[Cc-it] Re: FSF e Creative Commons: il concetto di libertÓ

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Mer 5 Gen 2005 09:08:27 EST


Nicola Alcide Grossi Scrive:
> Ma i programmi per elaboratore sono protetti come opere letterarie ai 
> sensi della convenzione di Berna sulla protezione delle opere letterarie 
> ed artistiche.

Danilo Moi risponde:
**Ecco: Ŕ questo il punto.**
Come Ŕ scorretto pretendere che le modalitÓ di diffusione del software siano 
estendibili in toto alle opere letterarie Ŕ altrettanto scorretto il 
contrario.
Questa idea Ŕ il "Principio teorico" di tanti disguidi.
Auspicare la "soluzione" a un male contrapponendo ad esso il suo male 
opposto mi pare "poco auspicabile".
...credo che queste considerazioni siano fin troppo banali. :-) 


http://www.attivista.com/2004/aprile/on_top.html
[..]
*************
L'errore concettuale di fondo Ŕ costituito dal concepire il software alla 
stessa stregua di un prodotto artistico e letterario e non per quello che Ŕ: 
uno strumento.
Tale strumento ha preso forma, e continua a svilupparsi, attraverso un 
lavoro continuo e comune che implica, in ultima istanza, il progresso 
tecnologico dell'intero genere umano.
********************
[..] 

Un saluto
Danilo Moi
danilomoi at creativecommons.it



Maggiori informazioni sulla lista cc-it