[Cc-it] Re: Rivoluzione nel diritto o rivoluzione nella societ

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Lun 27 Set 2004 07:53:41 EDT


tom Scrive: 

> Penso che stiamo parlando di due cose differnti,
> tu di legge 
> io di un sistema giuridico. ;-) 
> 
> Tom

:) No, non ci siamo ancora capiti ma credo basti poco. :)
Non parlo di legge, parlo di diritto (rivoluzione nel diritto).
La legge è soltanto una delle fonti del diritto.
Come sai, nel linguaggio giuridico il termine "fonte" ha un significato ben 
preciso ed univoco. 

Quindi, forse (mi permetto di interpretare) *tu* volevi dire che nel 
"sistema giuridico", accanto al diritto, troviamo giurisprudenza e dottrina. 

Ma allora se secondo te la rivoluzione non è nel diritto ma altrove 
(giurisprudenza e dottrina), non vedo perché tu non sia d'accordo con me nel 
dire che non c'è nessuna rivoluzione *nel diritto*. 

La rivoluzione dei giudici e dei dottori... mah... che rivoluzione è?
E soprattutto: in cosa consiste? Ad esempio: quando la GPL, alla prima 
disputa processuale, ha vinto si è trattata di una rivoluzione 
giurisprudenziale? Il giudice era "sconvolto"? :) A me non pare proprio: era 
una sentenza assolutamente in linea con tante altre sentenze emesse in 
passato in ordine al "permesso d'autore". Positivamente "sconvolti", magari, 
eravamo noi: ma noi non siamo giudici, siamo comuni cittadini, società 
civile.
Il Copyleft non è un'invenzione, è un bellissimo modo per attirare 
l'attenzione delle persone su un termine e renderle consapevoli dei propri 
diritti: tu puoi gestire il tuo diritto d'autore anche in questo modo e se 
lo gestisci in questo modo è meglio per questo, questo e questo motivo.
La vera rivoluzione è dunque *nella società* e l'atto rivoluzionario è 
l'*informare*.
Si tratta di una conquista di consapevolezza dei nostri diritti, non di un
cambiamento del diritto. Mi spiego? Se passa l'idea che siano i giudici e i 
dottori a fare questa rivoluzione siamo fregati: incrociamo le braccia e 
attendiamo che ci arrivino sviluppi dalle torri d'avorio. Invece bisogna 
informare la gente, essere attivi, spiegare cosa è possibile fare e perché.
La maggior parte delle persone pensa che la SIAE sia la mamma del diritto 
d'autore, ma vi rendete conto? Capite cosa intendo dire? :) 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it