[Cc-it] Re: Rivoluzione nel diritto o rivoluzione nella societ

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Dom 26 Set 2004 16:44:59 EDT


tom Scrive: 

> Quanto dici non tiene in  considerazione il fatto che un sistema giuridico è un modello complesso in cui la formante legislativa è solo una delle fonti in gioco. Come saprai le altre due sono quella giurisprudenziale e quella dottrinale. 

Che la dottrina e la giurisprudenza nel nostro ordinamento siano fonti di 
diritto mi giunge davvero nuova. :) Fonti di diritto sono la costituzione, 
la legge, la consuetudine... (mettiamoci anche le fonti extra ordinem) ma la 
giurisprudenza e la dottrina assolutamente no (la giurisprudenza è fonte di 
diritto nel sistemi di common law, nel nei sistemi di civil law come il 
nostro no). 


Forse è ancora presto per aspettarsi delle sentenze che chiariscano la 
validità delle cc nei vari ordinamenti; sicuramente cc rappresenta un 
contributo dottrinale non indifferente, sia per il fatto che ci sono dei 
dottori (ricordi la communi opinio) sia perchè è innegabile che qui (latu 
senso) si faccia cultura.
> Oltre a quanto detto fin'ora, ci sono i sustrati culturali-storici-politici che determinano l'evoluzione giuridica in forme peculiari.
> Per tanto non vedo la necessità di nessun riconoscimento legislativo per sostenere che siamo di fronte a un fenomeno rivoluzionario nel diritto (che, ripeto è nato con la gpl). Che forme analoghe di libero scambio di saperi siano risalenti rispetto alla gpl è certo, ma bisogna vedere la relazione che diritto e tecnologia hanno tenuto nei secoli. Considerando ciò io sono dell'opinione che sì, siamo di fronte a una rivoluzione giuridica la quale tenta di essere contrarrestata a attraverso strumenti legislativi.
 

La mia è una considerazione di natura tecnica: a mio avviso, c'è rivoluzione 
nel diritto quando il diritto cambia, quando invece si diffondono nuovi 
modelli contrattuali (che sono espressione di un diritto non rivoluzionato, 
perché non modificato), allora preferisco parlare di "fenomeno giuridico". 
Un "fenomeno giuridico" può coincidere certamente con una rivoluzione nella 
società, ma non nel diritto. Spero di avere chiarito la mia posizione. Poi, 
chiaramente, ognuno ha le proprie lenti colorate direbbe Kant. :) 

 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it