[Cc-it] Re: Free software e Creative Commons

Fabio Sabatino my.iguru a gmail.com
Dom 9 Gen 2005 12:45:06 EST


Ho letto il thread che mi ha segnalato e la ringrazio. Mi trovo un po'
in disaccordo sul suo punto di vista del software come mezzo, io
personalmente, faccio parte di quella parte che crede siano opere
artistiche, opere dell'ingegno per la precisione. Credo che se
volessimo fare un paragone con la poesia si potrebbe definire
anch'essa un mezzo, in quanto e' un mezzo per provocare emozioni,
anche il teatro, la musica e cosi' via. Per quanto riguarda il
software credo che lo strumento non sia il software, bensi'
l'hardware, come lo spartito musicale sta' alla chitarra.
Per quello che ho potuto capire dal comunicato di FSF si evince che il
problema della copertura da parte della CC e' che il tutto si basa sul
piazzare un URL che punta ad un sito web, che in un probabile futuro
non potrebbe esistere. E' il problema della registrazione, di cui si
e' parlato anche altre volte. Forse ci si dovrebbe muovere in quel
senso e fornire la possibilita' di depositare le proprie opere,
esercitando i propri diritti su di esse, software incluso. Sarebbe
anche una buona idea permettere la possibilita' di applicare la
licenza su diversi tipi di formati, per essere stampata ad esempio,
quando necessaria.
Credo che in effetti alcune condizioni della Creative Commons possano
andare contro alcuni principi fondamentali delle liberta' elencate
dalla FSF, ma si parla di diritti che si riserva l'autore, che puo'
scegliere anche di non usare una licenza GPL ma BSD o la MPL e cosi'
via. La filosofia del Free Software ha migliorato di molto la qualita'
del software moderno, ma e' una filosofia che ogni individuo ha il
diritto di abbracciare o meno a sua scelta, a seconda del caso.
Probabilmente si arrivera' a non aver bisogno di applicare restrizioni
sulla distribuzione, che poi attualmente possono decadere dopo che si
e' ottenuto il permesso dell'autore (una specie di atto cavalleresco
;-) ) per le restrizioni della CC. In questi giorni i diritti d'autore
sono governati da sistemi che impongono lo sbarramento totale della
libera diffusione d'idee, e sia la FSF che la Creative Commons si
basano su di un principio fondamentale opposto. A questo punto
l'autore, sceglie di diffondere le proprie idee come meglio crede,
puo' rilasciarle con la totale liberta', principi fondamentali sia
della FSF che della licenza Public Domain di Creative Commons, puo'
scegliere di applicargli alcune restrizioni a piacere, o puo' decidere
di svenderle a qualcuno che fa' solo i propri interessi economici,
bloccando la nostra naturale evoluzione. La liberta' di scelta e'
dell'autore, ben venga se vuol lasciare la totale liberta' d'uso del
software.


On Sun, 09 Jan 2005 17:44:12 +0100, creatives a attivista.com
<creatives a attivista.com> wrote:
> Fabio Sabatino scrive:
> [...]Avevo intenzione di raccogliere e promuovere software coperto da CC.
> Magari pubblicandone anche di mio.
> Pensavo che si potesse fare un archivio in stile sourceforge.net, che
> sia pero' dedicato a materiale coperto CC.[...]
> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2005-January/002358.html
> 
> Danilo Moi risponde:
> Per il momento non mi pare prevista qualcosa del genere.
> Creative Commons si occupa appunto di opere letterarie, musica, fotografia,
> etc etc
> 
> In ogni caso nessuno ti vieta di proporre un'iniziativa.
> 
> Personalmente penso però che le licenze creative commons non siano adatte a
> tutelare software.
> O meglio, ne esistono di più adeguate.
> (opinione di un "profano")
> 
> In tutta onestà quindi credo sia più logico utilizzare licenze pensate
> espressamente per il software.
> GPL e Lesser GPL ad ex.
> 
> Certo: ognuno adotta le licenze che desidera adottare, casomai se può, se ne
> scrive una ad hoc. :-)
> 
> Sono però abbastanza convinto che utilizzare le creative commons per
> tutelare il software sia una operazione "scorretta".
> Non solo perchè appunto l'ambito delle quali si occupano è differente ma
> anche perchè, parlo chiaro e tondo, è quasi "politicamente scorretto".
> 
> Sarebbe una "ingerenza" della creative Commons in un ambito che non la
> riguarda, sarebbe "cialtroneria" alla stessa stregua di chi pretende di
> definire "opera derivata" l'alterare la posizione dei capitoli in un romanzo
> o cambiare una virgola.
> Mi spiego: se in un certo senso le creative commons sono "opera derivata"
> dalla GPL e hanno senso soltanto se applicate in un ambito differente
> (estendendo e adattando appunto le modalità di copia, diffusione e modifica)
> non appena esse "ritornano" nell'ambito della realtà che le ha "ispirate"
> compiono un atto che appunto definisco "scorretto".
> 
> ***Le cose non stanno infatti così: La creative Commons consiglia la GPL per
> il software, la FSF e Stallman consigliano le Creative Commons per le "opere
> dell'ingegno" letterarie, musicali etc etc
> 
> Lettura correlata
> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2005-January/002289.html
> 
> Un saluto
> Danilo Moi
> danilomoi at creativecommons.it
> 


-- 


Fabio Sabatino



Maggiori informazioni sulla lista cc-it