[Cc-it] clausola "translation"

iuriswebmaster a libero.it iuriswebmaster a libero.it
Mar 26 Apr 2005 12:42:11 EDT


> Salve,
>     volevo porre una domanda, poich? da un p? di tempo lavoro ad un 
> romanzo che intendo rilasciare sotto cc. Essendo un romanzo, voglio 
> ovviamente non dare la possibilit? di modificarlo (No derivative work), 
> ma al tempo stesso voglio permettere a chiunque di tradurlo, nel 
> rispetto del testo. Essendo le licenze americane, ? chiaro che in lingua 
> inglese questo problema non si ? posto, ma per noi italiani invece s?.
> Propongo quindi l'aggiunta della opzione "Translation Admitted" o "Free 
> for translate", come credete. Ovviamente se possa essere utilizzata in 
> traduzioni per pubblicazioni a scopo di lucro, lo definisce l'opzione 
> apposita ed un eventuale colloquio tra autore e parti interessate.
> Attendo risposte sul tema.
> 
> Arrivederci,
> Absinth

BINGO!!!!!
E' una cosa che mi sono sempre chiesto anch'io.
La traduzione non può essere considerata alla stregua delle altre modifiche sostanziali del contenuto.
E tra l'altro non mi sembra una cosa così complicata da fare; non capisco come mai nessuno degli organi ufficiali Creative Commons ci abbia pensato. Non penso sia solo una questione di pigrizia e menefreghismo "perchè tanto loro parlano Inglese"... boh.
Cmq - per i principi di libertà contrattuale riconosciuti negli ordinamenti di tutto il mondo - sei sempre libero di aggiungere clausole alle licenze. Il problema è che poi non puoi più chiamarla "Licenza Creative Commons".

ciao, Simone Aliprandi



____________________________________________________________
6X velocizzare la tua navigazione a 56k? 6X Web Accelerator di Libero!
Scaricalo su INTERNET GRATIS 6X http://www.libero.it





Maggiori informazioni sulla lista cc-it