[Cc-it] CC-Traduzioni (e altro?)

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a gmail.com
Mer 27 Apr 2005 13:39:14 EDT


Una singola mail per rispondere a due persone sullo stesso tema :-)

Il giorno 26/apr/05, alle 18:42, iuriswebmaster a libero.it ha scritto:

>> Essendo un romanzo, voglio ovviamente non dare la possibilit? di 
>> modificarlo (No derivative work),
>> ma al tempo stesso voglio permettere a chiunque di tradurlo, nel
>> rispetto del testo.

Ciao Oscar :-)
ti scrivo per chiederti per quale motivo pensi sia *ovvio* che per un 
romanzo non venga data la possibilità di modifica (sostanziale e/o non 
sostanziale).
La mia non vuole essere una provocazione, ma un invito alla 
riflessione, visto che ho un'opinione differente :-)
Un romanzo, nell'elenco di categorie di opere stilato da Stallman 
[trovi il saggio su Software Libero, Pensiero Libero pubblicato da 
Stampa alternativa], potrebbe essere considerato un'opera opere 
estetica o di intrattenimento ("dove tutto si riduce alle sensazioni 
che si provano ammirando l’opera") e, in quanto tale, si potrebbe 
pensare che concedere il diritto di modifica sia meno "utile" rispetto 
a un'opera strumentale (ossia gli strumenti necessari per realizzare un 
lavoro, come una macchina utensile, un programma di videoscrittura, il 
risultato di un esperimento scientifico, una tesi di laurea, un manuale 
didattico o di istruzioni).

Permetterne la modifica (anche solo a fini non commerciali, come ha 
fatto Cory Doctorow [ http://en.wikipedia.org/wiki/Cory_Doctorow ] con 
Down and Out in the Magic Kingdom [ 
http://en.wikipedia.org/wiki/Down_and_Out_in_the_Magic_Kingdom ][ 
http://www.craphound.com/down/ ]) può però contribuire a incentivare la 
diffusione dell'opera originale attraverso l'elaborazione e la 
distribuzione di opere derivate (ad esempio una trasposizione a 
fumetti, a cartoni animati o sotto forma di filmato, oppure altri 
romanzi o racconti ambientati nello stesso "scenario", se non 
addirittura un prequel o un sequel).
A mio parere è anche interessante l'idea di un romanzo collaborativo 
(ad esempio sviluppato su un wiki) o ramificato (a partire da un 
determinato punto un altro autore inizia a svilupparne una versione 
parallela all'originale). In Alto Adige Luisa Carrada ha recentemente 
proposto "un progetto di romanzo open source, un esperimento di 
scrittura collettiva in rete ambientato in Alto Adige, realizzato dalla 
Provincia Autonoma di Bolzano in collaborazione con l'ensemble 
narrativo Kai Zen. Chiunque può partecipare, inviando la sua proposta 
di capitolo per continuare la storia, fino ad arrivare alla stesura e 
pubblicazione di un vero romanzo". [Tratto da: 
http://mestierediscrivere.splinder.com/ ]

Mi piacerebbe poi capire se consideri il diritto di libera traduzione 
alla pari di quello di libera trasposizione in tipologie di opere 
differenti (filmato, fumetto, cartone animato…), ossia se li 
concederesti allo stesso modo in cui permetteresti "a chiunque di 
tradurlo, nel rispetto del testo".
Tra gli esempi che ho fatto precedentemente c'è qualcosa che non 
permetteresti mai nei confronti del romanzo che stai scrivendo e 
perché?

Perdonami per questa sorta di interrogatorio, ma è un tema che mi 
interessa particolarmente :-)


> Non capisco come mai nessuno degli organi ufficiali Creative Commons 
> ci abbia pensato. Non penso sia solo una questione di pigrizia e 
> menefreghismo "perchè tanto loro parlano Inglese"... boh.

Ciao Simone :-)
vi segnalo che il problema è stato affrontato da Creative Commons Corp, 
che aveva attivato un apoosito gruppo con relativa lista di discussione 
per una futura licenza cc-translation [ 
http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-translation ].

[ http://creativecommons.org/discuss#translation ]
Translation license
Description: Discussion of a license that would allow translations of a 
work into global languages.
Project Lead: Heather Ford, Reuters Digital Vision Fellow at Stanford 
University (http://www.hblog.org and http://reuters.stanford.edu)

Spero contribuiate direttamente al suo sviluppo. Il wiki di 
creativecommons.it è eventualmente a disposizione per creare un punto 
di riferimento italiano sulla questione.

Un abbraccio,
Lorenzo




Maggiori informazioni sulla lista cc-it