[Cc-it] Re: [Community] CC-Traduzioni (e altro?)

pinna pinna a autistici.org
Gio 28 Apr 2005 10:27:40 EDT


Lorenzo De Tomasi wrote:
> Una singola mail per rispondere a due persone sullo stesso tema :-)
> 
> Il giorno 26/apr/05, alle 18:42, iuriswebmaster a libero.it ha scritto:
> 
>>> Essendo un romanzo, voglio ovviamente non dare la possibilit? di
>>> modificarlo (No derivative work),
>>> ma al tempo stesso voglio permettere a chiunque di tradurlo, nel
>>> rispetto del testo.
> 
> 
> Ciao Oscar :-)
> ti scrivo per chiederti per quale motivo pensi sia *ovvio* che per un
> romanzo non venga data la possibilitÓ di modifica (sostanziale e/o non
> sostanziale).

(ho perso il thread originale)

le considerazioni sulle opere collaborative riportate da lorenzo sono
interessanti - riguardano pero' opere concepite fin dall'inizio con un
approccio alla scrittura differente.
e' importante che tramite una licenza libera un autore possa
permettere/incentivare la modifica della sua opera. ma il caso di un
romanzo che l'autore vuole diffondere in forma immutabile e' tipico,
molto diffuso e va comunque affrontato in quanto tale.
penso che cultura libera significhi facilitare la diffusione di tutte le
opere, anche di quelle che l'autore vuole non-modificabili. e magari
allo stesso tempo incentivare gli autori a provare un approccio piu'
aperto alle rielaborazioni :)

penso anche che per la scrittura creativa l'impossibilita' di
rielaborare un'opera esistente non pregiudichi la liberta' nella
creazione di nuove opere, almeno non quanto la pregiudica nel campo del
software o in quello della musica (ma tutto cambia nel momento in cui si
vietano le citazioni; e a causa delle nuove leggi sul copyright
l'hip-hop oggi sarebbe illegale).

storicamente, dei libri [romanzo|racconto|saggio|etc] sono state diffuse
traduzioni, ma non opere derivate nel senso di remix/rielaborazione del
testo. questo e' lo scenario con cui si confronta chi scrive e chi
distribuisce. la traduzione di un'opera e' allo stesso tempo modifica di
cio' che esiste gia' e creazione di qualcosa di nuovo. credo quindi che
sia importante che un sistema di licenze libere preveda anche questa
particolare trasposizione.

attualmente Creative Commons non prevede una licenza specifica per le
traduzioni. come ricordato da lorenzo, era stato attivato un
sotto-progetto; e' rimasto in letargo per molti mesi, ma proprio cinque
giorni fa sul blog di CC se ne e' annunciato il riavvio:
http://creativecommons.org/weblog/entry/4150

in attesa che partano le discussioni sulle liste internazionali sarebbe
interessante sentire il parere di chi e' coinvolto direttamente, cioe'
di chi scrive racconti, romanzi, saggi ... e di chi li traduce :)


non ho parlato della trasposizione (es. di un libro in un film), che
probabilmente merita anch'essa un discorso a se' dato che e' un processo
creativo e rielaborativo con molte sfumature.

ciao
pinna



Maggiori informazioni sulla lista cc-it