[Cc-it] Re: Licenze Sampling & C.

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Sab 1 Gen 2005 10:15:54 EST


----- Original Message -----
From: "Nicola Alcide Grossi" <copernico a larivoluzione.it>
To: <cc-it a lists.ibiblio.org>
Sent: Friday, December 31, 2004 2:37 AM
Subject: [Cc-it] Re: Licenze Sampling & C.


> Lorenzo De Tomasi Scrive:
>
> >> tradurre i draft, e solo il draft, delle
> >> licenze come la public domain dedication (ovvero le licenze "non
tradotte
> >> dalle A.I", o il founders' copyright, incompatibili con il "nostro"
> >> ordinamento) specificando che sono "traduzioni a scopo divulgativo e
> >> nient'altro".
> >> (quello che più o meno facciamo nel disclaimer)
> >
> > ma andrebbe specificato *molto bene* che si tratta di bozze.
> > Volendo questa bozza potrebbe anche essere un link dalla licenza
completa in
> > inglese.
>
> Se davvero non vogliamo sovrapporci al lavoro delle AI direi che sarebbe
> meglio lasciare alle AI la stesura di queste bozze.

Sono d'accordo.
Se poi le Ai ritengono che la stesura di una bozza preliminare da parte
della lista possa agevolare il loro lavoro, potremmo pensare di attivarci.

> > Chi spiega altrimenti a chi visita il sito per adottare una licenza che
solo
> > 6 licenze sono tradotte e adattate?
>
> Porrei la domanda alle AI e pubblicherei la loro spiegazione.

Concordo.
Dato che si tratta di pagine del sito (e non di licenze) chiederei alle Ai
di partecipare con noi alla loro stesura/revisione/supervisione legale.
Credo sia meglio attivarsi da subito, dato che l'attuale situazione di
quelle pagine potrebbe generare confusione.
A mio parere:
- eliminare i link alle pagine relative alle licenze non tradotte dalle Ai
non credo sarebbe una buona soluzione, poiché precluderebbe la scelta delle
licenze internazionali ai visitatori del sito italiano.
- non tradurre in italiano le pagine relative alle licenze non tradotte
dalle Ai precluderebbe la scelta delle licenze internazionali a chi non
comprende l'inglese.
- tradurre letteralmente in italiano le pagine relative alle licenze non
tradotte dalle Ai (pressoché la situazione attuale) non darebbe informazioni
corrette e complete agli italiani che adottano le licenze internazionali...

> > Penso che gli utenti adottino anche le altre licenze (ad esempio penso
che
> > molti siano interessati alla sampling), visto che ne hanno la
possibilità...
> > credo sia fondamentale essere chiari nelle pagine informative,
specificare
> > che adottano le licenze internazionali e che presentano determinati
> > bug/"rischi" nella nostra nazione.
>
> Sarebbe meglio consultare le AI prima di dare certi chiarimenti.
>
>
> > Inoltre, come detto dallo stesso Ricolfi, le licenze adattate non sono
> > ancora perfette (ad esempio in parte non possono essere utilizzate da
chi è
> > iscritto alla Siae). Questi 'bug' andrebbero a mio parere chiariti agli
> > utenti, specificandoli proprio nell'iter di selezione e applicazione
della
> > licenza a un'opera, ovvero in quella sezione 'Pubblica' o 'Scegli una
> > licenza' che attualmente è sul sito cc.org
> > http://creativecommons.org/license/?lang=it
>
> Il bug non consiste nel fatto che una licenza Creative Commons non possa
> essere utilizzata da un iscritto alla SIAE: questo è un mero dato di
fatto.
> Il bug consiste nel fatto che la licenza sembra affermare l'esatto
contrario
> là dove dice che il licenziante può riscuotere compensi tramite la SIAE
(per
> fare ciò deve essere dunque iscritto alla SIAE): è quello il bug.
> Il bug è stato segnalato: se le AI lo riterranno opportuno, modificheranno
> la pagina http://creativecommons.org/license/?lang=it e/o le licenze.

Credo sia nostro compito far presenti questi problemi e proporre una o più
soluzioni per poi adottare, in collaborazione con le Ai, quella più
funzionale all'obiettivo.
Non credo che questo sia un tentativo di sovrapporsi al lavoro delle Ai, ma
piuttosto una serie di riflessioni e proposte che hanno lo scopo di
raggiungere un'intesa e una collaborazione finalizzata alla realizzazione di
una corretta informazione agli utilizzatori delle licenze Ccpl e del sito
web Italiano.




Maggiori informazioni sulla lista cc-it