[Cc-it] Re: FSF e Creative Commons: il concetto di libertà

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Mer 5 Gen 2005 10:03:38 EST


creatives a attivista.com Scrive: 

> L'errore concettuale di fondo è costituito dal concepire il software alla 
> stessa stregua di un prodotto artistico e letterario e non per quello che 
> è: uno strumento.
> Tale strumento ha preso forma, e continua a svilupparsi, attraverso un 
> lavoro continuo e comune che implica, in ultima istanza, il progresso 
> tecnologico dell'intero genere umano.
 

Io vorrei tenermi basso e fare un discorso terra terra ma molto importante:
se non è possibile classificare le licenze Creative Commons (né qualsiasi 
altra licenza analoga) come libere e non libere in base a certi parametri 
(perché non idonei alla classificazione) allora i risultati a cui si 
perviene attraverso tale classificazione sono sbagliati, infondati. 

La mia paura è che prenda campo l'opinione che 4 licenze Creative Commons su 
6 non sono libere (non sarebbe una bella pubblicità): ho l'impressione che 
FSF non dica che le licenze Creative Commons non sono libere, ma che più 
semplicemente si astenga dal classificarle, non avendo gli strumenti per 
farlo.
Però, Rubini e molti altri esponenti del software libero ci vengono a dire 
che secondo i loro criteri 4 licenze Creative Commons non sono libere e 2 
sono libere. 

Se c'è stata una *invasione di campo*, lo schema di Rubini è il frutto di 
una forzatura logica e dunque sbagliato.
Se è sbagliato è pericoloso, perché la proliferazione di questa erronea 
opinione (ricordo che Rubini è divulgatore, così come divulgatori sono tanti 
altri esponenti del software libero che la pensano esattamente come Rubini) 
fa credere alla comunità che 4 licenze Creative Commons su 6 non siano 
libere (francamente non è una bella pubblicità). 

L'unica cosa che possiamo dire è che le licenze Creative Commons non 
riguardano il software libero e che CC per il software consiglia la GNU GPL. 

Il termine "licenza libera" indica oramai una certa licenza per il software.
Quindi, onde evitare fraintendimenti, potremmo evitare di dire che le 
licenze Creative Commons sono "licenze libere", ma nessuno dovrebbe andare 
in giro a dire che le licenze Creative Commons sono "licenze non libere". 

Certo, il termine "libertà" è così bello che scoccia un po' non poterlo 
utilizzare (il software potrebbe avere una libertà x così come l'open 
content potrebbe avere una libertà y): tuttavia, ci sono altri termini.
Ad esempio, potremmo dire che le licenze Creative Commons sono "creative".
Insomma: secondo me bisognerebbe cercare di evitare accavallamenti ed 
invitare alcuni esponenti della FSF (non la FSF, che non ci dà motivo di 
pensare che non la pensi come noi) a raddrizzare il tiro. 

 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it