[Cc-it] CC e Liber Liber: c'Ŕ un """problemino""" :-)

pinna pinna a autistici.org
Mer 29 Set 2004 04:57:10 EDT


Nicola Alcide Grossi, Wed, Sep 29, 2004 at 03:08:56AM +0200:
> Come sapete poco tempo fa Liber Liber ha adottato le licenze CC: la notizia 
> Ŕ rimbalzata un po' ovunque sul web. Stasera per˛ mi Ŕ venuto un dubbio: 
> vuoi vedere che... 
> 
> http://www.liberliber.it/biblioteca/licenze/index.htm 
> 
> ... e giÓ, hanno fatto la frittata. 
> 
> "I testi liberi da diritto d'autore sono distribuiti con licenza Creative 
> Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike. 
> 
> Ma se un testo Ŕ "libero dal diritto d'autore", come si fa a distribuirlo 
> sotto licenza Creative Commons? Come si fa, ad esempio, a impedirne la 
> commerciabilitÓ?
> Le licenze d'uso sono un modo di gestire il diritto d'autore, ma se il 
> diritto d'autore non c'Ŕ pi¨, non Ŕ possibile applicarle. Applicare una 
> licenza d'uso ad un testo di pubblico dominio (o meglio: patrimonio 
> dell'umanitÓ) significa *pretendere di rimetterlo sotto diritto d'autore*.
> Vi rendete conto dell'assurditÓ del fatto? :-D

no, non c'e' niente di assurdo. probabilmente intendevano dire "liberi
da forme tradizionali di copyright". non e' colpa loro se concetti come
"diritto d'autore" e "copyright" in passato sono sempre stati confusi 
tra di loro, e -quel che e' peggio- usati a sproposito per intendere
"sfruttamento monopolistico di un'opera a soli fini economici". 
questa confusione e' invece colpa
dei grandi detentori di diritti, cioe' dei grossi nomi dell'industria
culturale, e delle loro fuorvianti campagne mediatiche, volte ora a
"salvare il libro", ora a "salvare il cinema"...sempre in nome "degli
autori" e del "diritto d'autore".


> Ho segnalato la cosa a Liber Liber: vediamo cosa mi rispondono.
> Spero che capiscano: se non mi credono, che facciamo? Gli mandiamo una mail 
> targata creativecommons.it? :-) [A proposito, chi tra i membri in lista 
> possiede l'account di posta elettronica creativecommons.it? Tutte le 
> *persone* che collaborano al progetto dovrebbero averne uno. O sto dicendo 
> un'eresia?] 

imho, si' e' un'eresia, avere un indirizzo @creativecommons.it cosa
cambia? da' piu' autorevolezza a quello che uno scrive?


> Se sulla rete si facessero meno chiacchiere sulle libertÓ e pi¨ libera 
> informazione... non cambierebbe nulla ugualmente ma almeno avremmo fatto la 
> cosa giusta. :-D 

gli hai scritto, bene, vediamo cosa rispondono. ti sei accorto solo ora
che le terminologie legate al diritto d'autore, al copyleft, alle
licenze creative commons non sono quasi mai usate correttamente?
ti pare che le sfumature tra una licenza e l'altra siano facili da far
capire a chi non aveva mai sentito parlare di forme alternative di
copyright fino al giorno prima?

temo che il tuo stupore sia dovuto al fatto che ti manca un contatto
diretto con la realta', ovvero con le persone e i progetti che scelgono
di adottare le licenze libere. ma questo non e' un limite solo tuo, e la
dimostrazione ne e' il fatto che questa lista non sia ancora riuscita a
produrre e a diffondere adeguatamente un testo chiaro sull'utilizzo 
pratico delle licenze creative commons.

mi rendo conto del tono poco condiscendente di questa email. credo 
che in ogni caso non portero' avanti la discussione se le repliche 
saranno semplici disquisizioni terminologiche o filosofiche, 
della cui reale utilita' per questo progetto dubito fortemente. 

ciao
pinna



Maggiori informazioni sulla lista cc-it