[Cc-it] Inviata e-mail al Dott. Zammataro

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Ven 7 Gen 2005 09:55:37 EST


All'attenzione del Dott. Maurizio Zammataro 

"Rispettiamo assolutamente la richiesta di distanza e di giusta distanza tra 
società civile e società politica, però oggi vi chiediamo... io sono qui a 
chiedere... di dotarci degli strumenti affinché, per esempio, mentre si 
avvia il percorso di community building si scriva insieme, come è avvenuto 
sul tema del software libero, la proposta di un disegno di legge che parte 
da un'idea molto semplice: che ciò che è finanziato integralmente a fondo 
perduto con soldi pubblici sia di dominio pubblico sottoposto alle Creative 
Commons".
Gentile Dott. Zammataro, queste sono parole da Lei pronunciate il 16 
dicembre 2004, durante il Suo intervento alla conferenza che ha lanciato le 
licenze Creative Commons Italiane. La presente proviene da membri di quella 
community building che Lei ha citato, da volontari che con passione 
contribuiscono ogni giorno alla crescita ed allo sviluppo di Creative 
Commons e di Creative Commons Italia. Vorremmo innanzitutto fare una 
doverosa precisazione e poi una bella proposta.
La precisazione: affinché un'opera dell'ingegno sia di pubblico dominio non 
è possibile ricorrere all'utilizzo di una licenza Creative Commons. Le 
licenze Creative Commons non riguardano il pubblico dominio: riguarda invece 
il pubblico dominio la Public Domain Dedication (che non è una licenza e 
che, per motivi di difficile adattamento al contesto giuridico italiano, non 
rientra all'oggi nelle prospettive di lavoro delle Affiliate Istitutions 
italiane). Tuttavia, come Lei ben sa, Creative Commons è nata grazie anche 
al Center for the Public Domain: pertanto, le Sue parole sono da noi 
salutate con entusiasmo.
La proposta: i diritti patrimoniali d'autore e i diritti connessi relativi 
ad un'opera dell'ingegno si estinguono nel momento in cui l'opera viene 
prodotta/riprodotta grazie ad un finanziamento pubblico. Per valutare se 
l'opera è prodotta/riprodotta grazie ad un finanziamento pubblico, si può 
utilizzare il criterio della conditio sine qua non: un'opera è 
prodotta/riprodotta grazie ad un finanziamento pubblico se non sarebbe stata 
prodotta/riprodotta senza quel finanziamento.
Esempi: se lo Stato sovvenziona la produzione di un filmato, quel filmato 
sarà di pubblico dominio; se lo Stato paga un esecutore affinché esegua un 
brano musicale, l'esecutore non potrà vantare diritti connessi su quella 
esecuzione. Il "criterio dell'integralità", infatti, non ci soddisfa: perché 
basterebbe una irrilevante partecipazione alle spese di produzione da parte 
dell'autore e l'opera non verrebbe comunque considerata di pubblico dominio. 
Dunque, la nostra proposta è quella di introdurre nella legge sul diritto 
d'autore due nuovi articoli: il primo, relativo a una nuova causa di 
estinzione dei diritti patrimoniali d'autore; il secondo, relativo a una 
nuova causa di estinzione dei diritti connessi. La causa di estinzione, lo 
ripetiamo, è la produzione/riproduzione di un'opera grazie ad un 
finanziamento pubblico. A questo punto ci poniamo e Le poniamo una domanda: 
se un'opera è di pubblico dominio ma è fruibile solo a pagamento, a che 
serve che sia di pubblico dominio? Potremmo fare a meno di pagare due volte 
le cassette del consorzio NETTUNO, ma chi ci regalerà Vivaldi? Chi ci darà 
ciò che già ci appartiene, la cultura, i saperi, le conoscenze che già sono 
di pubblico dominio? Donare cultura, trasmettere liberamente il sapere e la 
conoscenza: è questo che vogliamo? Sembrerebbe di sì: bene, se questi sono 
interessi legittimi, allora lo Stato dovrebbe tutelarli; i mezzi ci sono: da 
Internet al digitale terrestre (se la RAI volesse mettere a disposizione i 
propri archivi... ). Abbiamo salutato con gioia il progetto "Norme in Rete" 
(www.normeinrete.it): finalmente si dà la possibilità ai cittadini di 
trovare facilmente una legge senza dover pagare quei 420 Euro che occorrono 
per avere l'abbonamento completo alla Gazzetta Ufficile telematica (le leggi 
non sono forse di pubblico dominio?). Il progetto è stato realizzato grazie 
all'ausilio coordinato delle Pubbliche Amministrazioni centrali e 
periferiche: perché lo Stato non si impegna a creare un progetto analogo che 
abbia ad oggetto la cultura di pubblico dominio? Solo l'università di 
Trento, ad esempio, dispone di un archivio di brani di classica 
straordinario (ma praticamente inaccessibile). Lo Stato potrebbe coordinarsi 
con associazioni (penso, ad esempio, a Liber Liber: che ha trascritto e 
messo a disposizione del pubblico centinaia e centinaia di testi letterari 
di pubblico dominio), fondazioni, università... e realizzare un portale 
dell'arte e della cultura di pubblico dominio, accessibile a tutti (si 
potrebbe addirittura lanciarlo con un numero verde). E' chiaro: tutto questo 
va contro gli interessi di chi ancora trae profitto da ciò che è ormai 
patrimonio dell'umanità. Ma i firmatari di questo appello sono troppo deboli 
per opporsi a questi interessi, tuttavia, i firmatari di questo appello 
hanno fiducia nelle Istituzioni, hanno fiducia nella classe politica, hanno 
fiducia in Lei, Dott. Zammataro, nelle Sue parole e nella disponibilità che 
ha dimostrato nei nostri confronti quel 16 dicembre 2004. Noi accogliamo la 
Sua richiesta e invitiamo Lei, il Senatore Cortiana ed ogni altro 
Parlamentare a scrivere insieme la proposta di un disegno di legge che parte 
da un'idea ancora più semplice di quella che Lei ha esposto: che ciò che è 
stato prodotto con soldi pubblici sia di dominio pubblico. 

Cordialmente, 

Nicola Grossi (nicola.grossi a creativecommons.it) 

Danilo Moi (danilo.moi a creativecommons.it) 

Lorenzo De Tomasi (lorenzo.detomasi a creativecommons.it) 

Michele Bottari (michele.bottari a creativecommons.it) 

Thomas Margoni (thomas.margoni a creativecommons.it)



Maggiori informazioni sulla lista cc-it