[Cc-it] Rivoluzione nel diritto o rivoluzione nella società?

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Sab 25 Set 2004 11:07:41 EDT


Il "permesso d'autore" esiste da quando esiste il diritto d'autore ("per 
gentile concessione dell'autore"... ): ci sono molti autori che ignorano 
l'esistenza del termine "copyleft" eppure da sempre ne mettono in pratica 
l'idea. :) Già nell'800, uno studente del MIT (che evidentemente non era 
Stallman ma Tucker, un rivoluzionario d.o.c.) teorizzava su quello che oggi 
chiamiamo "copyleft". In Italia è uscito un libercolo di Tucker, edito da 
Stampa Alternativa, intitolato "COPIA PURE": purtroppo sono poche pagine, le 
uniche pagine di Tucker tradotte in italiano (peccato, perché era un 
giornalista e i suoi scritti non sono pochi) ma sono così attuali, così 
vere, così lucide da lasciare piacevolmente stupiti. Nulla da invidiare a 
Lessing. :)
Pertanto, non parlerei di una rivoluzione nel diritto (se si trattasse di 
una rivoluzione nel diritto non sarebbe stato certamente Stallman a 
determinarla, ma il legislatore). Parlerei, invece, di una rivoluzione nella 
società, una rivoluzione dalle origini antiche e in buona parte ancora da 
attuare. Del resto, il fine del "permesso d'autore" è essenzialmente la 
condivisione dei saperi e la c.d. "Società dei saperi": è quello il fine 
della "rivoluzione". Il diritto è solo un mezzo accanto ad altri mezzi. Per 
questo motivo, mi auguro che le energie in campo, dopo essere state 
impiegate nella necessaria e prioritaria "fase giuridica", possano 
raggiungere l'obiettivo confluendo nella "fase sociale" del progetto 
(sempreché una "fase sociale" [ultrainternettiana] sia prevista). 


Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

« Se fosse stato possibile che la creazione concreta o l'adattamento 
risultante dagli sforzi di un singolo individuo fossero utilizzati 
contemporaneamente da tutti gli individui, la presa di coscienza di questa 
possibilità, lungi dall'essere presa a pretesto dalla legge per impedire 
l'uso di questa cosa senza il permesso del suo creatore o adattatore, e 
lungi dall'essere considerata dannosa per qualcuno, sarebbe stata salutata 
come una benedizione per tutti - in breve, sarebbe stata vista come una 
delle più fortunate caratteristiche della natura delle cose ». 

Benjamin R. Tucker (1854-1939)



Maggiori informazioni sulla lista cc-it