[Cc-it] Approfondimento: richiesta di delucidazioni nel particolare

Alessandro Rubini rubini a gnudd.com
Ven 11 Feb 2005 15:36:23 EST


> La domanda mi sorge spontanea sapendo ad esempio che l'autore di
> Appunti di Informatica Libera, Daniele Giacomini, non ha visto arrivare
> un euro nonostante il suo libro sia una pietra miliare dell'informatica,
> e questo =E8 solo uno di numerosissimi esempi.

E` stata una sua scelta. Daniele, che io sappia, preferisce che la
conoscenza venga diffusa piuttosto che limitarne la diffusione per
averne un ritorno economico. Il suo lavoro e` un altro, non scrive
di professione.

> Mi chiedo quindi, facendo supposizioni, se io scrivo un romanzo (e
> quindi siamo in ambito non informatico) e lo pubblico con questa licenza
> su internet (in particolare con obbligo di riferimento all'autore, di
> non modificabilit=E0, di non usarlo per opere commerciali senza avere il
> mio consenso), allora difficilmente ricavo qualcosa, se non che si
> diffonde facilmente.

Quasi nessune legge romanzi sullo schermo, e stamparlo costa piu` che
comprarlo. Inoltre non e` affatto detto che sia facile trovare un
editore che investa per stamparlo e nemmeno che le vendite siano
poi significative.

Distribuire libri con licenza libera non e` affatto la morte
dell'editoria, nonostante quello che si dica in giro (lo dice anche,
in forma piu` blanda, Arturo di Corinto, che pero` non ha provato in
prima persona).

La mia esperienza, con "linux device drivers" e` che nonostante sia
stato lasciato il permesso di riproduzione anche commerciale, come
pure il permesso di modifica, il libro cartaceo ha comunque continuato
a vendere sulle duemila copie al mese, ultimamente di meno perche` e`
vecchio.  Alcuni miei clienti mi fanno vedere che lo hanno comprato e
sono stati bravi, altri tengono nascosto il pacco di stampe e quando
salta fuori si vergognano un po', come la scelta di permettere la
riproduzione non l'avessi fatta io.

> Allora mi viene da pensare, l'ideale sarebbe - se l'opera viene
> considerata meritevole - trovare un editore che la pubblichi,

Questo e` difficile. Trovare l'editore che pubblichi una cosa gia`
disponibile non e` banale. Questo perche` normalmente l'editore pensa
che se e` in rete non lo comprera` nessuno -- mentre continua a
stampare i classici della letteratura che stampano anche tutti i suoi
concorrenti.  Purtroppo gli editori, come i discografici e le aziende
che distribuiscono software, fanno fatica a staccarsi dal modello
economico del balzello sulla copia. 

> Il fatto =E8 che qui non stiamo parlando di software, con il quale di
> fatto la ricchezza =E8 distribuita fra tutti gli sviluppatori open
> source che sanno usarlo e modificarlo e che sono ben pagati dalle
> aziende per farlo.

Sono contento che sia assodato che il software libero e` economicamente
sostenibile. Fino a poco tempo fa ci dicevano tutti che non lo era
-- ed e` ancora la versione piu` battuta dai nostri oppositori.

> quindi per quanto sia radicata in me l'idea
> che i limiti alle opere dell'ingegno non vanno posti perch=E8 queste
> devono essere condivise, =E8 anche radicata l'idea che un guadagno per
> una buona opera sia sensato. N=E8 tutto n=E8 nulla, quindi, ma una
> soluzione di mezzo sarebbe la soluzione sensata.

La licenza non-commerciale e` la via di mezzo cercata, secondo me.
Se un editore valuta che l'opera valga l'investimento di metterla
in stampa non puo` farlo senza il consenso dell'autore, che sara`
ovviamente fornito solo in cambio di un compenso.

/alessandro



Maggiori informazioni sulla lista cc-it