[Cc-it] ancora politica?

Nicola A. Grossi k2 a larivoluzione.it
Gio 25 Ago 2005 12:09:45 EDT


>E' davvero un peccato. Vorrei pormi una regola: "non partecipare più a >dibattiti che sfocino nel propagandistico puro e semplice, ma solo ad >occasioni di informazione e approfondimento". Ma è impossibile filtrarli a >priori... e forse sarebbe anche sbagliato. Giustamente qualcuno parla di >PLURALISMO... ben venga. Il limite sta a mio avviso nel rispetto delle >posizioni altrui e nella trasparenza intellettuale: se qualcuno tira in ballo >CC o qualcuno degli "attivisti" del settore (quali alcuni di noi possono >definirsi) con lo scopo di strumentalizzarne gli inteventi, ecco allora >bisogna reagire con la massima fermezza.

Non so se questa sia la lista giusta per parlare di certe cose, comunque, 
visto che sono in buona compagnia, scriverò qui anche io.
Ha ragione, Aliprandi, ha proprio ragione: bisogna fare qualcosa per evitare 
le strumentalizzazioni (e questo è sempre stato un mio chiodo fisso: per 
questo ho maturato una sorta di riservatezza atta a preservare me e quello 
che progetto dalla strumentalizzazione). Ma non è facile, perché la politica 
ti tira in ballo anche quando non vuoi. 

Mi faccia fare qualche esempio, se non altro per manifestare un po' di 
quella fermezza cui lei faceva riferimento. 

Qualche tempo fa ho *scoperto*, leggendo un'intervista di Arturo di Corinto 
all'Onorevole Gigi Rizzo, che i comunisti italiani stavano seriamente 
pensando di potenziare l'iniziativa "Scarichiamoli!" e di promuoverla a 
livello europeo. E' proprio la verità vera? Non credo. 

Anche sul suo libro, Aliprandi - glielo dico senza alcun intento polemico - 
si parla di "Scarichiamoli!" come di un'iniziativa di alcuni parlamentari: è 
proprio la verità vera? Non credo. 

Qualche giorno fa mi si stampa un sorriso sulle labbra perché mi segnalano 
che (per la prima volta?) Creative Commons Italia compare sulla prima pagina 
di un quotidiano a tiratura nazionale (nella fatispecie "Liberazione").
Mi dico: "Che bello che la condivisione della conoscenza acquisti tanto 
risalto". Ma ben presto il sorriso mi si spegne: tutto avrei pensato fuorché 
vedere CC Italia menzionata in un articolo-invettiva contro Joi Ito, reo di 
trovarsi nei consigli di amministrazione di Creative Commons, Mozilla 
Corporation, Open Source Initiative, ICANN, Technorati, MetaBrainz... e 
descritto, dunque, come una sorta di nuovo dominatore globale. 

Mi fermo qui, tanto per non incrementare l'entropia. 

Una riflessione però dobbiamo farla e, secondo me, dobbiamo fare una 
distinzione tra informazione professionale e informazione spontanea.
Ho piena fiducia nell'informazione spontanea, non perché la ritengo 
infallibile, ma perché la ritengo "democratica". Se tu mi critichi sul tuo 
blog, io, anche se sono il sig. nessuno, vengo sul tuo blog e commento il 
tuo post. Possiamo interagire, possiamo dialogare, possiamo capire meglio 
insieme la realtà.
Ma se tu mi critichi da un quotidiano (anche telematico), dalla televisione 
o dalla radio o in una conferenza alla quale io non partecipo... allora io, 
sig. nessuno, farò più fatica a spiegare la mia posizione. 

Ma non bisogna essere ipocriti: cosa faremmo noi, uomini della rete, se 
avessimo a disposizione i classici ed ancora più potenti, mezzi di 
comunicazione? 

Quando potremo sentire la risposta di De Martin ad Emmanuele Somma dalle 
frequenze di Radio Radicale (mi scusi De Martin se lo strumentalizzo, ma si 
tratta più che altro di una domanda spontanea)? 

Quando sarà possibile esporre la propria opinione su questa lista o sulla 
lista di AsSoLi senza essere considerati, da alcuni, dei troll o, come dice 
Glorioso, dei cretini (e mi scusi anche Glorioso se lo strumentalizzo, ma si 
tratta più che altro di una constatazione)? 

La verità è che, in un certo senso, siamo tutti dei gran cretini: alzi la 
mano chi non lo è. 

Allora, da "guerriero", ma anche da homo ethicus, come una sorta di templare 
rincretinito, lascio correre e poi, se del caso, "meno". 

Sì, bisogna "menare": è normale. L'animale politico "mena" e poi fa la 
"pace".
Mi fa molta paura la "pace" calata dall'alto e non frutto di un'esperienza 
di interazione. Mi fa pensare alle dittature comiche. 

Spero di essermi spiegato e di non avere creato problemi di tachicardia a 
nessuno. E se a qualcuno batte forte il cuore pensi che è segno 
dell'irripetibile esperienza d'esser vivi. 


Saluti,
n.a.g. 

 

 

 

 

 

 

 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it