile
>> incentivazione per la pubblicazione di opere utilizzando il software
>> P2P BitTorrent.
>> Il protocollo utilizzato da BitTorrent e' semplice, si prende un file
>> da condividere, lo si trasforma in un file di qualche byte contenente
>> le informazioni sul come e dove trovare il file originale nella rete
>> ed infine si mette a disposizione questo piccolo file .torrent. Chi
>> pubblica il materiale in genere ha sul suo computer un "tracker", una
>> specie di server che mette a disposizione informazioni sui file
>> condivisi. I tracker possono formare network, si possono collegare fra
>> loro. Ogni tracker mette a disposizione i file .torrent ed informano
>> della disponibilita' dei file originali, lasciando aperto un
>> "torrente" di bit per ogni file al quale i client vanno a connettersi.
>> Si potrebbe facilmente fare in modo che vari blog e anche il sito
>> creativecommons.it, .org e cosi' via, possano ospitare materiale
>> coperto da CC, sotto forma di .torrent, si potrebbe tener su un
>> archivio col metodo dei trackers e si potrebbe favorire la diffusione
>> piu' economica, che e' quella del P2P, attuabile solo attraverso
>> licenze di libera diffusione, come le CC (non escludendo la
>> possibilita' di utilizzare altre licenze).
>> Con un sistema tale si risolverebbe anche il problema della
>> registrazione delle opere, in quanto un autore pubblicando un'opera
>> lascia, magari anche con firma elettronica, all'interno del file la
>> data di creazione ed altri dati, chiamati metadati (in cui si puo'
>> fare in modo da poter inserire informazioni relative al tipo di
>> licenza del file originale). L'archivio di queste registrazioni
>> potrebbe esser mantenuto da vari enti, ai quali ogni autore decide
>> liberamente di registrarsi. Enti che dovranno raccogliere le
>> registrazioni delle opere, un po' come le varie enti che registrano i
>> domini su internet attualmente.
>> Suppongo che portare avanti un'iniziativa del genere possa riscontrare
>> un discreto successo, in quanto fornirebbe l'opportunita' a tutti di
>> pubblicare a costi minimi le proprie opere (musica, libri, studi,
>> video), la distribuzione avverrebbe tramite una rete P2P, che non
>> costa nulla a nessuno se non la connessione. Credo che potrebbe essere
>> utile sensibilizzare magari i provider di accesso ad internet nei
>> confronti di una simile proposta, in quanto sono in guerra quanto noi
>> comuni mortali col problema del fenomeno P2P e delle leggi fatte coi
>> piedi. Telecom Italia, Tiscali, Wind e magari anche il giovane
>> operatore mobile 3, che sembra essere molto interessato ad internet
>> (avevo pensato addirittura quanti si potrebbero mettere a fare le foto
>> col cell e pubblicarle su internet sotto CC !), potrebbero supportare
>> iniziative come quella di Scarichiamoli subito sfruttando questi nuovi
>> possibili metodi di pubblicazione. Se i provider contribuissero alla
>> creazione di opere da poter liberamente distribuire, senza ulteriori
>> costi e rischi per la loro attivita', ed allo stesso tempo migliorare
>> la loro immagine aziendale dando il loro contributo alla cultura,
>> magari dando il loro contributo (cito i labs di Telecom Italia)
>> pubblicando proprio materiale tecnico dando la possibilita' alla
>> comunita' di collaborare.
>> Ritornando alla realta', vi chiedo, un'idea simile vi sembra
>> quantomeno applicabile ? Credete che ci siano aspetti legali,
>> purtroppo a me ignoti, che possano essere d'intralcio ? Voi cosa ne
>> pensate ?
>> Insomma, fatevi sentire ! :-)
>
>
> Non più di un mese fa sono state arrestate decine di persone coinvolte 
> nella gestione di un sito che sfruttava le tecnologie di Bit Torrent e al 
> quale faceva capo un totale di circa 10 mila utenti.
> Come dire: il mezzo è potente ma bisogna saperlo gestire; il fatto che un 
> file venga dichiarato sotto Ccpl non è una garanzia, anzi, potrebbe 
> costituire una trappola. Questo è comunque un problema che già esiste.
> Il tuo Mozilla o il tuo client P2P potrebbe mentire mentre ti dice che 
> l'opera x è rilasciata sotto Ccpl.
> Corriamo il rischio di proteggere involontariamente la pirateria.
> Lo dico anche a Juan Carlos: bisognerà approfondire la questione.
> Il problema si supera con "enti che dovranno raccogliere le registrazioni 
> delle opere": ma quali? Chi può garantire per gli altri? Chi può dire 
> questo file è effettivamente non soggetto a full copyright in quanto 
> collegato ad una certa licenza? Nemmeno la SIAE garantisce questo: tu puoi 
> depositare anche una canzone non tua, la SIAE declina ogni responsabilità 
> a riguardo.
> L'unica soluzione è utilizzare l'hash MD5 e verificare prima di scaricare 
> il file se effettivamente quell'impronta corrisponde a un file legalmente 
> scaricabile.
> Esiste già un sistema che utilizza questo metodo.
> Ti faccio vedere (anche se non vorrei: perché non mi piace fare pubblicità 
> a Tizio o a Caio) un paio di esempi (clicca sul piccolo banner con la 
> scritta in verde):
> http://www.scuolaonline.wide.it/Pagine/scarica.html
> http://www.thejackals.it/media.htm
>
> Nel nostro caso, però, ci troviamo davanti a un problema ancora più grande 
> di quello risolto nei due esempi.
> Ripeto: come verificare se effettivamente quell'impronta corrisponde a un 
> file legalmente scaricabile?
> Nessuno può assumersi questa responsabilità se non chi dichiara di essere 
> l'autore dell'opera contenuta nel file:
> e allora è necessario che l'autore sia qualificato.
> Chi è un autore qualificato?
> Questo deve deciderlo chi scarica.
> Esempio:
> 1. mi trovo su un circuito P2P;
> 2. vedo un mp3;
> 3. prima di scaricare l'mp3 ricevo alcune informazioni (due sono 
> fondamentali: l'hash MD5 e l'indirizzo web su cui posso trovare il file da 
> confrontare (o anche la semplice indicazione dell'hash) e una 
> dichiarazione da parte dell'autore);
> 4. se ritengo che si tratti di un autore qualificato (ad esempio è un nome 
> noto e/o ha un sito registrato a suo nome presso l'authority), allora 
> scarico il file.
>
> Pensiamo bene a questi aspetti, perché non vorrei ritrovarmi la finanza in 
> casa per aver scaricato roba da creativecommons.it :)
>
>
> Saluti (cc)opernicani, Nicola.
> ________________________________________
> Tutti pensano a cambiare l'umanità, ma nessuno pensa a cambiare se stesso.
> Lev Tolstoj
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it