[Cc-it] ancora sui presunti problemi delle CC

Thomas thomas.margoni a gmail.com
Mer 3 Ago 2005 15:31:30 EDT


Io gli ho letti tutti e 4 (anche l'ultimo che è la risposta di Mia
Garlick all'articolo apparaso su "indicare" a nome di P.B. Tòth,
appartenente alla locale collecting society ungherese).

Se da un lato è vero (come dice Pinna) che rappresentano delle
critiche un po' più articolate a quelle apparese sui blog italiani, a
me paiono basate quasi tutte sullo stesso errore di fondo.

Tutti vogliono percepire CC per qualcosa che CC non è ne mai ha
sostenuto voler essere. La maggior parte delle critiche pretende di
vedere nelle licenze cc l'equivalente in ambito non informatico della
GPL o free software licenses varie. Nessun dubbio che ad un primo
grado di approssimazione questa affermazione possa essere accettabile:
"Caro nipotino cosa è questa CrietivComons che fai ogni giorno?" "Cara
nonna, sai quella roba li del computer che non paghi e che puoi
prestare agli amici senza distrubare la finanza? E' la stessa roba ma
per libri e canzoni" "Ah, adesso ho capito, ero quasi preoccupata!".

Se però ci si vuole addentrare un po' più nel tema, cosa che in toria
stiamo facendo noi e tutte le persone che sono entrate almeno una
volta nel sito CC, allora il parallelismo inizia cedere. Per una serie
infinita di ragioni:
-Il concetto di informazione: fa differenza l'informazione codice
informatico da quella codice letterario, musica, foto, etc.?
-l'impostazione filosofica, etica e in fin dei conti politica del
progetto: non mi pare di leggere in nessuna licenza CC un preambolo
tipo "manifesto etico" presente nella GPL. Non credo che ciò sia
dovuto al caso. In CC non si vedono inneggiamenti al copyleft (inteso
come antitesi al copyright) ma si leggono cose del tipo "*some* rights
reserved" o "copyright ragionevole".
-Il tipo di relazioni che CC intende sostenere con i gruppi locali e
come intende organizzarle.

Ora non vogli entrare nel merito di ogni punto, anche perchè io
personalemente le mail torppo lunghe non le leggo, ma tutti e tre sono
già stati oggetto di discussione più o meno ampia o recente.

Riassumendo, secondo me, il principale problema sta in chi vuole
attribuire a CC funzioni, compiti e ruoli che CC non ha e non ha mai
sostenuto di voler avere (e il fatto di sostenere di ispirarsi alla
FSF non è pertintnete in questo caso).

CC fornisce degli strumenti, modulari, flessibili, strumenti che
soprattutto sono codice giuridico. Ad ognuno la scelta di quanto e
fino a che punto utilizzarli. FSF ha la FDL per i testi (ancorchè per
manuali), RSM stesso usa spesso licenze Verbatim, Debian adirittura
ritiene la FDL non free e usa la GPL per tutto ciò che non è hardware,
OSI non vede di buon grado l'impronta etica e poco commerciale di
GNU.....

confusione o pluralismo? 

Thomas




On 8/3/05, pinna <pinna a autistici.org> wrote:
> tra i commenti all'articolo ci sono anche i link a 3 letture critiche del
> progetto CC, argomentate in maniera decisamente piu' articolata di
> quanto non sia stato fatto recentemente nella "blogosfera" italiana.
> 
> http://copydown.inventati.org/copydown/2005/07/28/presunti_problemi_licenze_cc
> 
> io per ora ho letto solo l'articolo tratto da "Free Software Magazine", e
> nemmeno per intero, ma sembra affronta in maniera interessante gli
> aspetti piu' politici dell'impostazione del progetto CC.
> 
> ciao
> pinna
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>



Maggiori informazioni sulla lista cc-it