[Cc-it] Re: Rivoluzione nel diritto o rivoluzione nella società?

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Sab 25 Set 2004 13:00:05 EDT


Nicola Alcide Grossi Scrive:
Pertanto, non parlerei di una rivoluzione nel diritto (se si trattasse di 
una rivoluzione nel diritto non sarebbe stato certamente Stallman a 
determinarla, ma il legislatore). 

Danilo Moi risponde:
Non sono completamete d'accordo.
Certamente non si parla solo di Stallman e del movimento free software 
(anzi, penso banalmente che le modalità "libere" dello scambio di idee, 
strumenti, testi etc etc sia proprio il motivo del progresso umano) 
certamente questa rivoluzione è più in "potenza" che in atto (anzi, si può 
addirittura affermare senza tema di smentita che allo stato attuale delle 
cose il "legislatore" tenda ad inasprire le prescrizioni più che a vertere 
verso le determinazioni "Copyleft")
Mi pare però anche evidente che forme "legislative" (se così possiamo 
definirle) come la GPL e le Creative Commons possiedano una forte carica 
rivoluzionaria nei confronti del diritto attuale. (che poi le loro 
determinazioni non siano del tutto nuove nella storia dell'umanità è 
un'altro discorso) 

Mi permetto si segnalarti(vi) il mio saggio "Equalism: dissertazione su una 
nuova etica"
http://www.attivista.com/equalism
in particolar modo la parte "Gpl e Creative commons: aspetti speculativi"
http://www.annozero.org/nuovo/stories.php?story=379 

Nella prima parte del saggio parlo da un punto di vista filosofico (sono un 
laureando in storia della filosofia) proprio della relazione etica-diritto e 
in che maniera (secondo me) il cambiamento delle "modalità di relazione tra 
individui (etica) cambia (deve cambiare) la loro "canonizzazione 
legislativa" (diritto)
http://rekombinant.org/article.php?sid=2352 

Questo cambiamento è rivoluzionario (in potenza ovviamente) proprio perchè 
cambia (dovrà cambiare?) la figura del legislatore.
http://www.attivista.com/equalism/politica.html
[...]Il passaggio dalla democrazia rappresentativa alla democrazia 
assembleare come compimento di un secolare processo storico corroborato 
dall'introduzione di Internet. Chiarificazione dell'illusione e 
dell'impossibilità costituita dalla net-democracy[...]
Se l'espressione della volontà collettiva è l'assicurarsi da parte degli 
individui che le le loro modalità di relazione vengano contemplate e 
tutelate dai sistemi giuridici è necessario che le strutture deputate a 
determinarli si modellino secondo schemi adatti e opportuni ad esprimere 
tale volontà in maniera diretta e immediata.[...] 


Riguardo l'aspetto che "tutto questo non sia poi così nuovo nella storia 
dell'umanità" 

Equalism: Aspetti sociologici generali
http://www.attivista.com/equalism/sociologia.html
[...]Analisi delle relazioni sociali come subordinate alla struttura 
materiale attraverso la quale esse hanno luogo. Riconduzione del cambiamento 
della concezione dell'etica all'immediatezza delle relazioni nella 
"meta-società Internet". *********Affinità di questo tipo di relazioni con 
le relazioni che si instaurano nelle comunità di tipo tribale.********[...] 

Mi scuso per l'autoreferenzialità ma, poichè sono "abbastanza sensibile" al 
problema posto ci ho scritto sopra un bel po', ergo non trovo modo migliore 
per risponderti se non segnalando appunto cosa ho scritto. 

Un Saluto 

Danilo Moi
http://www.attivista.com
http://www.annozero.org
http://www.creativecommons.it
http://www.attivista.com/activists



Maggiori informazioni sulla lista cc-it