[Cc-it] Re: Proposta di modifica della homepage - Costruire la comunità

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Sab 1 Gen 2005 18:53:02 EST


Lorenzo De Tomasi Scrive: 

> Sulla homepage del sito CC.org sono presenti dei link a sezioni specifiche
> per tipologia di opera (immagini, testi, audio, video) o area (istruzione).
> - - - - -
> - Audio (music, sounds, speeches...)
> - Images (photos, illustrations, designs...)
> - Video (movies, animations, footage...)
> - Text (books, blogs, essays...) 
> 
> - Education (lesson plans, course packets, textbooks...)
> - Science commons
> - (Software) developers
> - - - - -
> Pensavo di aggiungere qualcosa di simile sulla nostra homepage, rivedendo
> però il naming originale e l'organizzazione.
> Il fatto che CC.org, dopo aver scelto il formato delle opere come criterio
> di classificazione, lo abbia trovato stretto e abbia inserito tre nuove
> categorie di tipologia differente (Istruzione, Scienza e Sviluppatori
> software), dimostra a mio parere la parziale inadeguatezza della soluzione
> scelta. 
> 
> Propongo di organizzare e creare le informazioni seguendo due strade
> parallele e complementari, ovvero:
> 1. creare sezioni mirate alle tipologie di utilizzatori.
> La mia proposta, che vi chiedo di esaminare e criticare è
> - - - - -
> - Musica e suoni (brani musicali, spartiti, testi, effetti sonori ecc.)
> - Arte e comunicazione visuale (fotografie, illustrazioni, disegni, grafica,
> multimedia ecc.)
> - Cinema e teatro (film, cortometraggi, documentari, spot, sceneggiature
> ecc.)
> - Software (applicazioni software, driver ecc.)
> - Scienza e ricerca (saggi, ricerche, tesi di laurea ecc.)
> - Istruzione (dispense, libri di testo, corsi ecc.)
> - Scrittura e giornalismo (blog, articoli, interviste, saggi, romanzi,
> racconti, poesie ecc.)
> - - - - -
> Questo perché penso che le problematiche di utilizzo delle licenze più
> complesse siano più legate all'area, alla disciplina, al "target" (triste
> termine) di utenti piuttosto che al formato delle opere. Ad esempio, un
> racconto presenta problematiche differenti rispetto a una dispensa
> universitaria, nonostante siano entrambi testi. Attorno alle categorie
> proposte potrebbero nascere vere e proprie comunità di discussione che
> agevolerebbero la costruzione della comunità prevista nella fase 2 di cc-it. 
> 
> 2. Una classificazione per tipologia di opere non andrebbe comunque esclusa,
> ma utilizzata in modo complementare, focalizzandosi sugli aspetti
> tecnico/legali relativi a ciascuna tipologia. Quindi affiancherei le
> categorie sopra proposte a 
> 
> - testi (siti web, libri, pdf ecc.)
> - immagini (illustrazioni, fotografie, grafica ecc.)
> - audio (musiche, canzoni, effetti sonori, interviste ecc.)
> - video (filmati, animazioni ecc.) 
> 
> Sono due differenti strade per accedere alle informazioni e
> contemporaneamente due piani differenti per discutere e cercare di risolvere
> i problemi. 
> 
> Cosa ne pensate?
 

Penso che certamente sei un bravo architetto dell'informazione ma che forse 
sei un po' troppo ottimista. :) Posso confessarvi una mia paura? Una paura 
che mi auguro sia del tutto infondata: Shining.
Bellissima pellicola: quell'albergo così grande era vuoto e quel vuoto 
faceva paura... metteva davvero ansia...
Non sto dicendo che Lorenzo sia impazzito come il protagonista di Shining 
(che vedeva la sala da ballo dell'albergo piena di gente); sto invece 
manifestando una mia paura: l'"effetto Shining". :D 

 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it