[Cc-it] Approfondimento: richiesta di delucidazioni nel particolare

Absinth drink.absinth a email.it
Ven 11 Feb 2005 14:59:32 EST


Salve,
    sono particolarmente interessato alle Creative Commons, per le libertą che offrono, ma al tempo stesso ho dei dubbi.
Non nutro desideri di ricchezza, ma sono sicuro che sia del tutto legittimo sperare di guadagnare qualcosa da una propria opera, se questa piace. La domanda mi sorge spontanea sapendo ad esempio che l'autore di Appunti di Informatica Libera, Daniele Giacomini, non ha visto arrivare un euro nonostante il suo libro sia una pietra miliare dell'informatica, e questo č solo uno di numerosissimi esempi.
Mi chiedo quindi, facendo supposizioni, se io scrivo un romanzo (e quindi siamo in ambito non informatico) e lo pubblico con questa licenza su internet (in particolare con obbligo di riferimento all'autore, di non modificabilitą, di non usarlo per opere commerciali senza avere il mio consenso), allora difficilmente ricavo qualcosa, se non che si diffonde facilmente.
Allora mi viene da pensare, l'ideale sarebbe - se l'opera viene considerata meritevole - trovare un editore che la pubblichi, magari come libro economico, garantendomi quel minimo di guadagno da parte di chi preferisce comprare il libro cartaceo (anche se comunque esistono sempre le fotocopie), e allo stesso tempo renderla disponibile su internet. (E non sarebbe molto differente da ciņ che avviene coi libri sotto licenza normale, ma sicuramente legalizzare ciņ sarebbe un passo avanti nella diffusione della cultura)
Inoltre non ho ben capito, La CC si affianca al Copyright, ma si puņ affiancare anche ad altre licenze? la SIAE ad esempio, č tagliata fuori da tutto quello che riguarda le CC o sono integrabili? Per quanto possa fare inorridire (sopratutto da parte del consumatore o dell'esecutore) alcuni aspetti positivi li ha.
Ho le idee poco chiare su questi aspetti, che meriterebbero ampia risposta, visto che credo tanti autori siano indecisi appunto da questi. Il fatto č che qui non stiamo parlando di software, con il quale di fatto la ricchezza č distribuita fra tutti gli sviluppatori open source che sanno usarlo e modificarlo e che sono ben pagati dalle aziende per farlo. Stiamo parlando di opere che una volta create sono quelle e quelle rimangono, quindi per quanto sia radicata in me l'idea che i limiti alle opere dell'ingegno non vanno posti perchč queste devono essere condivise, č anche radicata l'idea che un guadagno per una buona opera sia sensato. Nč tutto nč nulla, quindi, ma una soluzione di mezzo sarebbe la soluzione sensata.
Potete darmi delucidazioni? Ne ho bisogno per prendere una decisione e smettere di essere tediato da una parte dalla mia morale e dall'altra dal mio bisogno di un anche piccolo guadagno.

Attento risposta, e vi ringrazio vivamente per il tempo dedicatomi

Cordiali Saluti,
Oscar "Absinth" Lepore


-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML č stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20050211/d6a476fa/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it