[Cc-it] Re: Rivoluzione nel diritto o rivoluzione nella societ

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Lun 27 Set 2004 19:15:56 EDT


tom Scrive: 

>>Quindi, forse (mi permetto di interpretare) *tu* volevi dire che nel 
>>"sistema giuridico", accanto al diritto, troviamo giurisprudenza e dottrina. 
> 
>>>Tom wrote:
>>>[...]in cui la formante legislativa è solo una delle fonti in gioco
> 
> E' esattamente ciò che ho detto ;-) 

Un momento. :) Ti riporto l'intera frase:
"un sistema giuridico è un modello complesso in cui la formante legislativa 
è solo una delle fonti in gioco. Come saprai *le altre due*, sono quella 
giurisprudenziale e quella dottrinale." 

Qui tu dici che il sistema giuridico ha 3 formanti (abbiamo chiarito che il 
termine "fonte" non l'hai usato in senso specialistico): la legge, la 
giurispudenza e la dottrina. 

Io ti ho contestato il fatto che la legge non è la terza formante ma lo è il 
diritto. Chiaro? :) 


> Siccome giurisprudenza e dottrina fanno parte nel diritto, allora di conseguenza, da giurisprudenza e dottrina, e se vuoi in parte anche nella legge, l'elemento si trasferisce nel concetto che ingloba i tre precedenti: diritto.

Vedi? E' proprio su questo punto che non ci intendiamo: giurisprudenza e 
dottrina non fanno parte del diritto e il diritto può "inglobare" solo la 
legge (che è una delle fonti del diritto) ma non anche giurisprudenza e 
dottrina. 

Visto che sei d'accordo sulla parte sostanziale, direi che possiamo 
continuare la discussione sulla parte formale (di scarso interesse per la 
lista) in privato. :) Altrimenti ci cacciano e a ragione: non ti capita mai 
di guardarti allo specchio e dirti: "Ma quanto sei palloso?". A me sì. :D 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it