[Cc-it] Re: Cc-it Digest, Vol 16, Issue 10

Deborah De Angelis avv.deborahdeangelis a virgilio.it
Mer 16 Feb 2005 09:40:34 EST


Salve a tutti,

dopo la mia precedente presentazione,  vorrei entrare un pò nel vivo 
del lavoro. Intanto mi sorge spontanea una domanda: a che punto siamo 
con il lavoro di traduzione delle licenze CC? Vorrei davvero 
collaborare attivamente, ma sul sito .it non mi è sembrato di vederne 
traccia alcuna (forse per mia disattenzione), sareste così cortesi da 
delucidarmi sull'argomento?
Parlando con il Prof. Bernt Hugenholtz dell'Università di Amsterdam, 
che si sta occupando delle traduzione delle licenze CC in Olanda, lo 
stesso mi riferiva che sta incontrando, ovviamente, gli stessi problemi 
che abbiamo noi, ossia l'adattamento delle licenze di stampo americano 
con il diritto morale (vedi, soprattutto, la facoltà di ostacolarsi a 
qualsiasi modifica o alterazione dell'opera che sia lesiva dell'onore e 
della reputazione "artistica" dell'autore) e l'ostacolo del monopolio 
di fatto o legale (dicasi Siae) della gestione collettiva del diritto 
d'autore. E' interessante su questi temi l'intervista rilasciata dal 
Prof. Hugenholtz sul sito www.bouncefm.com.

Per riallacciarmi al discorso di  Aliprandi e Moi circa la riduzione 
dei modelli di licenza da 11 a 6, credo che ciò sia stato dettato anche 
da ragioni di praticità, in quanto alcune licenze presentavano dei 
tratti salienti simili . Il fatto di introdurre di default 
l'attribution credo, invece, che risponda semplicemente alla scelta di 
rilasciare l'opera sotto una licenza, qualunque essa sia si tratta di 
licenza= autorizzare, ciò implica comunque il vulnus che è la 
paternità...altrimenti se si rinunciasse anche a tale facoltà l'opera 
potrebbe essere rilasciata a disposizione del pubblico senza alcun 
vincolo e quindi come dominio pubblico.

Un caro saluto,

Deborah De Angelis


Il giorno 16/feb/05, alle 12:32, creatives a attivista.com ha scritto:

> Aliprandi scrive:
> [..]
> ma la cosa non può essere dipesa dal fatto che essendo sbarcate anche 
> in Europa con i porgetti iCommons ci si è scontrati con la realtà del 
> diritto d'autore continentale (quello con i diritti morali al 
> riconoscimento della partenità)?
> [..]
> Danilo Moi risponde:
> Ovvio.
> Io "criticavo" la scelta di introdurre "di default" la attribution.
> **Sappiamo che in europa è comunque così.**
> Criticavo la scelta di cc.org e la sua "giustificazione".
> Il fatto che il 97% degli utenti scelga una determinata forma non è 
> una giustificazione sensata all'adozione, quasi a mo' di standard, 
> della "forma" stessa.
> Non a caso ho scritto:
> "Ora ci manca solo che includano di default anche la no derivative 
> works
> (moltissimi "utenti", pure troppi, infatti la adottano)..."
>
> Era una critica al metodo :-)
> Aliprandi scrive:
> [..]
> cmq la situazione non è molto chiara, anche perchè sul sito vengono 
> mantenute le 1.0. senza la Attribution di default. quindi? cosa 
> significa?
> [..]
> Danilo Moi risponde:
> Non vorrei sbagliare ma credo sia dovuto al semplice fatto che una 
> licenza non è revocabile.
> Ergo se un opera è stata licenziata con una licenza X e qualcuno, ad 
> esempio, la ripubblica (rispettando i termini e le condizioni della 
> licenza stessa)  non può fare che riferimento alla licenza originale.
> L'autore potrebbe in un determinato momento cambiare la versione della 
> licenza o cambiare licenza del tutto ma tutti coloro che (appunto 
> rispettando i termini e le condizioni della licenza stessa) hanno 
> usufruito, ripubblicato , casomai creato opere derivate devono essere 
> tutelati.
> (i termini e le condizioni della nuova licenza infatti potrebbero 
> cambiare radicalmente)
> ...questo ovviamente sempre con un dovuto "non vorrei sbagliare".
>
> Un saluto
> Danilo Moi
> danilomoi at creativecommons.it
> ------------------------------------------------------------------
> Il mercante meditò sul potere ed escogitò la democrazia al fine di 
> comprarsi i voti (D. Moi)
>
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>
>
_________________________________
Avv. Deborah De Angelis
DDA LAW FIRM
00195 Roma
Via Premuda, 16
tel. +39.06.39.74.56.22
fax +39.06.39.03.88.33
e-mail: avv.deborahdeangelis a virgilio.it




Maggiori informazioni sulla lista cc-it