[Cc-it] Re: Rivoluzione nel diritto o rivoluzione nella società?

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Sab 25 Set 2004 14:06:20 EDT


> Danilo Moi risponde:

> Mi pare però anche evidente che forme "legislative" (se così possiamo 
> definirle) come la GPL e le Creative Commons possiedano una forte carica 
> rivoluzionaria nei confronti del diritto attuale. 

Possiamo definirli "nuovi" modelli contrattuali nel pieno rispetto delle 
leggi vigenti: se potessimo chiamarle "forme legislative" allora sarebbe 
davvero una rivoluzione nel diritto, perché significherebbe che è avvenuto 
un importante cambiamento delle regole. Quando il legislatore traduce in 
legge nuove "istanze" sociali (l'"etica" di cui parli nel tuo saggio), 
allora si può parlare di rivoluzione nel diritto. Preferisco quindi usare 
l'espressione "fenomeno giuridico", anziché l'espressione "rivoluzione nel 
diritto": altrimenti ci giochiamo subito il senso profondo del termine 
"rivoluzione"... è un peccato no? :) 


> Mi permetto si segnalarti(vi) il mio saggio "Equalism: dissertazione su 
> una nuova etica"
> http://www.attivista.com/equalism
> in particolar modo la parte "Gpl e Creative commons: aspetti speculativi"
> http://www.annozero.org/nuovo/stories.php?story=379 

L'ho letto circa 2 mesi fa e colgo l'occasione per farti i complimenti.
Volevo darti un piccolo suggerimento di natura tecnico-giuridica su una 
certa questione e lo farò a breve in privato (se ti fa piacere). 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939) 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it